Utente cancellato
Buonasera Dottori.

Da diversi anni soffro di un stato depressivo grave e mi è stata diagnosticata una forma di Depressione Maggiore e non ho mai avuto miglioramtenti nonostante le varie terapie provate.

Di recente, una psichiata ha detto che io soffro di Doc non di depressione e per questi motivi mi ha prescritto Anafranil 10mg/die più Abilify 5 mg x 2 più Carbolithium 150 mg x 2
A questo dosaggi i farmaci possano sortire già degli effetti apprezzabili sulla depressione o potrebbe essere necessario aumentarli?

Grazie
Saluti

[#1]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Anafranil è indicato sia per la depressione che per il doc, i dosaggi terapeutici vanno dai 75 mg in su, da aumentare gradualmente. Per potenziare l'effetto antidepressivo e antiossessivo si può aggiungere un antipsicotico atipico come l'Abilify e anche i sali di litio, tenendo conto che il litio deve raggiungere un certo range terapeutico per essere efficace: al di sotto di un certo livello è inefficace, al di sopra può essere tossico.
Personalmente preferisco iniziare con un solo farmaco, l'antidepressivo, e ricorrere all'associazione in caso di insuccesso, ma se ha una storia di ripetuti insuccessi con gli antidepressivi è una scelta che si può capire. L'importante è che ci sia un costante controllo e aggiustamento del dosaggio in base alla sintomatologia e ai controlli della litiemia.
Franca Scapellato

[#2] dopo  
580320

dal 2020
Grazie Dr.ssa Scapellato per i chiarimenti che mi ha dato.
Come Le dicevo, dal 2015 sto avendo un grave stato depressivo con forte dimagrimento(peso 45 kg e sono alto 170 cm) che non migliora nonostante le terapie farmacologiche seguite tanto che ad aprile 2019 ho tentato il suicidio.
Mesi fa questa psichiatra mi ha detto che secondo Lei io non soffro di depressione ma di Doc senza darmi ulteriori chiarimenti.
L'unico aspetto in cui mi ritrovo del Doc è il fatto che sono molto dubbioso.
Vorrei chiederLe: esiste una tipologia di Doc senza rituali ma con aspetti dubitativi di personalità che portano a dubitare anche delle terapie e dei medici?
Io non mi riconosco in nessuna descrizione dei sintomi del Doc e poi non capisco il motivo per il quale questa dottoressa ha negato la presenza del disturbo dell'umore(diagnosticato da diversi specialisti in precedenza) nonostante ho diversi sintomi che rientrano nei criteri diagnostici dei disturbi depressivi e bipolari.
La terapia che facevo in precedenza era con Litio e Seroquel RP poi sospesa per scatti d'ira ed aggressività.
La Quetiapina può dare come effetti collaterali scatti d'ira,nervosismo ed aggressività?
Infine, vorrei chiedere: la litiemia ogni quanto va effettuata?
(Da inizio terapia (metà dicembre) ad oggi non mi è stato mai detto di farla ed, alla visita di controllo, la psichiatra ha detto che controllerà la litiemia tra 6 mesi).
Grazie ancora
Saluti

[#3]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
La terapia che faceva con Litio e Seroquel non è per depressione, per cui la diagnosi va precisata. Il range terapeutico del Litio è ristretto, all'inizio la litiemia va controllata fino a raggiungere il dosaggio terapeutico.
Il seroquel può dare irritabilità, ma la diagnosi andrebbe precisata perché a volte anche il disturbo bipolare può dare variazioni di umore in questo senso.
Il disturbo ossessivo spesso è associato al disturbo dell'umore, l'uno non esclude l'altro. Però la terapia antidepressiva, che è utile per il disturbo dell'umore come per il doc, può dare problemi in caso di disturbo bipolare, che non è semplice da identificare all'inizio (cioè si può fare, ma con cautela e controlli frequenti). Riassumendo, ci vuole una diagnosi e poi una terapia.
Ora non modifichi assolutamente la cura, ma un secondo parere (magari da uno psichiatra che già la conosce e di cui si fida) sarebbe utile.
Franca Scapellato