x

x

Cipralex

Buonasera dottori
Vi scrivo per sapere se, sulla base della vostra esperienza, esiste una correlazione fra l’uso del Cipralex e crisi epilettiche.
È possibile che un uso sistematico e superiore ai 4 anni sia stato la causa di un episodio epilettico. Preciso che EECG pulito e TAC senza alcuna anomalia, l’episodio dal neurologo non classificato come epilettico è stato caratterizzato da stato di incoscienza irrigidimento, bocca serrata e colorito cianotico. No urine no convulsioni.
Alterazione in ECG del QT definito lungo quasi 500.
Da qui neurologo e cardiologo non sanno spiegare il perché dell’episodio, lo psichiatra ha sostituito cipralex con un altro farmaco.

Che ne pensate?
Grazie
[#1]
Dr. Paolo Carbonetti Psichiatra, Psicoterapeuta 3.7k 209
Quasi tutti gli antidepressivi abbassano la soglia convulsiva, e può accadere - per la verità sono eventi eccezionali - che se qualcuno ha una soglia già di per sè bassa l'uso di questi farmaci può produrre una crisi convulsiva (che da sola non vuol dire epilessia).
Considerando anche l'alto valore del QTc ben ha fatto il suo psichiatra a sospendere il Cipralex.

Dr. Paolo Carbonetti
Specialista in Psichiatra
Specialista in Psichiatria Forense
Viterbo-Terni-

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie mille dottore.
Inoltre ECG dopo circa 4 giorni di interruzione del cipralex ha rilevato il valore del QT ad una soglia di normalità.

Solo una curiosità è possibile che a circa 12 ore dalla crisi l’elettroencefalogramma non abbia indicato anomalie?
Inoltre secondo lei è consigliabile una risonanza?
Grazie
[#3]
Dr. Paolo Carbonetti Psichiatra, Psicoterapeuta 3.7k 209
1) è possibile
2) la RMN completerebbe le indagini
[#4]
dopo
Utente
Utente
Grazie mille per il suo gentile riscontro