Utente 504XXX
Gentili dottori sono affetto da doc grave e ideazione suicidiaria ed assumo resilient 1 cp e mezzo e clopixol depot ogni 2 settimane ma con scarsi risultati per quanto riguarda la ideazione autolesiva.
Vorrei sapere da voi se la Tec e' indicata per le ossessioni deliranti con componente autolesiva.
grazie in anticipo

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Penso ci sia un po' di confusione.

Per ideazioni suicidaria cosa intende ? Se intende ossessioni con contenuto autolesivo, non si chiama ideazione suicidaria, non c'entra. Poi, "ossessioni deliranti" non significa niente, non è un termine tecnico.
TEC per il disturbo ossessivo in generale, no.
Lei assume però una terapia che non è per un doc, quindi qualcosa non torna a monte.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 504XXX

Gentile dott.Pacini le dico che il resilient lo assumo per le idee suicidiarie ed il clopixol per le ossessioni e so già che questa terapia e' per il disturbo bipolare che non ho e non mi d' mai stato diagnosticato.Dal 2014 sono seguito dal csm di zona e mi sono stati prescritti farmaci quali Zoloft 100 mg,venlafaxina 150 mg,paroxetina 30 mg e anafranil 150mg ma con i suddetti farmaci ho avuto un effetto paradosso perché invece che tirarmi su di umore e levarmi idee e ossessive mi davano labilita emotiva,pianto,stare sempre a letto in stupor ed ideazione suicidiaria a mille.Se fossi stato bipolare con quei farmaci ed a quelle dosi sarei dovuto andare in eccitamento invece mi danno l'effetto opposto e mi abbattono e pensi LEI che gli o presi per 4 mesi l'uno fra il 2017 ed il 2018 ed e' stata un esperienza che non voglio ripetere.Attendo una sua risposta.grazie

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
"Se fossi stato bipolare con quei farmaci ed a quelle dosi sarei dovuto andare in eccitamento"

E infatti quello che descrive potrebbe corrispondere ad un eccitamento, appunto. Tanto che qualche miglioramento lo ha da una terapia che di fatto è antibipolare, che sia una coincidenza mi pare strano.
Detto questo, per "Ideazione suicidaria" cosa intende ? Questo non lo ha ancora precisato.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 504XXX

Gentile dott.Pacini dal 2014 ho ossessioni forti sui medici e sui farmaci che mi portano a pensieri suicidiari e con gli antidepressivi presi fra il 2016 e il 2018 ho tentato il suicidio 8 volte dalla disperazione ed il litio mi è stato introdotto proprio per questo.I 6 psichiatri del Csm ritengono da anni che il mio disturbo sia il doc grave ed il disturbo narcisistico di personalità e glielo garantisco non sono bipolare affatto perché non ho mai avuto mania o ipomania.Voglio solo chiederle se per il mio disturbo con forti propositi suicidiari e' indicata la tec poiché ho letto su alcuni siti che in presenza di disturbi con ideazione anticonservativa e' la Tec la prima scelta grazie ancora

[#5]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Quindi ok, oltre a pensieri diciamo che lo ha tentato. Con che metodo ?
Mania e ipomania sono due tipi di fasi, non le uniche.
Sì, nei disturbi affettivi (burocraticamente, "depressione", in realtà non è esattamente così) con rischio suicidario è un'opzione da considerare.
L'introduzione del litio è avvenuta da poco, presumo non si possa ancora stabilire se è utile nel prevenire il ripetersi dell'atto, ma mi par di capire che per il resto non sia cambiato granché. La sua litiemia è nei valori normali ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6] dopo  
Utente 504XXX

