Utente 268XXX
Buongiorno carissimi Dottori vi espongo il mio problema. Dal 2009 in cura con anafranil 0.25, depakin 300, en gocce per attacchi di panico fortissimi, derealizzazione e pensieri ossessivi. Diagnosi di ansia generalizzata.
Mi sono trovato benissimo. Praticamente rinato.
A settembre 2016 ho sospeso da solo e gradualmente la cura perché non ne sentivo il bisogno.
Purtroppo dal 25 dicembre 2016 non ho potuto passare il natale in famiglia a cui sono molto legato, quindi le giornate sono diventate un po' tristi e malinconiche.
Ho iniziato ad avere di nuovo ansia e attacchi di panico e dal 4 gennaio 2017 ho un pensiero ossessivo che mi tormenta dal mattino alla sera cioè il senso della vita e l'inutilità di tutto quello che facciamo.
Dal 10 gennaio mi sono attivato per farmi seguire da una psicologa/psicoterapeuta e ho contattato la psichiatra che mi aveva già curato in passato. Si è arrabbiata per la sospensione della terapia e mi ha prescritto di nuovo anafranil 75, depakin 300 chrono, en gocce invitandomi a seguire una psicoterapia.
Ad oggi sono 14 giorni che assumo farmaci ma non ho notato nessun miglioramento dell'umore. Pratico ancora tutte le attività ma con angoscia perenne e qualche volta vado nello sconforto totale con crisi di ansia o panico. Vorrei chiedervi se potrò tornare a vivere in maniera spensierata eliminando quest'angoscia e il pensiero ossessivo. Dicono sia impossibile guarire dall'angoscia esistenziale.
Grazie

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Infatti il miglioramento di solito si evidenzia dopo un mese. Trattandosi di cervello, i sintomi dei suoi disturbi comprendono anche pensieri, emozioni, sentimenti, ragionamenti etc.
Non c'è ragione di pensare quindi che le terapie non agiscano anche su un piano esistenziale.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 268XXX

Grazie per la risposta Dottor Pacini. Ci tengo a precisare che tale domanda me la sono posta anche negli anni scorsi sporadicamente però non ho mai dato peso al pensiero come sta avvenendo ultimamente.
Quindi mi conferma che grazie alle terapie ritroverò la serenità perduta?

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Previsioni sul futuro non se ne fanno. Questo è un principio generale per ritenere che i sintomi siano chissà cosa...sono pensieri, azioni, sentimenti, emozioni.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 268XXX

Buonasera Dottor Pacini volevo dirle che dal quattordicesimo giorno di terapia ho notato già un miglioramento del tono dell'umore con diminuzione dei pensieri ossessivi. Con oggi invece sono al diciottesimo giorno di terapia e sto di nuovo male.
Volevo chiederle se è normale avere degli alti e bassi all'inizio della cura. Grazie

[#5]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Ancor meglio è andare avanti senza porsi queste domande. La cui risposta la conosce già, sia personalmente che in teoria.
La rassicurazione finisce per creare dei dubbi su ciò che altrimenti passa prima che ci sia stato il tempo di angosciarsi.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6] dopo  
Utente 268XXX

Buongiorno Dottor Pacini volevo comunicarle che dopo circa un mese di terapia mi sono sentito subito meglio e ho vissuto un benessere per circa 10 giorni.
Dopodichè ho iniziato a pormi domande sul nulla dopo la morte o la vita eterna che hanno iniziato ad ossessionarmi.
E' un pò come se vedessi la mia vita in una trappola.
Il mio medico curante mi ha fatto aggiungere alla terapia che gia seguivo (anafranil 75 1cp, depakin 300 chrono 1cp , 10 gtt EN x3 volte) il fevarin 50mg 1 cp mattino e sera.
Prima del fevarin riuscivo a gestire meglio i pensieri ossessivi, invece da 4 giorni che assumo il farmaco mi sento di nuovo molto ansioso ed ossessionato. E' normale che il fevarin inizialmente possa provocarmi accentuaziione dei sintomi ansiosi? Tra l'altro seguo da circa un mese e mezzo una psicoterapeuta. Grazie

[#7]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Sono entrambi, gli antiossessivi, a dose bassa. Che inizialmente ci sia un'accentuazione o una fluttuazione è un classico.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it