Utente 502XXX
Buonasera..Immaginiamo una bambina di circa 10 anni, cresciuta in una famiglia normale ma con il padre assente x lavoro..Questa bambina ricorda la madre che la rassicurava, le diceva sempre che la bambina poteva fidarsi solo di lei, essendo appunto la madre..Poi questa bambina incontra un mostro, brutto, vecchio..Subisce un abuso e quando lo racconta alla madre, xche solo di lei poteva fidarsi, la madre le dice di nn dire niente a nessuno soprattutto a papà sennò lo ammazza e che nn voleva litigare in famiglia e di farsi forza che nel mondo c'è chi sta peggio di lei..Essendo un parente acquisito, la bambina è stata obbligata a vederlo nelle feste di famiglia..Obbligata anche ad andare a trovarlo in ospedale quando stava morendo...La bambina nn voleva, si arrabbiava e la mamma diceva al padre 'guarda, ha tutto, le diamo tutto e guarda come mi tratta da cattiva' La mamma nn ha mai parlato di questa cosa a nessuno e la bambina anche..crescendo,avrà disturbi la bambina?Potrà arrivare a nn avere neanche la forza di affrontare la quotidianità?Potrà sentire così tanta stanchezza della vita da riversarsi sul piano fisico e nn riuscire a mangiare, curarsi.. Amarsi?? Nessuno aiuterà questa bambina.. E lei si sentirà sempre più sola, nn ascoltata.. Capirà che al mondo nn interessa niente di nessuno, che le persone vogliono sapere xche sono curiose, nn xche vogliono aiutare.. D'altronde, già la mamma nn l'ha aiutata.. Lei, che le ha promesso protezione l'ha obbligata a mangiare assieme al mostro, x anni.. La famiglia nn sa, scambiera il suo disagio con una personalità strana frivola, che nn capisce niente, rideranno di lei.. Un giorno scoppierà.. Un giorno chimerà al lavoro e dirà che sta male.. Il giorno stesso andrà dal medico, chiederà 2 settimane di malattia, xche anche camminare sarà uno sforzo enorme ma soprattutto quel giorno chiederà aiuto psicologico.. Xche forse capirà che si, tante persone soffrono nel mondo, ma nn x questo lei deve sottovalutare se stessa, come farà.. Capirà che anche lei esiste e soffre e avrà diritto a provare almeno ad essere felice.. Xche nn sa se mai lo sarà.. Amerà sua mamma.. In fin dei conti arriva dalla sua pancia la bambina.. Quel legame lo sente.. Ma la bambina vorrà scappare lontano dalla madre, xche a volte nn riuscirà più a tollerare la sua presenza. La bambina capirà che nn avrà mai una risposta alla sua domanda:come può una madre ignorare un abuso?

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Probabilmente è più semplice descrivere la situazione come se stesse parlando in terza persona riferendosi ad una bambina.

Non può considerare questo spazio sostitutivo di qualsiasi rapporto terapeutico che può intraprendere a prescindere.

Ha una domanda clinica da porre?


Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#2] dopo  
Utente 502XXX

Le domande ci sono.. Grazie Cmq x l'attenzione