Utente 426XXX
Salve dottori, volevo chiedere il vostro parere, mia suocera ad oggi nel corso di 40 anni ha subito diversi tso, tra cui 3 forzati e molti di volontà di scelta, lei da anni segue una terapia a base di litio, ma quando ha le ricadute e perché lascia via la terapia oppure la altera con sovradosaggio, abbiamo notato sia sul penultimo tso che su l'ultimo un particolare, durante la permanenza al reparto si ristabilita, ed esce con una terapia da seguire, nel momento delle dimissioni le è perfettamente in sé, stabile cammina da sola mangia da sola fa tutto da sola, ma nel momento in cui torna a casa dopo 2 giorni si uri a addosso, ste tutto il giorno piegata in avanti a testa in giù, a paura di camminare perché dice di cadere, non riesce a mangiare, si aggrappa sui muri e dice cose privé di senso, fa discorsi alterati, e ci chiedevamo se è tutta una scenata per ottenere un qualcosa o attirare l'attenzione oppure è realmente una condizione degenerativa, come facciamo a scoprirlo?

[#1] dopo  
Dr.ssa Nicole Romeo

24% attività
20% attualità
12% socialità
GUIDONIA MONTECELIO (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2018
Prenota una visita specialistica
Innanzitutto bisogna capire se quando è a casa assume la terapia , o se ssdume la terapia correttamente...se vive da sola è difficile averne la certezza...
Poi è utile una Risonanza magnetica dell'encefalo per verificare la presenza o meno di problematiche vascolari o di altra natura.
Ovviamente il tutto va inquadrato nello stato di salute generale della signora ( età? Ipertensione? Diabete? Tiroide? ....problemi artrosici?....assunzione di alcolici?)
Per cui consultate il medico curante per i vari accertamenti.
Cordiali saluti
Dr.ssa Nicole Romeo
Medico Chirurgo
Specializzata in Psichiatria
Specialista Psicoterapeuta

[#2] dopo  
Utente 426XXX

Lei ha 68 anni, ha solo un problema alla tiroide per il resto è apposto, la risonanza è stata fatta gli hanno diagnosticato un principio di demenza, lei è sotto cura dall'istituto sicurezza Igiene mentale da 40 anni, ma come ripeto nessuno sa dirci se realmente è così oppure sono dei momenti in cui finge per attirare l'attenzione.

[#3] dopo  
Dr.ssa Nicole Romeo

24% attività
20% attualità
12% socialità
GUIDONIA MONTECELIO (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2018
Non ha solo un problema alla tiroide ..
lei ha scritto "....ha subito diversi tso, tra cui 3 forzati e molti di volontà di scelta, lei da anni segue una terapia a base di litio, ma quando ha le ricadute e perché lascia via la terapia oppure la altera con sovradosaggio, abbiamo notato sia sul penultimo tso che su l'ultimo un particolare, durante la permanenza al reparto si ristabilita, ed esce con una terapia da seguire, nel momento delle dimissioni le è perfettamente in sé, stabile cammina da sola mangia da sola fa tutto da sola, ma nel momento in cui torna a casa dopo 2 giorni si uri a addosso......."

Comunque solo chi la segue può rispondere ..
E dato che da 40 anni è in cura presso Igiene mentale...
L'unica cosa certa è che la signora ha bisogno di assistenza ...forse cerca anche attenzione e affetto...
Cordiali Saluti
Dr.ssa Nicole Romeo
Medico Chirurgo
Specializzata in Psichiatria
Specialista Psicoterapeuta

[#4] dopo  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Sono d'accordo con la collega. Sua suocera ha bisogno di assistenza e di supervisione continua, meglio se quotidiana, per quanto riguarda le terapie, che deve assumere con regolarità. Se le assume, come in ospedale, rimane lucida, se le sospende o le assume in modo irregolare non solo manifesta confusione, ma rischia danni anche fisici molto seri, perchè il litio è efficace, ma va dosato con attenzione e il suo livello nel sangue va controllato spesso. Nella scelta dei farmaci oltre all'efficacia andrebbe tenuto conto della "compliance", cioè della probabilità che il paziente comprenda e segua davvero le indicazioni. Dare la cura "giusta" per il diabete, l'ipertensione o il disturbo bipolare serve a poco se il paziente non è in grado di seguirla.
Franca Scapellato