Utente 504XXX
Salve. Prima di tutto mi scuso se le mie paure possano sembrare stupide. È la prima volta che uso questo sito e non sono neppure sicuro di aver scelto la categoria giusta. Soffro di attacchi di panico, o meglio ne soffrivo (ora ho “solo” un’ansia generalizzata). Tutto è cominciato tre anni fa. Dopo aver escluso problemi al cuore mi sono affidato a un neurologo che mi ha prescritto dei farmaci. Purtroppo sono molto sensibile al caldo e in estate la mia ansia si amplifica. Il guaio è che ogni volta presento sintomi diversi e la mia paura di avere un problema cardiaco è immensa. Ho sempre avuto tuffi al cuore, da quando avevo 15 anni. Non mi è stato mai trovato alcun problema e sono tre anni che non vado dal cardiologo. Non so se sia poco o tanto per ripetere una visita. Comunque mi sono dilungato troppo. Spiego i sintomi che ho in questo periodo. In pratica (mi capita soprattutto dal tardo pomeriggio in poi) ho una sensazione di aria calda alla gola. Questa sensazione non parte dallo stomaco (so che esistono patologie legate a questo) ma è molto diversa dal classico “nodo in gola”. Quando quest’aria la sento con più forza inoltre sento un’improvvisa sensazione di panico al cuore. Però non è un attacco, dura tipo mezzo secondo. Questa brutta sensazione mi capita anche la notte prima di prendere sonno (anche se non sempre). Un altro fastidio che ho avuto ma che ora mi sembra passato è una strana sensazione di chiusura al petto nell’atto di stendermi (appena steso mi passava dopo qualche secondo). Ah, dimenticavo di precisare che a fine primavera stavo bene e per questo il neurologo mi ha ridotto i farmaci all’osso. Questo però due mesi fa, quindi immagino che se il problema fosse stato la riduzione dei farmaci ora sarebbe svanito, no? Vi ringrazio anticipatamente per la risposta.

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Non penserei infatti alla riduzione dei farmaci, ma al fatto che ora ne prende evidentemente una dose inefficace. Non alla riduzione in sé, al fatto che il risultato della riduzione è che il disturbo non è più coperto evidentemente.
Fino a due mesi fa stava bene, con che cura ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 504XXX

Prima prendevo al mattino 5 gocce di En e 5 di Entact; di pomeriggio 5 gocce di Brintellix e 5 di En. Ora prendo solo 5 gocce di Brintellix e 5 gocce di Entact al mattino. Il dottore mi ha detto che se avessi avuto problemi avrei dovuto telefonargli, ma ancora non lo faccio, poiché spero che con l’avvento del fresco possa stare meglio. Quindi lei mi conferma che i miei sono solo sintomi ansiosi e nulla di più? Ho una paura matta delle malattie cardiache...

[#3] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Il medico le ha detto di chiamarlo, non vedo perché non farlo.
Adesso sta assumendo due farmaci, uno a dose inefficace, l'entact, l'altro anche (il secondo, il brintellix, non ha però quell'indicazione, è indicato per la depressione).
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it