Utente 463XXX
Gentili dottori Buongiorno. Per circa 10 giorni ho assunto mezza pastiglia di quietapina da 25 mg alla sera. Con oggi ( sempre sotto consiglio del dottore che mi segue ) ho aggiunto l'altra metà, quindi mezza pastiglia la mattina e mezza la sera per una totale di 25 mg. Ora, assumendo la mezza pastiglia della mattina noto un po'di sonnolenza , fiacca. Questi effetti collaterali quanto durano circa? Con il proseguire della terapia andranno via? Assumo anche mirtazapina 15mg al pomeriggio. In attesa di risposta ringrazio.

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

La domanda così posta è una domanda sul futuro, non ha senso.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 463XXX

Gentile dottore grazie di avermi risposto, ma non capisco. Io chiedevo semplicemente quanto possono durare gli effetti collaterali, e non se in futuro possa funzionare o meno la terapia.

[#3] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Queste sono domande sul futuro. Formulate così, domande del genere non hanno particolare risposta. A meno che non consideri una risposta ciò che già sa, cioè "forse si, forse no", potranno andar via oppure no, etc. Idem per il funzionamento della cura: che senso ha chiedere se funzionerà ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 463XXX

Dottore grazie ancora, io per ora ho notato miglioramenti solo su l'umore ma l'ansia forse è addirittura peggiorata. Mi sento una grand confusione, ho vuoti di memoria, stanchezza e la terapia l'ho iniziata già da 13 giorni ( da 3 giorni ho aumentato a 25 mg ). Non è che sia il massimo stare così, soprattutto perché ho dovuto assumere il lexotan per calmare l'ansia , cosa che questa cura avrebbe dovuto eliminare. Quindi, chiedere quanto dureranno tutti questi effetti, penso sia una domanda logica. Soprattutto perché lei è dottore e credo che abbia esperienza con questo farmaco. La ringrazio nuovamente.

[#5] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Lei sta assumendo questa cura per curare che tipo di disturbo ?

13 giorni sono sufficienti per alcuni effetti immediati, sedativi di solito, che possono anche essere effetti collaterali.

La dose è una dose minima per quel farmaco, se chiarisce la diagnosi si capisce meglio quali possono essere le tempistiche.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6] dopo  
Utente 463XXX

Gentile dottore, la mia diagnosi è di ansia. Dall'ultima visita con il neurologo psichiatra ( ho cambiato dottore perché quello di prima non mi seguiva come doveva) mi ha detto che la mia non è stata una depressione vera e propria ma più che altro ansia. E quindi mi ha dato la quietapina a basso dosaggio, ma io probabilmente non tollero. Come non mi ha fatto nulla la mirtazapina da 15 mg che già assumo da mesi.

[#7] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
"Ansia" non è una diagnosi, sarebbe come dire "febbre". E non mi torna molto con la quetiapina. Lei assume quindi già la mirtazapina, ma anche quella senza una diagnosi definita ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#8] dopo  
Utente 463XXX

Allora, il dottore che mi seguiva prima, aveva detto che era depressione così mi ha dato la mirtazapina è il wellbutrin che poi, sempre sotto consiglio del dottore ho scalato e sospeso. Ora, l' umore è migliorato, ma non l'ansia. Il nuovo dottore che mi segue mi ha detto che la mia è ansia ( disturbo ansioso ), per la precisione distress ciclico. E per questo consigliava quietapina.

[#9] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
La diagnosi attuale è una non-diagnosi, vaga. Distress ciclico non vuol dire niente di particolare, a meno che non voglia dire disturbo bipolare, che però non si chiama distress ciclico, mai sentito questo termine.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#10] dopo  
Utente 463XXX

Gentile dottore non so'se sia disturbo bipolare. Il neurologo psichiatra non mi ha parlato di questo disturbo. Perché nel disturbo bipolare è più presente l'ansia?

[#11] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
No, perché la quetiapina si usa in quel tipo di disturbo.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#12] dopo  
Utente 463XXX

A me il medico me l'ha data perché ha detto che agisce a basse dosi sull'ansia. Grazie ancora.

[#13] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Sì, certamente, questo è l'intento, però un conto è su un termine generico come ansia, un conto è sull'ansia generalizzata con tutto l'insieme dei suoi sintomi.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#14] dopo  
Utente 463XXX

E quindi la quietapina non è adatta per l'ansia generalizzata. Mi sbaglio?

[#15] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Non è una delle terapie classiche, niente vieta che possa funzionare. Però un conto è ragionare sui sintomi uno per uno, e un conto sul complesso degli stessi, e su quelli "cardine" del disturbo.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#16] dopo  
Utente 463XXX

Gentile dottore grazie ancora. Come dice la mia psicologa, io sono una persona molto introspettiva, so'ascoltare molto bene le mie sensazioni. E secondo me la mia è una depressione ( se così vogliamo chiamarla ) bipolare. Ci sono giorni e anche periodi che sto' bene, mi sento positiva, i miei pensieri sono positivi, e invece giorni o periodi altalenanti. C'è da dire che sono anche in premenopausa e non riesco a capire se il tutto è dovuto appunto alla premenopausa. Sto'assumendo il femoston 1/5 e forse anche questa cura può causare certi sintomi. Secondo lei? La ringrazio nuovamente.

[#17] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
D'accordo, però la diagnosi è bene che la faccia il medico. Per esempio, se fosse quella, non sarebbe strano che con un farmaco come la quetiapina stia meglio.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#18] dopo  
Utente 463XXX

Gentile dottore il problema è che la quietapina non la tollero. Ho provato ad aumentarla ma mi causava troppa confusione, vuoti di memoria, non riuscivo nemmeno a guidare. Difatti ho dovuto riprendere la metà dose di 25 mg . Ci sono altre molecole che magari possono darmi meno fastidio? La ringrazio nuovamente.

[#19] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
In tal caso le sceglierà il suo medico, però le ripeto, la scelta varia a seconda che si ragioni su un disturbo d'ansia o su un'altra diagnosi.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it