Utente 428XXX
Buongiorno egregio dottore,

ho inviato una raccomandata con ricevuta di ritorno in cui ho scritto che voglio proseguire le cure con uno specialista privato.
Ho detto che ho un appuntamento con uno psichiatra privato ma lo psichiatra pubblico vuole lo stesso che vado da lui.
Non ci sono vincoli giudiziari o sentenze che mi costringono ad andare da loro.
Come posso comportarmi?
Devo far scrivere una diffida dal mio avvocato?
Come posso sganciarmi dal csm di residenza?
Ho pensato di far scrivere due righe dallo psichiatra privato.
grazie

saluti


[#1] dopo  
Dr. Paolo Carbonetti

28% attività
20% attualità
16% socialità
VITERBO (VT)
TERNI (TR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Se lei non è in regime di trattamento sanitario obbligatorio domiciliare non è obbligato a farsi seguire dal servizio pubblico. Non occorre proprio far scrivere da un legale. Sarà invece opportuno e deontologico che lo psichiatra privato contatti il collega del CSM per rassicurarlo.
Dr. Paolo Carbonetti
Specialista in Psichiatra
Specialista in Psichiatria Forense
Viterbo-Terni-

[#2] dopo  
Utente 428XXX

E se questo non basta?
E se il csm fa storie?
grazie mille gentile dottore

[#3] dopo  
Utente 428XXX

E una rr dove c'è scritto che il dottore privato mi prende in carico?

grazie mille gentile dottore

[#4] dopo  
Dr. Paolo Carbonetti

28% attività
20% attualità
16% socialità
VITERBO (VT)
TERNI (TR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Se questo la fa stare tranquillo invii la raccomandata, ma ribadisco che non serve.
Dr. Paolo Carbonetti
Specialista in Psichiatra
Specialista in Psichiatria Forense
Viterbo-Terni-

[#5] dopo  
Utente 428XXX

E se mi fanno ancora storie cosa posso fare?

[#6] dopo  
Utente 428XXX

Il dottore mi ha detto che vuole che la psichiatra privato aggiunga la riga che se non vado agli appuntamenti di avvisarli.

E'legale questa cosa che mi ha detto?

grazie gentile dottore

[#7] dopo  
Utente 428XXX

Io sono della città di Massa, conosce qualche bravo psichiatra privato, per cortesia?