Utente
Buongiorno

circa 5-6 anni fa, su consiglio del mio psichiatra, ho cominciato una terapia a base di zoloft, lorazepam e olanzapina. Dopo un po' ho cominciato a stare meglio e lentamente ho cominciato a ridurre la terapia. Prima ho ridotto e poi interrotto l'uso di zoloft e poi, sempre lentamente, il lorazepam.
Non ricordo le tempistiche esatte, ma ho assunto lo zoloft per un paio d'anni, il lorazepam per circa 5 anni ( che non assumo più da circa un anno). L'unico farmaco che mi porto dietro dall'inizio della terapia è l'olanzapina ( quindi 6 anni).
L'ho sempre assunta ad un dosaggio di 5mg, per poi dopo un po' ridurla a 2.5 e rimanere su questo dosaggio per circa sei mesi. Su consiglio del mio psichiatra, ultimamente abbiamo deciso di interrompere l'assunzione anche di questo farmaco. Ho assunto mezza compressa da 2.5mg per circa 10 giorni, al decimo giorno ho interrotto l'assunzione. E' dal 15 Aprile che sono a zero.
Mi sento piuttosto bene, mi sento più vigile e lucido e sono soddisfatto. L'unico problema è che, dal 15 di Aprile, ho grosse difficoltà a dormire. Mi viene difficile addormentarmi e, quando mi addormento, mi sveglio dopo tre ore sempre alla stessa ora. Mi sveglio inoltre molto accaldato e poi ho difficoltà a riaddormentarmi ( anche se poi riesco malamente a dormire di nuovo). Un'altra cosa che mi da fastidio della situazione è che durante il giorno e durante la notte ho molto prurito in tutte le parti del corpo: nella schiena, nelle gambe, dietro le orecchie, nelle piante e dorsi dei piedi, nel cuoio capelluto. Prima di interrompere l'olanzapina non ho mai avuto problemi di questo tipo. Ho chiesto delucidazioni al mio psichiatra e lui sostiene che questo prurito non è colpa dell'olanzapina perchè quando l'assumevo non avevo problemi. Io mi chiedo, potrebbe essere qualche effetto dell'astinenza/ interruzione? Vi risulta sia possibile? Ho chiesto anche al mio medico curante e lui sostiene possa essere un effetto collaterale dell'ansia.
Il mio psichiatra sostiene che necessito di tornare ad assumere olanzapina se le cose non migliorano, ma io sono riluttante perchè mi sento bene e sono molto contento di non assumere farmaci dopo sette anni di terapia.
Avete qualche consiglio da darmi? E' normale avere queste problematiche ( soprattutto il prurito che è una cosa che un po' mi stranizza)? Dopo quanto potrebbero risolversi questi problemi?

PS non assumo farmaci di nessun tipo, tranne la finasteride ad un dosaggio di 1mg da circa due anni ( senza nessun problema) per l'alopecia androgenetica.

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Possono esservi sintomi da sospensione. Naturalmente occorre differenziarli dai sintomi del disturbo di fondo, come in ogni procedura di sospensione.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Visite e Consulti Skype : "Studio Psichiatrico Pacini"

[#2] dopo  
Utente
grazie dottor Pacini per la celere risposta.
Sospettavo potessero essere sintomi da astinenza, soprattutto l'insonnia. Io comunque nella mia vita non ho mai sofferto d'insonnia fino ad ora. Anche nei periodi di ansia e difficoltà più intense ho sempre dormito bene. Immagino sarà un periodo di difficoltà transitoria.

Mi saprebbe dire qualcosa di più riguardo il prurito? Per sua esperienza è un sintomo che ha già visto in caso di interruzione dell'olanzapina?