Utente 541XXX
Salve,
io vorrei sapere, dal momento che non mi è chiaro, che cosa s'intende veramente quando si parla di terapie per i disturbi psichici. Non capisco se si parli di cure per modo di dire, nel senso che in realtà tutto ciò che si può realmente fare con i farmaci, ad oggi, sia tenere sotto controllo le malattie attivando o disattivando alcune parti del cervello, deprimendo per calmare, o stimolando per risvegliare, ma in modo meccanico, e sempre a prezzo di limitare l'attività cerebrale in qualche sua parte, per cui non si sta mai davvero bene come chi non soffre di questo tipo di disturbi, ma si rimane sempre in qualche misura menomati, ad esempio nell'attività sessuale, da un punto di vista metabolico e del peso, della lucidità e della vigilanza, dell'energia psichica e fisica disponibile, oltre a tutti i rischi a carico degli altri organi e apparati. Non parlo di casi lievi o ancora al primo episodio, che possono magari essere trattati efficacemente con la psicoterapia o con cicli di farmacoterapia con una durata definita e limitata. Parlo di tutti gli altri casi in cui il disturbo è antico, genetico, cronicizzato o cronico, o comunque d'entità e gravità tali da escludere remissioni spontanee o il solo trattamento psicologico o psicoterapico. Il mio dubbio è se abbia davvero senso curarsi, e a quale prezzo.
Grazie per eventuali riscontri.

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Si intende esattamente quel che si intenderebbe in qualsiasi altra branca della medicina.
Non i ragionamenti inutilmente polemici che fa Lei. Si cura, con vari significati, esattamente come si curano malattie temporanee, permanenti, eradicabili e non eradicabili, a seconda degli strumenti che si hanno a disposizione.

Peccato che Lei scriva sempre come premessa ad una qualche polemica, altrimenti la domanda avrebbe anche interessanti sviluppi da discutere.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 541XXX

Lasci perdere me e le mie opinioni. Risponda per tutte le persone che si pongono queste stesse domande, che si trovano perse di fronte alla moltitudine di informazioni e pareri discordanti, anche e soprattutto in ambito scientifico.

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Allora ho risposto.
Si curano in maniera variabile e a vario livello così come qualsiasi altro tipo di malattia, da quelle di cuore a quelle tumorali.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 541XXX

Il paragone sussiste solo per le forme gravi e conclamate. La maggior parte dei sintomi e delle sindromi sono in realtà inestricabili dagli aspetti familiari e relazionali, sociali, politici, economici, culturali. Non è davvero possibile isolare il disturbo dal resto, capire dove comincia e dove finisce.

[#5]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Senta, se ha deciso come al solito di cercare polemiche inutili, la finiamo qui-
Quel che scrive non è vero.
E' una sua opinione evidentemente, e siccome mi ha detto di lasciarla perdere e di rispondere su come stanno le cose, mi limito a dire che non è così.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6] dopo  
Utente 541XXX

Sì, è un'opinione, non solo mia però.
C'è una parte della psichiatria e della psicologia, come ovviamente saprà, che denuncia una certa deriva, cosiddetta organicista, che tende a sottostimare una varietà di fattori potenzialmente patogeni, spesso invece determinanti. Il rischio è chiaramente quello di omologare e assimilare, di non sapere esattamente cosa si fa con la salute e la vita delle persone. Poi ci sarebbe la questione non secondaria del mantenimento dello status quo, per il quale si lascia passare, in maniera subdola e perversa, l'idea che non sia mai un sistema ad essere malato e sbagliato, ma solo chi non riesce ad adattarvisi, o a trarne profitto e soddisfazione.
Continua a definire polemiche inutili quelli che per me sono legittimi dubbi, peraltro condivisi.
Credo sia nell'interesse generale fare chiarezza nel merito, indipendentemente da chi pone la questione.

[#7] dopo  
Utente 541XXX

Io ho bisogno di essere sicuro che se vado da uno psichiatria, questi saprà circoscrivere l'eventuale disturbo, come si isola una neoplasia o una cardiopatia (per restare sul Suo esempio), che saprà individuare i nessi causali, cosa ha determinato e determina cosa, dove finisce il carattere (pessimo magari, ma tant'è), dove la personalità è ancora sana e dove diventa patologica, se il mio problema è di origine genetica o epigenetica o ambientale (e quindi avere un'idea chiara di cosa possono eventualmente fare i farmaci, fermo restando il contesto in cui vivo, e cosa non possono fare). Insomma, ho bisogno di sapere cosa vado a fare, e che mi cura ne abbia un'idea il più precisa possibile, perché io stesso, dopo un decennio di letture e di ricerche, non ho ancora capito in cosa consista il mio disturbo.
Ecco, per tutti i motivi esposti sopra e in tante altre occasioni, non so se posso fidarmi, e la cosa mi blocca e mi fa esitare all'infinito.

[#8]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Allora Lei non ha la minima idea della medicina in generale.

Un oncologo cura un tumore, anche se può benissimo non sapere niente di cosa lo causa, e possono anche non esservi cause esterne o interne particolari.

Si capisce alla lontana che il suo ragionamento porta a esitare all'infinito per presupposti che Lei ha creato, e che non sono né realistici né oggettivamente necessari per procedere in parte delle malattie note.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#9] dopo  
Utente 541XXX

Almeno mi dica quanto ancora posso continuare con il solo Xanax, che prendo ormai da un anno e mezzo (in media 1 mg al giorno), e a cosa vado incontro se continuo così.
Sono tre anni che chiedo consulti su questo sito. Ho bisogno che qualcuno mi aiuti a capire se soffro di ansia, di depressione o di una forma di bipolarismo.

[#10]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
"Ho bisogno che qualcuno mi aiuti a capire se soffro di ansia, di depressione o di una forma di bipolarismo."

No, ha bisogno che qualcuno la aiuti a capire cosa ha e a darle una cura, se mai. Non scegliendo tra le opzioni che pone Lei.

E appunto, è questo di cui ha bisogno. Ma non si muove in tal senso, bensì in senso totalmente diverso, tipo insistere in maniera provocatoria o cieca su questo sito con richieste tra l'insensato e il non consentito.

Si faccia visitare e non scriva per insistere.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#11] dopo  
Utente 541XXX

Ansia, depressione e bipolarismo sono le ipotesi più probabili, sulla base di un'autosservazione decennale, e della lettura di centinaia di articoli, inclusi i Suoi. Ho spiegato molte volte che ho bisogno di avere un'idea preventivamente, mi aiuterebbe a contenere alcune delle paure legate ad una visita psichiatrica e ad un'eventuale diagnosi, credo che mi sentirei più preparato e meno indifeso. Che non riesca, o si rifiuti di comprenderlo, è qualcosa che mi lascia sconcertato ogni volta.

[#12] dopo  
Utente 541XXX

Agli utenti che capitassero di qui: informatevi, e bene. Attenti alle ideologie, e alla propaganda. Attenti ad una facciata di ragionevolezza, scavate. Il male si cela spesso dietro questo tipo di logica, tanto implacabile quanto agghiacciante.