Utente 437XXX
Salve ripropongo il mio caso clinico aggiungendo delle informazioni che potrebbero aiutare nella diagnosi.
il 31/12 del 2016 dopo aver assunto cannabis in quantità modesta mi reco al ps in evidente stato di panico con cardiopalmo 150 bpm. ecg nella norma e enzimi cardiaci ok.flebo di tranquirit e acqua fisiologica e tutto ok. nei giorni a seguire mi porto dietro giramenti di testa e paura di svenire probabilmente derivanti da attacchi di panico. a causa di questo continuo disturbo e pressione alta il 12/1 mi reco in ps con pa 170 110 . 10 gocce di diazepam e a casa. il giorno dopo mi viene l'influenza. dopo 5 giorni guarisco e mi passano anche i giramenti di testa. il 28/1 alle 18.30 dopo essermi lavato i denti sento dei fortissimi tonfi nel petto e il cuore parte a mille e mi sento quasi svenire ovvero sento il sangue schizzare in testa e un senso di calore dal basso verso l'alto con vertigini. la fc avrà raggiunto i 160 170 bpm per qualche minuto e poi è rientrata. in preda al panico nelle ore successive ho avuto altri due cardiopalmi simili. il giorno dopo in preda al panico ma senza aritmie in atto vado nuovamente in ps dove mi effettuano ecg ed ecocuore riscontrando soltanto un bbdx incompleto . eco normale ed ecg lo stesso. la dottoressa consiglia holter 24 che eseguo il giorno dopo . l'holter riporta 100% battiti normali solo tachicardie (248 eventi tachicardici) . non so se possa essere una discriminante ma avevo assunto dello xanax. in sintesi durante l'holter comunque non ho avvertito extrasistoli quindi non vorrei che fossero maligne e non registrate. per questo effetto ecg sottosforzo il cui esito è nella norma. solo alterazioni secondarie della ripolarizzazione ventricolare (onde t negativa da v1 a v6). nei giorni a seguire sono tornati stordimenti e paura di svenire con extrasistoli sporadiche anche 4 o 5 al giorno a volte accompagnate da dolore al petto e spaventose a volte come un senso di costrizione al petto che sale al collo. avverto dolori toracici che si irradiano al collo e al braccio sinistro ma premetto che svolgo sforzio a lavoro. mia moglie mi ha conisigliato una cura da neurologa che mi ha prescritto brintellix e xanax al giorno. ora mi chiedo se gli esami effettuati possano essere stati male interpretati e se io possa essere affetto da una sindrome di brugada. non ho casi di morti improvvise in famiglia e non sono mai svenuto se non quell'episodio di pre lipotimia del 28 /1. inoltre noto di avere la minima altina sui 91 e la massima 136.

[#1]  
Dr. Mariano Rillo

52% attività
4% attualità
20% socialità
TARANTO (TA)
SAN GIORGIO DEL SANNIO (BN)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2012
Non c'è nulla di razionale nelle sue paure....ha fatto tutte le valutazioni del caso e non è risultato nulla...se ne faccia una ragione...
e per me lei non ha bisogno di un neurologo (non è la figura specialistica più indicata), ma di uno psicoterapeuta.
Ci pensi.
Cordialmente
Dr. Mariano Rillo
Specialista in Cardiologia con Perf. in Aritmologia
Clinica e Elettrofisiologia Interventistica

[#2] dopo  
Utente 437XXX

grazie dottore per la risposta. quindi gli esami fatti possono escludere una brugada? e la tachicardia dopo i vuoti nel petto è normale?