Guardi dott.Pacini sino al 2010 ero un ragazzo di 27 anni perfetto ed in quell' anno ho chiesto un consulto a Careggi per fare psicoterapia cognitiva 30 minuti al mese per una lieve balbuzie che avevo sin dall' infanzia e lievi problemi famigliari che c'erano in casa e dopo un colloquio di soli 5 minuti mi sono stati dati paroxetina 10mg e risperidone 3 mg ed è stata la mia rovina in tutti i sensi.Le ripeto in assenza di farmaci non ho mai avuto mania o ipomania e depressione,io volevo solo 30 minuti di ascolto al mese per un problema neurologopedico e basta.Attualmente ho il doc grave ed il disturbo narcisistico di personalita e secondo gli specialisti che mi seguono quello che mi da più istinti autolesivi e' il disturbo di personalità.Tra il 2016 ed il 2017 per una diagnosi errata e frettolosa ho assunto xeplion 100 mg e depakin 1500mg e se fossi stato un bipolare con tratti psicotici sarei dovuto stare bene,invece ero sempre a letto,a piangere e sedato ed anche lì ho tentato il suicidio due volte in 6 mesi.Glielo dico francamente io sono stato psichiatrizzato per errore mio al 50%e dei curanti per un altro 50% se nel servizio pubblico non si d' attrezzati per fare psicoterapia con uno psicologo meglio chiudere l'intero servizio.Mi sono fatto la ideea che in psichiatria non si muore per i disturbi mentali ma per i farmaci che si danno per essi,in quanto il suicidio e' sempre indotto da farmaci.Lei sostiene che io potrei avere un disturbo dell' umore invece di un disturbo di ansia ma i 6 medici che mi hanno in cura dicono che quando vi è ideazione suicidiaria i farmaci più usati sono gli antiimpulsivi e cioè litio,depakin,lamictal e neurolettici atipici.La mia leitemia di un mese fa era di 0.99 con una compressa e mezzo e forse e' da abbassare ancora poiche' bevo poca acqua.attendo una sua risposta.grazie1000

[#7]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Mi pare di aver già letto questa storia, forse in consulti precedenti. Per le ripeto che alcune delle considerazioni che fa non escludono assolutamente che la diagnosi sia stata corretta. Magari il problema è che, come succede a molti, non ce n'è stata ancora una che abbia funzionato.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#8] dopo  
Utente 504XXX

Dott.Pacini io le chiedo solo se la Tec per il mio disturbo e per i miei istinti autolesivi e' indicata o meno.Le ho già detto che non sono bipolare e che vedo nella Tec un modo per tornare quello del 2010 ossia un ragazzo giovane che non prende farmaci poiche' non ne aveva assolutamente bisogno e che si ritiene danneggiato da prescrizioni off label,senza consenso informato e senza esposizione del rapporto beneficio rischio,prescrizioni che sono state causa di danni morali esistenziali e biologici immensi in soli 9 anni.Voglio fare a Pisa la Tec per ritornare a vivere senza farmaci addosso che mi recano solo danni e nessun beneficio.attendo una sua risposta.grazie

[#9]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Dunque, io insisto sul discorso diagnostico perché la tec non va a sintomi, ma a tipo di problema. Quindi se parliamo di depressione con suicidio, è un conto; se parliamo di ossessioni è un altro. TEC su DOC resistente non mi torna come indicazione, almeno a livello di comune applicazione, fuori da sperimentazioni.
In ogni caso, quando Lei si propone per una eventuale tec, la valutano sul posto prima di programmarla.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#10] dopo  
Utente 504XXX

Gentile dott.Pacini vede ad agosto scorso sono stato 20 giorni ricoverato alla clinica universitaria di Pisa dalla prof.ssa Dell'osso e dalla dott.ssa Simonicini e mi hanno confermato la diagnosi di doc e disturbo narcisistico di personalità aggiungendo che la terapia che stavo facendo era più per disturbo dell' umore.Mi hanno detto che potevo fare la Tec,ma alla documentazione clinica del 2010 e' emerso che avevo un cavernoma encefalico di 1 cm circa e mi e' stato detto che il cavernoma e ' controindicato nella Tec perché potrebbe rompersi e dare luogo ad emorragia cerebrale.Ma io la Tec la voglio fare lo stesso perché e' per me una macchina del tempo per tornare al 2010 e non prendere più farmaci e liberarmi dal male che i suoi colleghi mi hanno fatto in Valdarno in questi anni.Le ricordo che nel 2010 ho subito un trattamento farmacologico per un problema lieve di linguaggio e problemi famigliari lievi e dunque sono stato psichiatrizzato per errore mio e loro.attendo una risposta.grazie

