Utente 351XXX
Salve dottori.
Sono una donna di quasi 35 anni.
Prima di porvi la mia domanda mi sembra doveroso fare un quadro generale del periodo che sto vivendo.
Di mio sono una persona che soffre tra alti e bassi da oltre 10 anni di ansia ipocondria somatizzazioni derealizzazione ecc. Mi sono curata con paroxetina e xanax al bisogno e tra periodi di ricadute al tentativo di dismissione del farmaco e altri periodi normali bene o male ho sempre fatto la mia vita.
L'ultimo anno è stato abbastanza duro. Traslochi. .Problemi di soldi problemi sentimentali quasi costanti.
Con la psichiatra avevamo deciso di abbandonare la paroxetina per vari motivi e inserire il cipralex . Ma per varie vicissitudini di problemi personali distanza dal Cim che mi segue e i problemi sopra elencati non comprai il nuovo farmaco (anche per ricetta che ho perso) ma comunque con difficoltà sono riuscita a smettere la paroxetina. Ho avuto come sempre problemi di ansia ma una dormita e qualche goccia di xanax mi aiutavano. È da un poco di tempo però che la situazione è precipitata. Negli ultimi mesi sono stata più volte al pronto soccorso fino alla scorsa settimana in guardia medica dove arrivai con 135 battiti al minuto che pur prendendo xanax non si calmavano. Il medico mi ha misurato pressione e ossigenazione ed erano normali solo pressione lievemente bassa 70/110.
Ho spiegato la mia situazione e mi ha fatto la ricetta per il cipralex come concordai con la mia psichiatra.
Questi ultimi giorni sono stati terribili.
Oltre alle tachicardie e dolori al petto purtroppo i miei attacchi sono un poco atipici perciò mi mandano in ipocondria anche convivendoci da anni. Stordimento debolezza formicolii sensazione di svenimento.La debolezza ultimamente è stata costante c'è da dire che sono dimagrita dopo aver tolto la paroxetina e di mio non mangio bene per via dell'ansia. Ho assunto anche per un poco un integratore di magnesio ma di quelli da supermercato ma nulla. La derealizzazione e apatia si sono accentuate e nelle ultime settimane ho abbandonato il lavoro o spostato e annullato eventi con scuse. Nonostante sia in infortunio sono riuscita a rintracciare la mia psichiatra ho da pochi giorni iniziato ad assumere il Cipralex molto lentamente essendo ipocondriaca anche coi medicinali. Prendo anche xanax per tamponare gli effetti che ci possono essere inizialmente per gli psicofarmaci. In effetti qualche disturbino di stomaco lo sento ma mr lo avevano preannunciato e cerco di non darci peso. La mia domanda è inerente a delle piccole fitte che ho da 4 giorni alla parte destra della testa. Non sono molto dolorose come mi succede a volte ma questa volta sono quasi cadenzate non costanti ma spessissimo nella giornata e più o meno sempre allo stesso punto nei pressi della tempia o poco più su.
So che i primi giorni di terapia l'ansia può aumentare e ogni corpo reagisce a suo modo ma io sono terrorizzata .
CONTINUO IN UN ALTRO POST AVENDO SUPERATO I CARATTERI CONSENTITI

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Di fatto sono tutti sintomi correlati alla sua situazione non in compenso per cui sono da considerarsi nella norma.

Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#2] dopo  
Utente 351XXX

Non  ho assunto analgesici perché non voglio mischiare troppi farmaci e già il cipralex


La ringrazio innanzitutto per la sua risposta. Le fitte e una generale cefalea continuano. Potrei assumere un antidolorifico . Magari paracetamolo visto che Fans sono più sconsigliati con ssri.
Ieri notte non ho dormito per extrasistole continue. Oggi va meglio per questo aspetto ma la testa duole. È compatibile la cosa con una reazione iniziale al nuovo farmaco?
Vorrei porre un quesito sull'intervallo qt. A quanto pare pur essendo una rara sindrome psicofarmaci come la paroxetina da me assunta per anni possono causarlo. Visto che sono stata in guardia medica per tachicardie che non si calmavano e mii hanno notato extrasistole e aritmie faccio un Ecg di controllo dato che devo prendere il cipralex?

[#3] dopo  
Utente 351XXX

Cosa mi consigliate per il quesito in merito all'Ecg in particolare sul l'intervallo qt? Ad ogni modo assumo ormai il cipralex da diverso tempo e 10 gocce da un paio di settimane ma sono sempre sulla stessa barca. Ho dolori e fastidi variabili e le fitte alla testa non son mai passate del tutto