Utente 331XXX
Salve. Ho 26 anni e fin dalla prima adolescenza soffro di disturbo ossessivo-compulsivo, per cui sono in cura dall'età di 18 anni. Attualmente sto assumendo fluvoxamina 200mg quale terapia di base e mi è stato reintrodotto da alcuni giorni l'aloperidolo, già assunto in passato, a un dosaggio di 10 gocce/die.
La mia richiesta riguarda un effetto collaterale che mi viene dato dall'aloperidolo, ossia la sonnolenza. Assumo le gocce in tarda serata ma la mattina dopo fatico ad alzarmi e mantengo una spiccata sonnolenza soprattutto se devo impegnarmi in attività impegnative quali guidare, studiare o seguire lezioni. Ricordo di aver sofferto di questo problema anche durante la precedente cura con aloperidolo ma all'epoca era associato a paroxetina e la sonnolenza era diminuita passando alla fluvoxamina.
Mi domando, in sostanza, se continuando ad assumere le 10 gocce giornaliere il mio corpo possa abituarsi e la sonnolenza possa ridursi oppure se non sia il caso di ridiscuterne l'assunzione con il mio medico.
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Nicolazzo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

forse sarebbe più corretto considerare anche la Fluvoxamina, che sta assumendo a 200 mg, nella valutazione dell'effetto indesiderato a fronte di 1 mg di Aloperidolo, chiaramente se questo le causa problemi e difficoltà oggettive le conviene parlarne con lo psichiatra per eventualmente ridefinire la cura,

Saluti
Dr G. Nicolazzo
Specialista in Psichiatria
Psicoterapeuta

[#2] dopo  
Utente 331XXX

Gentile dottore,
la ringrazio per la risposta. Sicuramente 1mg di aloperidolo è molto poco e la combinazione con la fluvoxamina potrebbe essere rilevante in termini di sonnolenza. Mi domandavo però se continuando ad assumerlo (ho iniziato da 7 giorni) la sonnolenza possa ridursi oppure no.

[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Nicolazzo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Questo è possibile, ma se lei guida la sonnolenza è un problema.
Dr G. Nicolazzo
Specialista in Psichiatria
Psicoterapeuta