Utente 396XXX
Buonasera....è due anni che ho un cane e quando l ho preso non ero convinto.....è molto vivace portarlo a paseggio e tutte le responsabilità......l ultima vacanza era con noi da dimenticare...stress ansia e anche attacco di panico.......forse nn l ho digerita questa cosa....voi dottori mi date qualche consiglio?grazie

[#1]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Dal momento che parla di "noi" immagino che la scelta di adottare il cane sia stata condivisa con altre persone che forse hanno insistito per avere l'animale.
I cani danno molto, ma sono anche una responsabilità.
Se il cane non è educato a obbedire, cioè camminare al passo col padrone senza tirare il guinzaglio, rispondere prontamente ai comandi "resta" e "vieni", in particolare se la taglia non è piccola, il problema c'è.
Vi consiglio (a lei e a chi vive con lei) di consultare il veterinario chiedendo un addestratore per il cane. Però alle lezioni deve andare anche il proprietario, se no il cane impara che deve obbedire, ma... solo all'educatore! Alla fine degli incontri il cane sarà più tranquillo (i cani adorano obbedire, quando capiscono quello che devono fare) e voi pure.
Nel frattempo le consiglio un libro su come educare il cane, in libreria ne trova tanti, per esempio questo è di un mio conoscente e insegna a pensare "da cani":
http://www.ibs.it/code/9788896159323/mezzatesta-francesco/capire-cane-per.html
Franca Scapellato

[#2] dopo  
Utente 396XXX

Grazie per la risposta. ....si vivo con mia moglie e lo voleva....ma è una taglia piccola e non sta mai fermo........io soffrivo già d ansia e attacchi di panico infatti facevo e faccio cura farmacologica. ...però da quando c e lui nn mi sento più libero sembra di avere una morsa alla gola.......a volte vorrei portarlo in pensione per ritrovare un po di relax e intimità

[#3]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Posso ipotizzare che il problema sia tra lei e sua moglie, più che tra lei e il cane. Sua moglie le ha forzato la mano e ora il piccolo e vivace intruso ha tutta la sua attenzione e indulgenza, mentre lei, il marito, passa in secondo piano e diventa il brontolone se si lamenta. Questo la porta a uno stato di frustrazione che peggiora la sua ansia.
Potrebbe individuare i problemi per lei più sgradevoli riferiti al cane: per es se disturba durante il vostro pasto, se abbaia di continuo agli altri cani per strada, se salta sul letto, se non lo si può lasciare da solo per poche ore se no fa rumore... Poi ne potrebbe parlare con sua moglie, con calma, cercando di trovare soluzioni. Non deve dare l'impressione di odiare il cane, ma farle capire che certe cose la fanno stare male.
Addestrare il cane è una delle soluzioni, come pure trovare una pensione affidabile dove lasciarlo ad esempio per un weekend. Se il cane è giovane e il personale è bravo l'animale si adatta volentieri per periodi brevi.
L'importante è non fare il braccio di ferro né soffrire in silenzio.



Franca Scapellato

[#4] dopo  
Utente 396XXX

Stasera ne abbiamo parlato e abbiamo deciso di portarlo vicino a casa nostra in pensione e conosciamo la proprietaria. .....però nel week end. ....ma dopo 30 minuti mi è salita l ansia perché è dura lasciarlo e ho dovuto prendere 7 goccie do alprazolam

[#5]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Non si senta in colpa, è importante anche per il cane fare esperienza di posti nuovi e di altre persone (i cani sono speciali per far sentire in colpa). Potete telefonare per sapere se mangia e sta bene, e intanto godervi una pausa di un paio di giorni.
Franca Scapellato

[#6] dopo  
Utente 396XXX

Ok un passo l ho già fatto ho chiamato per portarlo venerdì pomeriggio e andiamo a riprendere domenica verso sera.....ma ci crede mi sento male per questo..........

[#7]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Dovrebbe parlarne con la sua terapeuta, può essere utile per capire qualcosa su di lei e sui suoi problemi di ansia.
Franca Scapellato

[#8]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Evidentemente non è ben curato per la sua patologia per la quale sta sostanzialmente cercando di evitare di avere un trattamento farmacologico validato e certo.
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139