Utente 433XXX
In giro si sentono sempre tante voci negative sugli SSRI e non solo. Vengono accusati di "bruciare" il cervello, di essere una messa in scena e tante altre voci. Vengono demonizzati ma io che sono guarito dal DOC non la penso affatto così. Vengono accusati di tamponare ma non guarire e tanti psicologi continuano a diffondere la voce che questi farmaci non curano niente ma ti danneggiano soltanto. Gradirei anche la risposta di qualche farmacologo.

[#1]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Questo sito risponde alle domande degli utenti su loro problemi di salute, non a curiosità mediche.
Mi fa piacere che la sua terapia sia stata efficace.
Per quanto riguarda le voci messe in giro le consiglio di verificarne sempre la fonte, perché il bar, il negozio del parrucchiere e il vicino di ombrellone non sono fonti accreditate, e internet è affidabile per quanto riguarda siti certificati come Medicitalia e altri, non sui blog degli sciachimisti antivaccini.
Franca Scapellato

[#2] dopo  
Utente 433XXX

Grazie dottoressa.
Voci di psicologi e altre persone dello stesso settore della salute mentale. C'è una sorta di luogo comune sui farmaci agenti sul cervello. Ma io sto benissimo e sono cresciuto tanto mentalmente. Perché c'è riluttanza verso questi farmaci ?

[#3]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Uno psicologo non ha competenze sui farmaci,.
Franca Scapellato

[#4] dopo  
Utente 433XXX

Perfetto e grazie. Allora d'ora in poi così risponderò a queste persone. Grazie

[#5]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Non per niente sul nostro sito quando un utente posta su "Psicologia" una richiesta sui farmaci gli psicologi la trasferiscono in psichiatria.
Chi non può prescrivere i farmaci ne può parlare, può criticare, siamo in un Paese libero, ma il suo parere conta come quello di un comune cittadino.
Franca Scapellato