Utente 452XXX
salve dottori..vi scrivo dopo mesi perchè la situazione continua a essere insostenibile!
Da quando improvvisamente tutto ha perso di senso, e parliamo del 23 dicembre 2016, è sempre così.
Ho perso quello in cui credere,quello in cui sperare, quello che mi faceva stare bene.
Ho perso le mie passioni, i miei sentimenti, le mie emozioni,i miei affetti...e ho deluso tutti.
Non so più chi sono, cosa mi piace,perdo i capelli, sono invecchiato di 20 anni, sento tutto distante, parlo male, non ci vedo più, sono sempre confuso, sudo sempre, vivo con l'ansia, non mi piace più bere, divertirmi, studiare, guardare le partite, giocare d'azzardo, l'economia,le canzoni, i film,l'arte.
E poi tutto questo mi è venuto quando a 20 anni piangevo perchè non avevo più niente da chiedere alla vita, avevo tutto, ero un animale sociale, mi ero costruito una vita a Roma da fuorisede con le persone con le quali volevo vivere, studiavo quello che mi piaceva nella città che amavo, lavoravo come portapizze per pagarmi i divertimenti, avevo una vita piena fino al collo e un futuro davanti incredibile, una famiglia che mi amava e amici sia a reggio emilia(dove sono cresciuto) a roma(dove vivevo) e in calabria(dove sono nato e dove torno ogni estate e dei quali ero il leader di almeno 30 persone).
Mi emozionavo per tutto, mi emozionavo a provare la genziana della mia coinquilina abruzzese, la strega del mio cinquilino di benevento, ed ero contento solo quando stavamo tutti insieme,e mi incazzavo se qualcuno sparlava di altri in loro assenza.
improvvisamente questa ansia(che prima non conoscevo) mi ha fatto perdere tutto,dai miei coinquilini che adoravo(e mi emozionavo anche solo a sapere che avevamo un numero di casa), non so più dove mi trovo, per cosa vivo,non ho più passioni e con la testa sono rimasto a dicembre 2016.
ho subito il tradimento di questa mia coinquilina della quale mi ero infatuato con il mio coinquilino e migliore amico, ho abbandonato la casa, sono diventato l'ultima ruota del carro nel mio gruppo del mare, ho perso ogni contatto con il mio gruppo di reggio emilia, ho iniziato a fottermene di come mi vestivo,a non avere più opinioni politiche,a comportarmi in modo strano a non provare più il desiderio di mangiare, a dormire vestito, a non lavarmi,e ora sono a roma quest'anno in una casa con gente che odio, e che non ha conosciuto il vero me...mentre prima io amavo ogni singola persona che incontravo,e mi piaceva condividere tutto..prima amavo l'economia mentre ora non riesco nemmeno a tenere le mie cose, perdo tutto, non ho più soldi, il mio coiquilino che conosco da 20 anni ha iniziato a uscire con la quello che mi ha tradito, mentre io all'università non conosco più nessuno...non mi interessano più le donne, fumare erba, bere, ballare(cammino male e non ho più il controllo del mio corpo)...
sono sempre più sicuro che finirò suicida, proprio io che in 20 anni non ho mai avuto problemi, un problema, che im amavo all'inverosimile e mi sentivo invincibile...

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Che terapie ha fatto in questo ormai lungo periodo in cui ha questo disturbo ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 452XXX

da giugno 2017 sto assumendo efexor 75 e lexotan al bisogno.
la diagnosi è di depressione endoreattiva

[#3] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Quindi ha semplicemente assunto una terapia sottodosata, che non ha molta probabilità di funzionare granché.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 452XXX

Lei dice sia per quello? il mio psichiatra è della ASL e praticamente in un anno mi ha visto 4 volte, non è un po poco?
inoltre Le chiedo...è giusta la diagnosi secondo lei? è possibile non riconoscersi più, nel senso che dopo tutto quello che avevo creato, tutte le mie passioni, le mie certezze, ritrovarsi improvvisamente vuoto, può bastare una pillola per ritrovare tutto...io rimango scettico di questo...può bastare una pillola per tornare ad amare, a piangere ed emozionarsi per un'alba, per un tramonto, per la superluna, per ritrovare quello in cui credi, i propri sogni, la propria dignità?
Secondo me no, al massimo aiuta a ritrovare energia fisica e mentale, regolare il sonno, Le chiedo informazioni al riguardo.

