Utente 226XXX
Gentili medici, a seguito di un periodo molto stressante, ho deciso di prendere la situazione in mano. Come potrete vedere dai precedenti consulti sono un soggetto piuttosto ansioso e ipocondriaco. Tutto questo da fine gennaio a oggi e peggiorato. Sono in terapia con una psicoterapeuta da circa un anno, in cui non sono riuscita a trarne benificio bensi solo peggioramenti. Gli attacchi di panico sono peggiorati di frequenza e intensità e a oggi mi sento rassegnata, angosciata e davanti ad una strada senza uscita. Mi sono rivolta al mio medico di base che mi ha prescritto 10 gocce di entact. Sono in attesa di avere un consulto con uno psichiatra ma non vorrei perdere ancora tempo in quanto mi rendo conto che la situazione si sta aggravando. Sono un soggetto che tende a spostare l ansia, prima acsvo il terrore di mangiare per paura di allergie, il terrore dei mezzi di trasporto che non riuscivo a prendere..e cosi fino ad arrivare alla mia nuova paura di avere qualche malattia mentale. Questo perché l ultomo attacco di panico mi ha stordito. Sono ancora, a distanza di 5 giorni, apatica, spaventata, provo un senso di irrealtà, non mi riconosco nel mio corpo e faccio fatica a svolgere le azioni quotidiane. Per paura che questo mostro (panico) torni a trovarmi. Sono sempre triste e arresa. Penso di essere nella fase iniziale della depressione, per quanto poi anche se con difficoltà cerco di stare il meno possibile a casa continuando a uscire e lqvorare. La parte preoccupante sono i pensieri, ho paura di far del male a qualcuno, ho paura che mi facciano del male, di impazzire di perdere la testa, di soffrire di schizofrenia o psicosi e tutto questo mi terrorizza. Una mattina ho avuto difficoltà persino ad usciee dalla mia stanza. La mia testa è confusa e questa confusione mi porta a pensare che il mio cervello non stia funzionando correttamente. Per questo temo qualche follia. In attesa di vedere il mio psichiatra, voleco sapere come vedete voi il quadro, considerando che anche l idea di assumere entact mi spaventa. Ho paura come alcuni mi hanno detto che potrebbe peggiorare i miei attacchi di panico e depressione, e temo che essendo cosi negativa non faccia effetto. Sono molto spaventata. Spero in uba vostra risposta. Grazie di cuore per il lavoro che svolgete. Buon lavoro a tutti

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Il medico una prescrizione gliel'ha data, anche se le ha prescritto subito una dose piena. Nell'attesa di vedere lo psichiatra ha appunto questa indicazione dal medico.
Cosa potrebbe avere di più ? Commenti sulle sue paure no, perché non sono da commentare, sono da trattare. Anzi, già "girano" abbastanza in testa, non è il caso di alimentare dubbi e paure con la discussione, salirebbero ancora di più sopra il piano di realtà.

L'entact non peggiora il disturbo, i sintomi possono accentuarsi (sostanzialmente l'ansia) nei primi giorni, è ovvio che questo non è l'effetto finale, ma neanche è un controsenso, è solo un'avvertenza per evitare che chi è già spaventato pensi che ci sia qualcosa di assurdo e sospenda le cure prima che facciano effetto.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 226XXX

Grazie per avermi risposto. Lunedi vedrò lo psichiatra. Buon lavoro

[#3] dopo  
Utente 226XXX

Gentile medico. Sono stata dallo psichiatra che dopo una seduta di un ora mi ha prescritto i seguenti farmaci. Levopraid 25 mg 1 compressa la notte. Fluoxeren 20 mg mezza compressa per 4 giorni, dal 5 giorno una compressa intera a colazione, infine in tranquirit 15 gocce colazione, 15 gocce pranzo, 25 gocce la notte. Ora presa dal panico nel vedermi somministrare tutti questi farmaci ho dimenticato di chiedere alcune cose. Com'è possibile che esistano gli effetti collaterali paradossi? Cioe è comune un sintomo come per esempio le allucinazioni, collera, psicosi? Sono delle cose che mi spaventano parecchio e purtroppo ho dimenticato di chiedere al medico che rivedrò tra due settimane. Un ultima domanda era se questi farmaci danno problemi ha chi ha il favismo come la sottoscritta. Da piccola ho avuto la Kawasaki che è una vasculite e non so se possa dare problemi. Leggo nel levopraid che l associazione con psicofarmaci richiede cautela per evitare effetti indesiderati da interazione. Vi chiederete perché chiedo qua e non a lui ma purtroppo un ora è volata e vi posso lasciar immaginare quante domande abbia fatto. Cerco un po di conforto e coraggio. Spero di non disturbare inutilmnte per via delle mie paranoie.

[#4] dopo  
Utente 226XXX

Mi sono dimenticata di aggiungere che il medico mi ha detto che ha cercato di studiare la terapia in modo tale da ridurre praticamente a zero gli effetti indesiderati. Infatti quelli che mi spaventano maggiormente sono quelli paradossi riportati. Sono un po scossa da un caso visto di una ragazza che è rimasta un po rallentata dopo varie cure con antidepressivi.

[#5]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
"Leggo nel levopraid che l associazione con psicofarmaci richiede cautela per evitare effetti indesiderati da interazione"

Non so se ci sia scritto "psicofarmaci", ma sicuramente non è che si riferisca a tutti, non avrebbe senso. Il suo medico conosce le interazioni si presume.

Gli effetti che lei definisce paradossi probabilmente sono quelli di peggioramenti dei sintomi, ma questi sono anche effetti iniziali e passeggeri, non è che siano paradossi, sono solo di primo impatto a volte, e dipendono dal disturbo che c'è in ballo.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6] dopo  
Utente 226XXX

La diagnosi del medico è stato un disturbo di attacco di panico, e definisce l aspetto depressivo una conseguenza dell esser stanca di stare cosi. Quindi diciamo rassegnata e di conseguenza triste. Questo infatti in parte mi ha tranquillizzato, se non altro per Aver intrapreso la cura farmacologica prima di cadere davvero in una forte depressione. Nel frattempo cerco di mantenermi impegnata con la palestra, il lavoro e le uscite.

[#7]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

E' una terapia che mi pare congrua con la diagnosi fatta.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#8] dopo  
Utente 226XXX

Grazie mille per avermi dato anche il suo parere. Saluti

[#9] dopo  
Utente 226XXX

Gentile dottore, avrei bisogno di un informazione. Sabato dovrò fare un trattamento lisciante con cheratina, e la tinta per capelli. Volevo sapere se ci sono interazioni con i farmaci che sto prendendo. Grazie e buona giornata

[#10]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Deve interpellare chi le fa i trattamenti, che conosce i prodotti nello specifico.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it