Utente 439XXX
Buonasera,cercherò di essere più precisa possibile.
Sono una ragazza di 30 anni e sono stata sempre una persona insicura ed ansiosa ma ho sempre vissuto bene la mia vita. Ho superato benissimo i miei momenti difficili.
Due settimane fa sono stata male con nausea e da lì mi sono condizionata a tal punto che credevo di aver preso una malattia(sicuramente mi ha preso in un momento di debolezza in quanto ho perso il lavoro e i miei orari anche biologici sono cambiati).
Dal 31 gennaio quindi ho passato una settimana piena di ansia e senza dormire o se lo facevo le ore erano insufficienti! Dopo questa prima settimana quindi dopo il 5 febbraio ho provato 24h su 24 e tuttora un forte senso di irrealtà. Inizialmente l ho associato alla mancanza di sonno e al forte stress d ansia che ho avuto ma ora ho paura di avere qualcosa che non va! Sono andata dalla psicologa che mi ha detto di intraprendere una terapia esplorativa...ma il mio problema è che adesso ho paura non più della malattia ma proprio di questa sensazione che ho...sono arrivata anche al punto di pensare che ero morta e che questo che stavo vivendo era il limbo!
Non avevo mai provato una sensazione cosi forte di irrealtà...non so se si chiami derealizzazione! Quindi la mia domanda è questa:
DOPO UN FORTE STRESS E ATTACCO D'aANSIA È POSSIBILE AVVERTIRE SENSO DI IRREALTÀ 24 H SU 24? Mi sembra di impazzire...nn mi sento più io,tutto mi sembaE s strano,riconosco tutto e tutti ma è come se vivessiH in un sogno!Ho la testa nel pallone.sono costantemente depressa e impaurita da questa sensazione

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
"DOPO UN FORTE STRESS E ATTACCO D'aANSIA È POSSIBILE AVVERTIRE SENSO DI IRREALTÀ"

In che senso è possibile ? Questo è quello che ci ha descritto Lei.

Non l'ha visitata nessuno ? Ha già fatto cure in passato ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 439XXX

Intendevo se è l' ansia che da questo senso riN irrealtà costante da dieci giorni quasi.Non ho fatto nessuna cura in passato. Settimana scorsa ho fatto le analisi del sangue e del ferro e delle urine. C era soltanto dell' acetone e il dottore mi ha detto di bere di piu

[#3]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Si rivolga ad uno psichiatra per una valutazione appropriata e non perda tempo e denaro con "terapie esplorative".

Una terapia ha uno scopo se la diagnosi è chiara, se si deve preventivamente esplorare, e pagare per questo, non serve a nulla.


Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#4]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Non saprei cosa si cercasse di preciso negli esami del sangue, né cosa abbia a che fare il bere di più con il punto di partenza.

I sintomi non producono sintomi. Si associano tra di loro. Lei ha alcuni sintomi, sulla base di questi si pone una diagnosi o si prescrivono accertamenti con delle ipotesi in testa, non così a caso per vedere non si sa di preciso cosa.

Se le è stato già detto che la diagnosi è attinente all'ambito psichiatrico, allora rimane da procedere con una terapia. Altrimenti va posta.

Domande del tipo "è normale ?" non hanno costrutto.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#5] dopo  
Utente 439XXX

Grazie delle risposte. Siccome non ho mai avuto un attacco d ansia cosi forte mi sono spaventata. Pensavo si trattasse di derealizzazioneQ in quanto i sintomi sono simili:mi pongo domande del tipo "ma sto vivendo veramente o è solo un sogno?".Questo mi ha fatto pensare alla derealizzazione.

[#6]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Eviterei di usare termini tecnici, peggiorano la comunicazione del suo stato al medico, danno ad intendere come invece non è che derivino da diagnosi precedenti e diventano inutili argomenti di discussione.
Inoltre è proprio sconclusionato il discorso. Dice che avuto un attacco, poi dice pensavo di trattasse e pesca un sintomo, che però Lei qui usa con un significato che non si sa se sia di sintomi, di diagnosi, di sua paura rispetto alla parola che ha letto, e così via.

Ha avuto un episodio, compatibile con attacco di panico. Se non è il primo, se l'ansia non si risolve dopo qualche giorno, mi farei dare un parere specialistico.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#7] dopo  
Utente 439XXX

Ripeto percheD forse non mi sono spiegata:tre settimane fa siccome sono stata male a livello intestinale mi si è presa la paura che fosse qualcosa di grave e mi è venuto un attacco d ansia.Da li non ho dormito per una settimana. Dopo quella settimana ecco che arriva la confusione. Sono due settimane che ho questa confusione,come vivere in un sogno. Questo chiedevo se la confusione e stato di irrealta possano derivare da un forte stress ed ansia.

[#8]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Sì, ma il commento fatto evidentemente è stato ignorato.
Si è detto che i sintomi non producono sintomi, quindi l'ansia non produce nulla e nulla produce l'ansia. Stiamo parlando dei sintomi che ha avuto e sta avendo. Ora ci mette dentro anche "stress" che è una parola dai significati indefinibili.

Ha avuto una attacco compatibile con un attacco di panico, se questo stato perdura o se si ripetono gli attacchi ha senso farsi valutare.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it