x

x

Deficit cognitivi

Buonasera gentili medici, un ringraziamento in particolare a chi avrà la volontà di rispondere ad un quesito ke io stessa definisco delicato. Ad agosto 2012 e ottobre 2014 ho avuto due scompensi psicotici importanti dai quali ho faticato molto ad uscirne dal punto di vista mentale. Soffro di disturbo delirante. Ho notato già dopo il primo scompenso dei deficit cognitivi, chi di voi se la sente di spiegarmi se qsti sono stati causati dagli scompensi in cui entrambe le volte credevo di essere in contatto con Dio e facevo cose e dicevo cose ke mi è stato spiegato nn avevano alcun senso qsta situazione si è protratta per diverse settimane, o se sono causati dagli antipsicotici ke assumo dopo il primo scompenso. Attualmente assumo xeplion fiala 50 mg una volta al mese. Di nuovo grazie. Cordialissimi saluti
[#1]
Dr. Manlio Converti Psichiatra, Psicoterapeuta 799 17 21
Lo Xeplion non ha un particolare rischio di produrre un deficit cognitivo.
La sua abilità di scriverci una lettera dimostra che lei non ha un particolare deficit cognitivo.
Cosa intende lei per deficit cognitivi esattamente?
Sicuramente la sua patologia può, anche se assume psicofarmaci, causare, deficit cognitivi, progressivamente anche senza grandi crisi come quelle che lei ha perfettamente superato, da quanto sembra per quanto scrive.
Al momento però, essendo capace di gestire questa forma di comunicazione, non credo che lei abbia un deficit cognitivo, o per lo meno non grave come lei paventa.

Dr. Manlio Converti

[#2]
dopo
Attivo dal 2015 al 2016
Ex utente
Grazie mille Dr. Convertì quindi le mie abilità cognitive anke se assumo psicofarmaci sono comunque destinate a peggiorare a causa della patologia. Ho capito bene? Per deficit cognitivi intendo ke da quando avevo vent'anni quando la patologia di cui soffro era già in atto ad oggi ke ne ho 41 le mie capacità di apprendimento mi sono accorta ke sono peggiorate. La ringrazio se mi vorrà gentilmente spiegare se e' come Le ho raccontato io. Cordialissimi saluti
[#3]
Dr. Manlio Converti Psichiatra, Psicoterapeuta 799 17 21
Forse son peggiorate per l'età e nulla affatto per la patologia o i farmaci....
E lei ancora una volta non mostra deficit cognitivi significativi.
[#4]
dopo
Attivo dal 2015 al 2016
Ex utente
Grazie mille Dottore x la sua cortese risposta, probabilmente si tratta soltanto di una idea sbagliata ke mi ero messa a in testa io, dopo aver letto le sue risposte mi sono rasserenata, per qsto la ringrazio due volte e Le porgo i miei più cordiali saluti.

La disfunzione erettile è la difficoltà a mantenere l'erezione. Definita anche impotenza, è dovuta a varie cause. Come fare la diagnosi? Quali sono le cure possibili?

Leggi tutto