Utente 412XXX
Buongiorno, ho 3 domande. 1) È possibile che una persona sia in costante "ipomania", facendola considerare a tutti (e a se stessa) il suo carattere? Mi riferisco a qualcuno che magari abbia un disturbo dell'umore - diagnosticato o non, o non in terapia - e viva con costante allegria, mai troppo sopra gli shemi, ma comunque leggermente lontano dalla " norma". Una persona logorroica, lavaoratrice instancabile e con mille idee, spendacciona (ma anche generosa verso gli altri), sempre e comunque disponibile ad uscite con amici ecc. Niente che dia troppo nell'occhio a amici e familiari, che anzi ne lodano la vivacità. TUTTO CIO basato magari sull'assunzione cronica e dosaggi moderati, non alti, ma lontani dai terapeutici, di farmaci che si sa creino ipomania? ) È possibile o il soggetto avrà necessariamente una caduta verso il basso della depressione?
2) dopo anni e anni di trattamenti con SSRI, litio, SNRI, ipnotici, ecc, che NON hanno mao sortito nessun effetto, il mio psichiatra mi ha diagnosticato la distimia e mk ha dato sulamid 50 mg al bisogno. Sono rinato.È possibile arrivare ad una diagnosi così tardi?

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Quando descrive la persona precedente sta parlando di se stesso?

Descrive la cosa con un certo distacco per poi concludere con una domandina su una presunta diagnosi tardiva.

Può focalizzare la domanda con riferimenti brevi ma propri?

Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#2] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
1) No, concettualmente è cosa non stabile se non in una prima fase, che può essere più duratura. Quello che dice Lei si chiama ipertimia, e corrisponde al concetto di stato abituale "carico" con tutti gli aspetti che ha definito. L'ipomania ha maggiori aspetti di impulsività e irritabilità, e rientra nell'ambito dei fenomeni correlati al decorso instabile.

2) Non è che la diagnosi introduca grandi elementi di novità, ha fatto trattamenti antidepressivi a lungo, e poi le viene diagnosticata una forma di depressione... inoltre, non so da quanto assuma questa cura, però è ovviamente da vedere se sia efficace o meno a lungo termine. Inoltre, se aveva un disturbo bipolare, i cambiamenti umorali non sono necessariamente correlati alle cure.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#3] dopo  
Utente 412XXX

No Dottor Pacini, mi riferivo solo al fatto che la mia depressione, o periodi depressivi (quella che il mio psi riferisce come ipomania si basa solo su una produttività maggiore a livello universitario, e un minor bisogno di dormire, e basta. Non faccio nulla di strano e le persone che mi circondando non direbbero mai che sono in uno stato "alterato") non hanno MAI tratto giovamento, anche se minimo, dal trattamento con antidepressivi di vario genere. Ora con il sulamid è diverso, sto meglio : c'è da considerare che soffro anche di una lieve fobia sociale.

Dottor Pacini, sempre disponibile, gentile, esaustivo, e a modo. Un plauso pervhè offre un gran servizio (parlo con lei perchè è tra i più attivi e prende più a cuore le risposte). Se fossi in zona sarei sicuramente suo paziente! Saluti a tutti

[#4] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Ipomania cronica e fobia sociale lieve mi paiono francamente in contraddizione, sia nella versione "temperamento" che in quella già dentro la diagnosi vera e propria di "ipomania".
Il fatto che gli antidepressivi non abbiano mai funzionato e quello particolare sì potrebbe significare che il substrato è sensibile ad un meccanismo specifico, senza implicazione diagnostica chiara.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it