[#5] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Non discuto sulla diagnosi, mettiamo che sia quella, io ragiono su quella fatta. Efexor è un farmaco pensato per dosi diverse, così semplicemente tende a non funzionare, non nel suo caso, in generale.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6] dopo  
Utente 452XXX

Salve dottori, vi scrivo per dirvi che il mio psichiatra non è riuscito a vedermi rinviando inevitabilmente l’appuntamento a dopo l’estate...per me è L’ennesima mancanza di rispetto visto che in un anno mi ha visto solo 4 volte e io ho speso soldi per salire a Reggio Emilia mentre potevo stare a Roma.
Adesso quindi mi aspetterà in estate d’inferno nel luogo della mia vita, dove ho vissuto momenti magici e irripetibili con amici e famiglia unici, il luogo dove sognavo, bevevo, ridevo, gioivo,vivevo 24 ore su 24 fuori casa e piangevo pensando ai miei amici che condividevano come me quel posto nel cuore.
Adesso invece sarà la seconda estate dimmerda, dove niente mi farà passare quell’ansia è quella nausea(prima del 22 dicembre 2016 mai avute) che ho 24 su 24, il sudore che mi inonda la pelle io che ero a mio agio dappertutto, la vista che non ho più, i capelli che cadono, la gente che mi china signore o non mi riconosce perché da un anno sono invecchiato di 20 anni, starò malissimo a non emozionarmi più per una cena in famiglia tutto insieme o con gli amici e vederli tutti felici, a non parlare più bene come facevo io, ad avere espressioni, un tono di voce, pensieri che non sono i miei.
A non avere la voglia di bere, mangiare(la mia passione), ballare, sentire la musica, giocare a calcetto, scopare.
Allora nei pochi momenti in cui starò da solo ascolterò la musica che ascoltavamo nella casa a Roma fino a quando stavo bene, e piangerò di nostalgia pensando a come ero, a quando piangevo quando sentivo il mondo migliore di Vasco perché si...l’avevo creato io il mondo migliore, lo stavo vivendo...e penso ma che ne sapete voi.
Dottori mi conviene cambiare psichiatra a questo punto? Aiuto non ho mai visto uno spreco di vita come il mio...oggi è morto marchionne avrei pianto ma non me ne frega nulla

[#7] dopo  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Le conviene trovare uno psichiatra che la segua e le prescriva una terapia efficace. Anche se non ci crede, ci sono terapie che funzionano bene. E' giovane, ha una famiglia al corrente della situazione?
Franca Scapellato

[#8] dopo  
Utente 452XXX

Assolutamente...e una mamma che capisce perchè l'ha vissuta per 4 anni quando era giovane...però essendo fuorisede non vedo spesso.
Sono d'accordo.
Approfitto della sua disponibilità per chiederle se ritiene che ce ne siano affidabili anche nell'asl o mi conviene rivolgermi a uno privato.
Grazie mille in anticipo

[#9] dopo  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Ci sono specialisti affidabili e preparati sia privati che pubblici. Il problema nel pubblico spesso sono i tempi. Per curare la depressione non basta una visita e una prescrizione, almeno nei primi mesi finchè la terapia è in fase di definizione i controlli devono essere più ravvicinati. Lo psichiatra, pubblico o privato, all'inizio della terapia investe più tempo, se vuole ottenere un risultato. Dal canto suo il paziente deve pensare alla salute del suo cervello come se fosse un organo importante, tipo un cuore o un fegato o un polmone. Se ho un problema al cuore non sto ad aspettare lamentandomi della sfortuna e di come facevo i cento metri in dieci secondi, no? Cerco uno specialista che mi curi prima possibile.
Franca Scapellato

[#10] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Capisco, rimane però il fatto che trovare un medico disponibile non è così improbabile, e capita come in altri casi che si cambi perché ci sono dei limiti, a volte logistici, altre volte di fiducia, etc.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#11] dopo  
Utente 452XXX

Dottori grazie mille della vostra disponibilità.
Mi auguro si possa risolvere perché adesso sono arrivato nella casa del mio cuore e non mi ha provocato nulla, ho rivisto i miei nonni e nulla, ho mangiato il mio piatto preferito è nulla, sto per vedere i miei amici e sto già in ansia mentre prima non vedevo l’ora,sento tutti distanti mentre prima ero al centro di tutto.
Non seguo più il calcio e nulla, non ho più valori.
Grazie mille in ogni caso