Utente 363XXX
Buongiorno, a Dicembre 2014 ho iniziato una cura con Cymbalta a causa di uno stato d'ansia con sintomi somatoformi ( prescrittomi dal reumatologo) e seguito da uno psicologo .
A distanza di 8 mesi con lo psicologo abbiamo deciso di ridurre il farmaco in quanto la situazione psicologica è migliorata . La scaletta percorsa è stata un mese con un giorno alternato 60mg e un giorno 30mg, un mese con 30 mg e ora da una settimana alterno un giorno 30mg e un giorno niente , ma mentre fino ora non avevo sentito differenze ad oggi il giorno che non assumo il farmaco ho delle sensazioni di vertigine, nausea , testa vuota , ma nulla di invalidante . Volevo chiedere se la scaletta prevista è corretta per la completa dismissione e se questi disturbi sono normali effetti collaterali?
grazie

[#1]  
Dr. Manlio Converti

48% attività
16% attualità
20% socialità
MUGNANO DI NAPOLI (NA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2011
Assolutamente SI e naturalmente il gioco del cane che si morde la coda... non si faccia venire l'ansia per aver tolto i farmaci contro l'ansia. Non si preoccupi solo del suo corpo come portatore di sintomi ma anche come portatore di piaceri, distrazioni, fatica, e via dicendo... in contesti relazionali, amicali o di psicoterapia.
Dr. Manlio Converti

[#2] dopo  
Utente 363XXX

grazie per la veloce risposta , allora vado avanti cosi

[#3]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Probabilmente non è uno psicologo chi ha stabilito di ridurre il farmaco, si è sbagliato?
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#4] dopo  
Utente 363XXX

si è un input fornitomi dallo psicologo con il quale sono in terapia da ottobre 2014 e che io ho deciso di assecondare .
La terapia farmacologica mi era stata prescritta ad una visita con un Reumatologo alla mia centesima visita medica alla ricerca di una patologia organica..

[#5]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Se il suo psicologo non è un medico questo input si chiama abuso della professione medica ed è penalmente perguibile.

Lo psicologo non ha la possibilità di stabilire se lei deve ridurre il farmaco e come deve ridurlo.

Per la gestione e l'opportunità di trattamento è utile rivolgersi ad uno psichiatra.

Il reumatologo le ha prescritto il farmaco sulla base delle valutazioni che ha riscontrato e presumibilmente sul dolore somatico che ha riferito.
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#6] dopo  
Utente 363XXX

So che lui è in collaborazione con psichiatri io credo che si sia confrontato con qualcuno per arrivare a questo , mi fido di lui .
mi consiglia una visita psichiatrica?

[#7]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
"confrontarsi con psichiatri" non vuol dire essere autorizzati a gestire le terapie farmacologiche senza essere medico, si evidenzia comunque un abuso di professione medica.


Deve far riferimento ad uno psichiatra
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139