x

x

Antidepressivo e irritabilità

Gentili Dottori, scrivo per una persona a me cara che da poco ha iniziato una cura antidepressiva (derivante fra le altre cose anche per perdita di lavoro) con vortioxetina.
Il soggetto, sapendo che anch'io assumo questo farmaco mi ha chiesto se per caso mi ha causato gli stessi effetti negativi;
lui infatti dice che da quando ha iniziato ad assumerlo (11 giorni) è sicuramente più irritabile/nervoso/irascibile per la qualunque e anche per cose di poco conto o addirittura insignificanti.
Vorrei chiedere se è possibile che questo effetto sia causato dal farmaco (nel bugiardino non lo riporta) e se si .......... si deve iniziare a prendere in considerazione la necessità di cambiare molecola (o non è il caso perchè lo stesso effetto molto probabilmente potrebbe presentarsi con altre molecole) oppure in questi casi si aspetta che l'effetto nocivo vada scemando fino a scomparire?
[#1]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 37.7k 898 60
Non ha specificato i tempi ed i dosaggi e sarebbe preferibile che l'interessato scriva direttamente.

Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it

https://wa.me/3908251881139
https://www.instagram.com/psychiatrist72/

[#2]
dopo
Utente
Utente
Capisco Dottore, solo che le sembrerà strano ma il soggetto in questione non usa il pc

Ad ogni modo i tempi di assunzione sono 11 giorni,la prima settimana a 5 mg e da quattro giorni è passato a 10 mg sempre al mattino e oltre all'irritabilità dice pure che da quando prende il farmaco si sente pure più ansioso.
[#3]
dopo
Utente
Utente
Scusate gentili Dr. Pacini e/o Dr.ssa Scapellato,
poichè lo specialista è in ferie il soggetto in questione è stato dal medico di famiglia (in ferie anche lui) ed il sostituto non sapendogli dare una risposta se la molecola può causargli irritabilità/nervosismo/intolleranza gli ha consigliato di continuare a seguire la cura fino a nuovo appuntamento specialistico.
Il punto è che il paziente si sente davvero troppo nervoso, irritabile, intollerante e irascibile al punto che dice che non può continuare l'assunzione della "droga" per altre 3 settimane senza nemmeno sapere se questo effetto collaterale è destinato ad andare scemando fino a scomparire e senza sapere se una riduzione di questi sintomi si iniziano ad avere dopo uno - due - 6 mesi o più.

Nota: contemporaneamente alla vortioxetina ha iniziato a prendere (su prescrizione medica) anche un ansiolitico che secondo prescrizione ha già iniziato a scalare.

Cordiali saluti