Utente 378XXX
Gentil Dottori,
assumo Trittico rp 50 mg e Quetiapina rp 50 mg da due settimane per un disturbo borderline. Lo psichiatra mi ha detto di aumentare Trittico a 75 mg per due settimane e poi di arrivare a 100 e di portare la quetiapina a 75, ipotizzando di arrivare massimo a 100 mg. Volevo sapere quanto tempo ci vuole per raggiungere un po' di stabilità a livello di umore e diminuire l'impulsività che nei momenti in cui sto male mi fa avvicinare sempre più al suicidio.
Lo chiedo perché non ne posso più e mi verrebbe da sospendere tutto anche se so che non devo farlo e cercheròdi non farlo.
Grazie

[#1]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
L'andamento del trattamento dovrà essere valutato durante il corso dello stesso per capire se sia necessario provvedere ad ulteriori aumenti di terapia oppure a variazioni terapeutiche.
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#2] dopo  
Utente 378XXX

Certo, ma siccome la prox visita sarà tra un mese volevo avere un'idea di massima, in base allle vostra esperienza, per dire che il farmaco stia funzionando. Al momento l'unico effetto positivo è stato sul sonno, sicuramente importante per aver maggior luciditá,,ma non quello che piu mi preme.
..il trittiico a 75-100 mg ha effetto antidepressivo? E la quetiapina vi risulta sia efficace nel contenere l'impulsività? Sono già a 50 ma mi son trovata comunque in situazioni .a rischio e ho paura di me in quei momenti.
Grazie ancora

[#3] dopo  
Utente 378XXX

Dottor Ruggiero..forse non ha visto la mia domanda..Non chiedo prescrizioni ma solo una risposta in base alla sua esperienza clinica, se possibile.
Grazie ancora

[#4]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Non non ho visto la sua domanda.

Come già detto la terapia va valutata durante la terapia con i controlli periodici che sono programmati di volta in volta.
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#5] dopo  
Utente 378XXX

..scusi ma non capisco se mi sta prendendo in giro.
È ovvio che l'andamento della terapia su di me vada valutata dal mio psichiatra, quello che le chiedevo era la sua esperienza clinica rispetto ai risultati di questi farmaci a questi dosaggi(trittico rp 75, che tra due settimane porterò a 100 e quetiapina rp 75) per il disturbo borderlin, in particolare per quel che riguarda la rabbia e l'impulsività.

[#6]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Lei è all'inizio di terapia, per come la penso io i suoi dosaggi andranno aumentati.
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#7] dopo  
Utente 378XXX

Grazie per aver risposto!!
Ma secondo lei questi dosaggi non fanno niente? Avendo cambiato diversi farmaci in due mesi (Lamictal, Daparox e infine Trittico e Quetiapina) sono un po' scombussolata tra effetti e effetti collaterali e non capisco se sto un po' meglio di prima o no..e neanche se io riponga aspettative miracolistiche..
D'altra parte penso anche che dovrei farcela da sola lavoradoci in psicoterapia

Non so sono stanca.

[#8] dopo  
Utente 378XXX

Èpossibile che la quetiapina mi aumenti l'impulsività???Spaccherei tutto. O è l'alcool?

[#9] dopo  
Utente 378XXX

Mi sento molto sola a nessuno gliene frega davvero di me. Non di sicuro alla mia famiglia, non al mio psichiatra al mio terapeuta..tutti spaventati e impotenti. Ma può uno psichiatra dire che rischio di farmi fuori in un momento di impulsività e mollarmi cosi con una terapia farmacologica a quanto pare blanda?

[#10]  
Dr. Alex Aleksey Gukov

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
12% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2010
La Quetiapina di sicuro non aumenta l'impulsività, al contrario. L'alcol può sia sedare, sia aumentare l'impulsività (non sempre è prevedibile), inoltre è rischioso (dal punto di vista fisico) bere l'alcool assieme con i farmaci come quelli che Lei assume.

Non è affatto una terapia blanda così come è programmata. Piuttosto ci vorrebbe un monitoraggio un po' più ravvicinato, e bisogna chiederlo.

Ma il problema maggiore è la situazione in psicoterapia - è un problema più serio (ma anche più risolvibile).

Quello che Lei ha scritto nella Sua ultima replica è l'espressione dell'impulsività..., delle conclusioni affrettate e generalizzanti. Prova a fare il primo passo Lei, sforzandosi di dare più fiducia ai Suoi curanti, prima di tutto non mollare Lei loro, e farlo capire a loro a parole. Così magari anche il "clima" cambierà un po' in meglio.
Dr. Alex Aleksey Gukov

www.psichiatriagenova.tk
www.proiettivo.tk

[#11]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
A mio parere la sua terapia è comunque sottodosata e va considerato l'aumento che possa giungere a dosaggi terapeutici efficaci, soprattutto perché i suoi momenti di impulsività corrispondono esattamente a ciò che dice ritenendo che gli altri non la supportino in modo efficace e duraturo.

E' complesso dare continue rassicurazioni anche da parte di chi le sta vicino perché ne richiede sempre di nuove, arrabbiandosi se non le ottiene.
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#12] dopo  
Utente 378XXX

Io ho espresso i miei dubbi sia allo psichiatra che al terapeuta..Purtroppo sono seguita privatamente e quindi non posso permettermi controlli troppo ravvicinati ..e il pubblico non è un'opzione per motivi che non posso spiegare.
Il mio terapeuta mi ha detto che non è spaventato ma dispiaciuto per la mia sofferenza..non so la sensazione è di mandare tutti nel panico e di essere solo un peso, anche per voi che gentilmente mi rispondete. Per via dello scompenso che ho avuto è da mesi che in terapia siamo in stand-by e il supporto non mi basta e mi fa sentire ancora peggio perché non vedo la via d'uscita: del resto lui aspetta che la terapia farmacologica faccia effetto..
Forse un po' meglio sto ma ho paura degli effetticollaterali e della dipendenza. Ad esempio sto ingrassando e avendo un passato di bulimia abbastanza grave questo mi spaventa . Può essere la quetiapina? O sono il transact e il paracetamolo che ho preso x dolori vari? Non ho mangiato così tanto fi più da prendere 2-3 kg...se l'anda
mento è questo non è il farmaco adatto a me..
L'alcol che tipo di problemi mi puó dare se assunto in quantità limitate (1-2 birre doppio malto o 1-2 sprirz al dì) ma in modo costante?

Dottor Ruggiero cosa intende con "i suoi momenti di impulsività corrispondono esattamente a ciò che dice"?

[#13]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
[#14] dopo  
Utente 378XXX

..non ho capito lo stesso, me la può rispiegare?

[#15]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
[#16] dopo  
Utente 378XXX

Capito...grazie.
E rispetto alla quetiapina che mi dice, può essere la causa dell'aumento di peso già a questo dosaggio? Tra gli antipsicotici atipici qual è che incide meno sul peso?
Ma Lei se mi avesse come paziente che terapia vedrebbe più idonea?

[#17] dopo  
Utente 378XXX

La quetiapina potrebbe essere utile a diminuire la necessitàdi bere(pur se non a livelli esagerati)?

[#18] dopo  
Utente 378XXX

Ma io lo penso sempre che nessuno mi sopporti che alla fatica di provare a vivere non corrisponderá mai un rusultato positivo. C'è un ingranaggio inceppsto in me e non riesco a vivere amare e farmi amare. Non la voglio una vita così son stanca di lottare