Utente 418XXX
Gentili dottori ,vi chiedo un po d' aiuto, e magari qualche rassicurazione.Mi è stata prescritta qualche giorno fa una terapia con 20 mg al dì di citalopram per un leggero D.A.G, ora però sono indeciso se farla perché ho letto di diversi effetti collaterali che mi spaventano molto in particolare quelli della sfera sessuale ( riduzione della libido,impotenza,aumento della prolattina e ritardo dell eiaculazione),che io seppur in modo lieve, già ho, e a detta dell dottore a casua del mio disturbo stesso.
Ora vi chiedo in base alle vostre esperienze, la maggior parte dei pazienti che trattate con questo farmaco ha questi effetti collaterali durante la terapia?
Vi è mai capitato che durante la terapia con questo farmaco, il paziente abbia invece, riscontrato addirittura miglioramenti riguardanti la libido ecc ecc?.Cordiali saluti

[#1]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Non è una statistica precisa ma casuale alcuni pazienti possono avere alcuni effetti collaterali altri non hanno effetti collaterali.

È molto variabile. Segua le indicazioni del suo psichiatra.

Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#2] dopo  
Utente 418XXX

Dr.Ruggiero, intanto grazie per avermi risposto,ma siccome sul web leggo solo di esperienze negative con questo farmaco, mi avrebbe fatto piacere avere una risposta un po' meno generalizzata essendo lei un medico e avendo lei un eperienza diretta con vari pazienti le chiedo ancora :
A)Secondo le sue esperienze, ci sono stati mai pazienti maschi, che hanno invece notato miglioramenti della sfera sessuale ( aumento libido ecc ecc) durante la terapia con questo farmaco?
B)Sempre secondo le sue esperienze, sinceramente,esiste veramente la sindrome post ssri con danni permanenti?
C) alla sospensione della terapia gli effetti collaterali vanno sempre tutti via?. Grazie

[#3]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
La risposta che ha ricevuto scaturisce da esperienza.

Andare su internet, leggere diverse cose, di soggetti sconosciuti e dalla credibilità non certa, alimentare la propria ansia e poi cercare di placarla richiedendo rassicurazioni su possibili effetti che non è detto che si manifestino è una operazione sempre infruttuosa che alimenterà maggiormente l'ansia.

Non esiste una statistica specifica sulla presentazione di effetti collaterali. Si parla di percentuali di manifestazione ma non è detto che li possa avere lei come potrebbe presentarli tutti indistintamente.

Il suo psichiatra ha stabilito un trattamento. Lo assume e valuta con lui la presentazione di determinati effetti invece di attendere preventivamente che si presentino.
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#4] dopo  
Utente 418XXX

Capisco.... Dottore un ultima cosa, ma questa famigerata sindrome post Ssri, che ha come caratteristica, il mantenimento di eventuali effetti collaterali, dovuti a questi farmaci,esiste veramente?.Grazie di tutto, cordialità .

[#5]  
Dr. Valerio Lamberti

20% attività
8% attualità
8% socialità
PAOLA (CS)
COSENZA (CS)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
Su quest'ultima questione della permanenza ad oltranza, oltre la durata della terapia stessa, di effetti indesiderati da ssri (effetti indesiderati peraltro che nel suo caso sarebbero tutti da verificare, visto che mi pare di aver capito lei non abbia neppure iniziato il trattamento...), nella mia esperienza di tanti e tanti casi seguiti e trattati con farmaci serotoninergici non credo ci sia traccia.... Mi confronterei con gli addetti ai lavori, fossi in lei, e prenderei come mere testimonianze i racconti di persone che possono avere storie e diagnosi magari simili alle sue ma non sono lei con le sue specificità a 360 gradi e perciò la sua "unicità" di persona. Un saluto
Dr. valerio lamberti