Utente 285XXX
Salve,
scusate il disturbo, sono un ragazzo di 22 anni. Soffro di problemi all'atm, di malocclusione. A causa di questi problemi che porto da 5 anni, a un certo punto mi sono sentito molto scarico oltre che ho sviluppato una sorta di claustrofobia che mi impedisce di seguire le lezioni per bene. Ho chiesto un consulto pure quindi a uno psichiatra che molto gentilmente mi ha prescritto la venlafaxina e l'amisulpride, quest ultimo l'ho smesso dopo 14 giorni. Il primo invece lo porto avanti da 4 settimane e devo dire che fino a 5 giorni sembrava andare tutto bene, ma poi ho cominciato ad avvertire dolori muscolari quindi dopo vari analisi ho notato che ho aumentato il bruxismo. Ho visto che la serotonina e la dopamina causano bruxismo. c'è per caso un'altra classe di farmaci che mi possono aiutare per la claustrofobia e portarmi un po' su senza aumentare i miei problemi di mal occlusione che sto comuqnue curando? considerate che ho prendo miorilassanti, ho preso valium anche per intramuscolo per via delle contratture muscolari e il lyrica, con quest ultimo che sembra aver aumentato le contrazioni muscolari. vi chiedo una categoria di farmaci per poterla proporre al mio psichiatra e se la serotonina e la dopamina aumentano il bruxismo e se può essere una cosa transitoria. io pensavo di fermare la terapia di venlafaxina 75. grazie spero in una risposta

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Quindi ha un problema di malocclusione, e poi una diagnosi psichiatrica che però esattamente quale è ?

Secondo punto: non deve proporre niente al suo psichiatra, non deve funzionare così. Si pone semplicemente il problema di trovare una terapia per la diagnosi psichiatrica che non peggiori la questione della contrattura o bruxismo.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 285XXX

Non ho una vera diagnosi psichiatrica; a causa delle mie molteplici peripezie sono diventato un po' ansioso e calustrofobico, almeno quando sto in luoghi chiusi faccio fatica a concentrarmi. la mia domanda è se esiste una classe farmaceutica di psicofarmaci che non aumenti il bruxismo, considerando che ho già provato lyrica, venlafaxina e amisulrpide. Magari poi tutti i miei sintomi scompaiono nel momento in cui risolvo la mia disfunzione cranio mandibolare.
Grazie mille

[#3] dopo  
Utente 285XXX

scusi se associassi una gabaergico come il gabapentin, non potrebbe questo ridurre il serramento e il bruxismo? scusi le molteplici domande

[#4]  
Dr.ssa Tiziana Corteccioni

24% attività
16% attualità
8% socialità
ROMA (RM)
PERUGIA (PG)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2014
Tutte queste domande andrebbero poste allo psichiatra che la sta seguendo. Concordo pienamente con il mio collega sul fatto che sarebbe meglio chiedere direttamente allo psichiatra curante di scegliere l'associazione di farmaci da prescrivere informandolo relativamente alla condizione di bruxismo. In commercio ce ne sono molti ma solo chi conosce esattamente la sua storia clinica e chi ha effettuato l'esame psichiatrico può consigliarle la terapia più opportuna. Spero che risolva il problema al più presto.
Cordiali saluti.

Dott.ssa Tiziana Corteccioni
Dr.ssa Tiziana Corteccioni
www.tizianacorteccioni.it

[#5] dopo  
Utente 285XXX

Ho parlato con il mio psichiatra e mi ha consigliato il lexotan da associare alla venlafaxina e in seguito il gabapentin. Io ho troppa paura di stare ancora male a livello muscolare, quindi non so... volevo fare una domanda ma la claustrofobia è una forma di psicosi, quindi da curare con antipsicotici, quindi il mutabon che minera stato consigliato in passato.. spero di poter ricevere una risposta. Grazie

[#6]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Ha l'atteggiamento di chi vuole autogestire la terapia farmacologica. Da un passaggio ora ne richiede un altro.

Sfiancherà il suo psichiatra fino a quando non sarà accontentato.

Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#7] dopo  
Utente 285XXX

Si ma potrei avere una risposta ai miei dubbi che possono essere plausibili dopo 5 giorni a letto per dolori muscolari..

[#8]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
La domanda sui muscoli ha avuto risposta dai colleghi, la restante è indice della sua sintomatologia per cui deve prendere in considerazione questa problematica sotto gli aspetti salienti.
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#9]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
"Non ho una vera diagnosi psichiatrica"

Ecco, questo è il punto da chiarire, facendosi anche spiegare il senso di queste contratture, altrimenti si rischiano terapie completamente fuori fuoco.
Anche il discorso che fa sulla claustrofobia (che sia o meno un termine usato dal medico) esprime una preoccupazione gratuita che può riguardare anche altri ambiti, come i sintomi corporei.
Quindi va innanzitutto trovata una terapia mirata sulla diagnosi, non scelta in base ai teorici effetti su questo o quel sintomo.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#10] dopo  
Utente 285XXX

Ma quindi il consiglio è risolvere la disfunzione temporo mandibolare e lasciare stare la cura paichica? Io adesso pensavo di seguire la vura a base di venlafaxina e lexotan? Voi cosa ne pensate consedrando il brucismo e i dolori muscolari

[#11]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Non sembra che legga minimamente le risposte.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it