Utente 378XXX
Gentili Dottori,
Scusate se approfitto ancora di questo servizio utilissimo ma sono preoccupata. Assumo quetiapina rp 75 mg e trittico rp 75, sono aumentata già 2-3 kg in 20 giorni!! mi sento molto gonfia e mi sono sorti dei dubbi: la quetiapina aumenta la fame o riduce il metabolismo? È possibile un effetto così grande in così poco tempo? Ho pensato possa essere anche perché ho intossicato il fegato prendendo farmaci e bevendo alcolici tutti i giorni?
Ora proverò a eliminare del tutto l'alcol, spero di riuscirci..la quetiapina in questo senso potrebbe ridurre il bisogno (psicologico) di bere?
Ho comprato anche Epar-dren e Reno- dren per provare a disintossicarmi un po' ma mi è sorto il dubbio che, pur essendo prodotti fitoterapici, possano interferire con l'assimilazione dei farmaci..Che dite?
Grazie ancora

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Come già indicato nel consulto precedente dovrebbe seguire le indicazioni prescrittive e non utilizzare prodotti a caso perché ha un comportamento impulsivo.
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#2] dopo  
Utente 378XXX

Ma rispetto alle altre domande che mi dice?

[#3] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Continua a ripetere le sue domande sul peso e sul resto.

Deve far rivedere la terapia dallo psichiatra.
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#4] dopo  
Utente 378XXX

Sì ma io le ripeto perché non ho ancora avuto risposta..
Dice di far rivedere la terapia per gli effetti collaterali o per cosa?

[#5] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Per gli effetti collaterali da far valutare
Per i dosaggi che sono comunque sempre bassi
Per il fatto che non risulta essere in compenso sintomatologico
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#6] dopo  
Utente 378XXX

Se non fosse per questo aumento di peso che mi terrorizza, io avvertirei un miglioramento..del resto come si fa a capire a quale meta tendere? Nel senso...cosa si intende per compenso sintomatologico? Non credo di poter diventare una persona "serena" o perfettamente equilibrata..limare gli eccessi questo sì..non so forse faccio fatica a tenere bene a mente tutto quello che mi succede e stando "abbastanza"bene in questo preciso momento sminuisco ciò che è stato.

[#7] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Un terapia efficace potrebbe dare comunque degli effetti stabili nel tempo sia per durata che per risultati terapeutici.
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#8] dopo  
Utente 378XXX

Ok, grazie. Mi sento comunque già molto meglio: ho perso un kg e mezzo in un giorno quindi probabilmente era ritenzione idrica ..
Mi può dire solo qual è il meccanismo per cui la quetiapina eventualmente può incidere sul peso?Per me è molto importante, difficilmente potrebbe migliorare il mio stato d'animo se aumentassi ancora di peso e non voglio ricadere assolutamente nell'incubo della bulimia che ormai è un lontano ricordo.
Mi scusi se sono pesante con le mie domande.

[#9] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Non è detto che la quetiapina le dia aumento di peso.
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#10] dopo  
Utente 378XXX

Gentile Dottore,
Siccome mi sento ancora instabile ho contattato il mio psichiatra che mi ha detto di portare subito la quetiapina rp da 75 a 100 mg e il trittico rp da 100 a 150 mg tra qualche giorno.
Cosa ne pensa? Ritiene che questo possa essere un dosaggio efficace per i miei problemi?
Grazie

[#11] dopo  
Utente 378XXX

E, nel caso in cui ritenesse questo dosaggio efficace, in quanto tempo posso asprttarmi benefici a livello di umore e di stabilità? Quando mi abbandonerá il pensiero del suicidio?

[#12] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
In evidenza di una sintomatologia in cui è richiesto l'uso di quetiapina, in esattezza diagnostica, i dosaggi di quest'ultima sono da considerarsi terapeutici a partire da almeno 400mg per un paziente in salute ed in età non anziana.

Il dosaggio di antidepressivo rientra in standard terapeutici di trattamento.
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#13] dopo  
Utente 378XXX

Davvero così tanto per un disturbo borderline? Lo psichiatra mi ha dato la quetiapina Non come antipsicotico ma "antidepressivo ansiolitico" ..

[#14] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
L'utilizzo del prodotto come antidepressivo è consentito secondo scheda ministeriale dopo che sia comprovata l'inefficacia degli antidepressivi in commercio.

la dose terapeutica per il farmaco come antidepressivo deve giungere almeno a 300mg preferibilmente in formulazione RP.

In ogni caso, per il disturbo borderline il dosaggio non dovrebbe essere inferiore a 400mg, sebbene i dosaggi andrebbero considerati in base alla risposta individuale e comunque tendenzialmente andrebbe raggiunto almeno il dosaggio terapeutico per un periodo sufficiente alla valutazione e poi è possibile considerare la riduzione.
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it