[#3] dopo  
Utente 437XXX

Attendo una sua risposta dottore. La ringrazio anticipatamente

[#4]  
Dr. Mariano Rillo

52% attività
4% attualità
20% socialità
TARANTO (TA)
SAN GIORGIO DEL SANNIO (BN)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2012
Guardi, caro signore, comprenderà che darle risposte da lontano non è assolutamente possibile e non vedo il motivo per il quale lei non debba fidarsi dei colleghi che l'hanno valutata e tranquillizzato..... e poi perchè avere una sindrome di Brugada e non un tumore o una qualsiasi altra malattia potenzialmente letale ???? Se ognuno di noi avesse paura di morire per problemi potenzialmente in grado di farlo non avremmo più una vita degna di questo nome.....e lei continuando così non avrà una qualità di vita accettabile ...è per questo che le ho consigliato uno psicoterapeuta.
Saluti
Dr. Mariano Rillo
Specialista in Cardiologia con Perf. in Aritmologia
Clinica e Elettrofisiologia Interventistica

[#5] dopo  
Utente 437XXX

Il mio quesito non è se i medici hanno sbagliato mi perdoni . Il mio quesito è "è un iter di esami che basta ad escludere una brugada?". Brugada avrebbe presentato dei segni ecgrafici nell holter? O nell'ecg? E come mai non avendo mai sofferto di aritmie ora mi ritrovo con questi episodi? Il mio grande dubbio è quell'aritmia del 28 gennaio non essendo mai stata registrata sarà stata benigna?. Nel caso non posso inviarle i tracciati?

[#6]  
Dr. Mariano Rillo

52% attività
4% attualità
20% socialità
TARANTO (TA)
SAN GIORGIO DEL SANNIO (BN)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2012
Se volessimo escludere la sindrome di Brugada a ciascuno di noi non basterebbero i fondi dei più grandi possidenti messi insieme.....
La sindrome è qualcosa che non riguarda solo gli aspetti ECG, ma anche la presenza di altri criteri (come la mortalità familiare improvvisa in giovane età, la perdita di conoscenza preceduta da accelerazioni del battito e non è il suo caso etc).
E ripeto lo stesso discorso vale per le neoplasie e per qualunque altro problema importante....
Per quanto riguarda l'altra sua richiesta, non è concesso a noi di MI fare diagnosi a distanza o leggere tracciati o documenti di vario tipo....noi possiamo solo dare consigli e questo è quello che ho fatto...
La consulenza finisce qui.
Dr. Mariano Rillo
Specialista in Cardiologia con Perf. in Aritmologia
Clinica e Elettrofisiologia Interventistica

[#7] dopo  
Utente 437XXX

Ed è possibile che io abbia avuto una tachicardia sinusale dopo un extrasistole benigna? Cioe è un sintomo comune? Il periodo.di stress puo aver portato le aritmie? Lei cosa mi consiglia? Mi scusi per le troppe domande ma i dottori che ho visitato non mi hanno dato grande soddisfazione liquidandomi in maniera veloce e lasciandomi nelle paure. Un ultima risposta gentilmente

[#8]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
La sua richiesta è stata spostata in psichiatria perché evidentemente necessità di una visita psichiatrica da effettuarsi direttamente da uno specialista di sua fiducia.

Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#9] dopo  
Utente 437XXX

Allora dottore se il mio problema è di questo tipo mi dice come riprendere la.mia.vita in mano? È dal 28 gennaio che ho.costretto mia.moglie a dormire con me dai miei per paura di un arresto cardiaco . Semplicemente perché casa dei miei è piu vicina al policlinico di bari. Pensi un po' . Mi sveglio ansiato barcollando e con vertigini e la sensazione di essere derealizzato. Mi dica lei

[#10]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Una visita psichiatrica può stabilire efficacemente una terapia che riduca questi suoi sintomi.
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#11] dopo  
Utente 437XXX

Non so se ha letto assumo brintellix 10 gtt al di e xanax 0.5 rp al gg. Solo che xanax sto provando a sospenderlo perché mi intontisce troppo.

[#12]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Si ho letto, il brintellix non ha indicazione nel suo disturbo.

Lo specialista di riferimento è lo psichiatra
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#13] dopo  
Utente 437XXX

Mi spiegherebbe le differenze ? Cioè lo psichiatra non somministra farmaci?