Utente cancellato
Gentili dottori , in un precedente consulto ho spiegato brevemente il mio problema. Adesso sono 20 giorni che sono in cura con daparox e xanax.
Ho iniziato a 5 gocce, poi 10 e da oggi inizio con 20. Lo xanax prendo una pillola da 0,25 al mattino e una la sera.
Vengo seguita da una psicoterapeuta da 8 mesi e la cura farmacologica mi è stata prescritta dal neurologo.
Chiedo a voi però un parere: è normale che io stia peggio di prima? Gli attacchi di panico sono aumentati( anche se sono gestibili), l ansia pure ed ho spesso l oppressione al petto che ovviamente mi rende la vita molto invalidante. Può essere causa del farmaco?
Attendo vostre risposte.
Cordiali saluti.

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

La terapia del panico per funzionare richiede un mesetto di attesa, con possibile peggioramento dei sintomi nel frattempo, di solito alle prime dosi, quelle ancora basse.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
361392

dal 2015
La ringrazio per la celere risposta. Quindi posso star tranquilla?!
Perché purtoppo pensavo di star meglio invece i peggioramenti ci sono e questa cosa mi ha spaventata un pó. O meglio mi ha sfiduciata su qualsiasi tipo di terapia.

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
"Quindi posso star tranquilla?!"

Avendo un disturbo di panico è difficile che ci riesca. Il suo medico le ha dato una terapia adeguata, segua le sue indicazioni e riporti a lui la situazione. Anche nel caso di segnalazioni tipo questa, si sentirà più rassicurata da lui che non da altri. Se invece l'ha già rassicurata lui e cercava altre rassicurazioni, tenga presente che a volte giova fidarsi e attendere piuttosto che chiedere rassicurazioni, perché nonostante l'effetto immediato possono invece rendere meno capaci di gestire poi eventuali problemi passeggeri.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
361392

dal 2015
Diciamo che il medico mi ha detto di aspettare come anche la psicoterapeuta. Solo che a casa non si aspettavano questa ricaduta e mi bombardano di domande alle quali io , non essendo nel campo , non so dare risposta. Ecco perché ho chiesto "consiglio" qui..
La ringrazio comunque per le sue risposte.
Attenderò.

[#5]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Domande su che cosa ? E soprattutto ricadute in che senso ? Era già stata male in passato e si era curata ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6] dopo  
361392

dal 2015
No, è la prima volta che ho questi disturbi.
Cioè sono 8 mesi che soffro di DAP e tutto ciò che ne comporta. E ci sono momenti in cui sto meglio altri in cui sto molto peggio. E loro chiedono a me come mai io passi questi periodi neri. Se la psicoterapia sta funzionando, se il farmaco sta funzionando, se la psicoterapeuta è brava. E via dicendo.
Non hanno preso molto bene il fatto che io stia male e mi stia facendo aiutare da un terapeuta.
Non credono molte a queste "malattie mentali".

[#7]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Se uno ha una malattia come lo spiega che sta male ? Direi che la domanda è di per sé abbastanza assurda.

Il farmaco l'ha iniziato da meno di un mese, non si prevede che ancora funzioni comunque.
La psicoterapia in un disturbo di panico ha un ruolo non centrale sugli attacchi e ciò che ne consegue, per cui non è chiaro chi l'abbia scelta come primo intervento e per quali obiettivi.

Le malattie mentali non richiedono di credere a niente, sono come tutte le altre. Si vedono, si osservano, si curano.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#8] dopo  
361392

dal 2015
In che senso la psicoterapia ha un ruolo non centrale nella cura degli attacchi di panico?
Non credo che tutta la gente del mondo si curi solo con i farmaci.
Ho scelto io personalmente di rivolgermi ad un psicoterapeuta perché ritenevo fosse la scelta più giusta.

[#9]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Il disturbo di panico ha delle cure farmacologiche. Non ho idea di che cosa faccia la gente nel mondo, quella che è stata studiata allo scopo di capire come si può curare il panico ha mostrato di rispondere bene ad alcune terapie farmacologiche.
La psicoterapia (non in generale, perché "Psicoterapia" così in generale non significa niente, sarebbe come dire "farmaco") con certe caratteristiche può avere funzioni importanti nel riadattamento e nella gestione dell'ansia residua, ma dopo che il disturbo è bloccato dalla terapia farmacologica, senza più attacchi in corso.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it