[#11]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Che Lei la voglia fare conta poco, se è controindicata è un dato di fatto.
Il discorso che fa ha poco senso. Dice di essere stato psichiatrizzato e poi dovrebbe addirittura praticare dei trattamenti psichiatrici in presenza di controindicazioni.
Secondo me è proprio sbagliato l'inquadramento che dà al problema. Un lieve problema di linguaggio con lievi problemi familiari e poi un trattamento ben preciso, evidentemente per un qualcosa che non fu definito come Lei lo definisce.
Dopo di che, la diagnosi confermata è comnuque una diagnosi psichiatrica, quindi non capisco il bandolo della polemica.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#12] dopo  
Utente 504XXX

Guardi dott Pacini io ho chiesto solo se la Tec e' controindicata in presenza di un cavernoma encefalico di 1cmx8mm e basta.Poi le ho detto più volte che non sono bipolare almeno secondo i 6 dottori del Csm di zona. Io voglio solo tornare ad essere quello del 2010 che non prendeva farmaci ma che voleva solo fare 30 minuti di psicoterapia al mese per i problemi famigliari e di linguaggio che avevo all' epoca,se poi nel pubblico date solo farmaci e non fate ascolto psicologico non è colpa mia,ma l'idea che mi sono fatto e' che volete usare sempre e solo i farmaci e mai la parola.attendo risposte vostre.grazie ancora

[#13]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Ma se è controindicata, e non è peraltro indicata, in base a cosa se ne sta interessando ?

"se poi nel pubblico date solo farmaci e non fate ascolto psicologico non è colpa mia"

Neanche mia perché non lavoro nel pubblico, ma ci ho lavorato. Non è che il ragionamento debba mettere i farmaci su un piatto e l'ascolto psicologico su uno contrapposto, come se fossero due cose antagoniste.

Ma neanche mi risulta che se uno va per piccoli problemi di linguaggio gli si dia un antipsicotico. E comnuque, che si ritrovi dopo anni e anni sempre sotto cura solo perché uno un giorno sbagliò diagnosi. pur non essendo vincolato da nulla a prendere medicine. Ed è qui che il suo ragionamento non torna.

Perché non torni, non posso avere idea più precisa. Sta di fatto che alla fine si va verso il paradosso: prima fa polemica contro cure inutili, poi insisterebbe per averne, anche quando controindicate...
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#14] dopo  
Utente 504XXX

Dott.Pacini le chiedo solo se la Tec e' indicata in persone con ideazione suicidiaria come la mia e basta e se in chi ha certe idee la Tec funziona.Le ripeto che a Careggi di Firenze nel 2010 il mio primo curante che avrebbe dovuto farmi psicoterapia e basta mi prescrisse la paroxetina ed il risperdal dicendo che erano i gold standard per la balbuzie ed i lievi problemi famigliari,quando i neurologi che mi seguono mi hanno detto che per la disfluenza verbale esistono solo la musicoterapia e la logopedia da cui ho tratto enormi benefici e la quasi totale risoluzione del problema di disfluenza.
A me basta sapere se la Tec risolve la ideazione anticonservativa ed autolesiva poi sta a me decidere se farla oppure no.
Mi risponda quando può e grazie ancora.

[#15]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Mi pare stia portando avanti un discorso privo di costrutto. No, non sta a Lei decidere se farla, sta anche al medico che gliela indica e a quello che gliela deve fare, come ha avuto modo di constatare Lei stesso.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it