Utente 522XXX
Buongiorno,
Da molti anni (sostanzialmente da quando ne avevo 8/9, ora ne ho 22) soffro di una serie di problemi che fino ad ora ho facilmente sopportato ma che adesso stanno diventando invivibili. Il tutto è iniziato quando ho notato, una sera, che dopo aver guardato una lampada in casa, spostando lo sguardo vedevo macchie nel campo visivo, come quando si guarda troppo il sole, che scompaiono comunque piuttosto velocemente. Questo mi accade con qualsiasi fonte di luce. Qualche mese più tardi ho iniziato a vedere, dopo aver tenuto chiuso gli occhi per qualche minuto, delle macchie colorate che si muovono. Ciò mi ha inizialmente causato alcuni problemi ad addormentarmi ma mi sono abituato abbastanza velocemente. In seguito ho anche iniziato a vedere, quando chiudo gli occhi, immagini (non nitide) relative a videogiochi o serie TV animate che ho guardato nell'arco della giornata. Col passare degli anni ho iniziato a sentire acufeni (che sono peggiorati nel giro di due anni da quando si sono manifestati ma adesso, a distanza di almeno 10 anni, mi sembrano ormai stabilizzati) e vedere miodesopsie. Successivamente, questo all'età di 14 anni, ho iniziato a sentire rumori improvvisi o voci che non esistono appena entro in uno stato di "dormiveglia". A tutto questo mi sono abituato e per almeno 6 anni non ho più notato alcun peggioramento. Dall'anno scorso, però, ho iniziato ad avvertire un nuovo sintomo piuttosto grave: chiudendo gli occhi, in assoluto silenzio, prima di addormentarmi, inizio a sentire delle voci, pur essendo ancora sveglio. Sono voci incomprensibili stile "pentola di fagioli" che si manifestano, ripeto, quando ho gli occhi chiusi e provo ad addormentarmi in assoluto silenzio (basta accendere la televisione anche a un volume piuttosto basso e questo fenomeno non si presenta più). Ma adesso da una settimana sembra che la situazione peggiori: sento riecheggiare musiche e canzoni nella mia testa anche se non voglio canticchiarle e capita quasi sempre che mi sveglio nel cuore della notte e non riesco più ad addormentarmi perché mi sembra di "sognare" pur essendo sveglio e cosciente. Mi scuso in anticipo se quest'ultima cosa non riesco a spiegarla molto bene, ma è come se vivessi avvenimenti, proprio come in un sogno, magari anche di serie tv o videogiochi che ho giocato nel corso del giorno, e per questo la mia mente pensa a quello piuttosto che addormentarmi, anche se continuo a ripetermi che non devo finire il livello del videogioco ma devo addormentarmi. Mi vergogno un po' a parlare di queste cose perché non vorrei essere preso per pazzo, non mi sembra di aver mai avuto sintomi particolari di schizofrenia, ottengo ottimi risultati in università ed esco spesso con gli amici. Allo stesso tempo ho paura a parlarne a causa del lungo tempo per cui ho avuto questi sintomi e non ne ho mai parlato con nessuno. Mi scuso se mi sono dilungato troppo, spero di ricevere dei consigli adeguati e un po' di conforto. Grazie in anticipo

[#1] dopo  
Dr. Paolo Carbonetti

28% attività
20% attualità
16% socialità
VITERBO (VT)
TERNI (TR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Stia tranquillo, lei non ha nessun segno di schizofrenia.
I fenomeni visivi di cui lei parla nella prima parte della lettera sono del tutto fisiologici. Gli altri, comprese le "voci", sono fenomeni ipnagogici, che si manifestano durante l'addormentamento o durante il risveglio. Non deve dargli importanza. Piuttosto eviti di impegnarsi troppo a lungo in videogiochi, specie la sera.
Dr. Paolo Carbonetti
Specialista in Psichiatra
Specialista in Psichiatria Forense
Viterbo-Terni-

[#2] dopo  
Utente 522XXX

La ringrazio per la risposta. Il fenomeno delle "voci" mi preoccupa un po' perché le sento anche quando sono sveglio, cioè me ne accorgo prima di addormentarmi ma mi sembra di essere ancora pienamente cosciente quando le sento. Cercherò comunque di non darci troppa importanza, specialmente ai fenomeni che avverto se mi sveglio durante la notte che mi fanno stressare abbastanza e non riposare bene. Seguirò il consiglio di non giocare troppo, purtroppo è un vizio che ho sempre avuto. La ringrazio di nuovo.