Utente
Buonasera, sono un ragazzo di 21 anni, e dopo avere letto alcune brutte notizie, mi è arrivata una paura ossessiva della morte improvvisa... Sarò sincero, ho provato e sto provando tutt’ora a combattere con me stesso per non pensarci, cercando di pensare ad altro, alla vita e ad andare avanti come sempre, ma anche se i pensieri positivi che mi induco sono tanti, sembrano non fare nessun effetto contro l’unico pensiero della morte improvvisa...
È come se di colpo questo pensiero annullasse tutto il resto, facendomi vedere tutto il resto in modo alterato e negativo...
Cerco di uscire, non pensarci, ma questo pensiero è come se mi accompagnasse, a volte leggero, ma più volte distruttivo sul resto.

Comunque ho parlato con il mio medico e mi è stata prescritta questa cura: 10 gocce (aggiungendone 1 al giorno fino ad arrivare a 20) di rivotril prima di coricarsi (perché ho spiegato che pur dormendo bene, ogni mattina mi alzo con quel pensiero e negativamente)
37, 5 mg di efexor per i primi 7 giorni e per poi passare a 75 mg
Siccome so che comunque questi farmaci possono contribuire ad una morte improvvisa sono molto indeciso se incominciare la cura o provare a superare la cosa con il tempo e combattendo da solo, visto che ora entriamo in un periodo, forse, di normalità, in cui riprendere la vita normale.

Qualche parere magari mi aiuterebbe...
Potrei riuscire a uscirne da solo?

Questa cura rischia di ammazzarmi?

Sono comunque farmaci e mi spaventa prenderli per diverso tempo, annullando anche quel divertimento di un ragazzo di 21 anni (bere qualcosa la sera con amici, per esempio) che magari poi peggiora ancora di più sull’umore...
Pensando al fatto che questi farmaci possano influire sul cuore e quindi ad una morte mi angoscia, è come essere in un cerchio...
Vorrei più pareri da esperti, magari con più chiarezza possibile per capire e consigliarmi se iniziare questa cura e che quindi possa funzionare su tutti questi problemi mentali...
Spero di essere stato il più chiaro possibile, se così non fosse, per piacere, chiedetemi dove non lo sono stato, così da spiegarmi meglio.

Mi aiuta parlare con professionisti!
Cordiali saluti

[#1]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
I suoi disturbi ossessivi necessitano di terapia, e probabilmente il dosaggio, trattandosi di un disturbo ossessivo, andrà aumentato oltre i 75 mg.
Il timore della morte improvvisa favorita dai farmaci antidepressivi è assurdo e patologico. Per un ossessivo se esiste una probabilità su un milione che un evento indesiderato succeda, allora ha la certezza che succeda, ed è un ragionamento patologico.
Prima inizia la terapia, prima i sintomi si attenuano, ma comunque ci vuole tempo.
Se non si cura i disturbi diventano cronici, non se ne vanno e la fanno vivere molto male.
Franca Scapellato

[#2] dopo  
Utente
Grazie mille innanzitutto per la risposta e per l’interesse..
quindi lei dice di intraprendere questa cura che potrebbe aiutarmi a togliere questo pensiero?
quello che mi preoccupa è che continuando a pensare che questi farmaci mi fanno male, alla fine non funzioneranno, perché ci sarà sempre il pensiero fanno male , rischiano di causare ciò di cui hai paura!

[#3]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
O si fida dei medici e si affida alla terapia, lasciando perdere i dubbi che la sua mente le propone, o non ne esce: fra un anno, fra dieci anni, sarà ancora bloccato sullo stesso punto, ad ascoltare le argomentazioni pseudologiche che la sua mente produce in continuazione.
"Però potrebbe succedere" è lo slogan del doc, che è anche chiamato "la malattia del dubbio".
Franca Scapellato

[#4] dopo  
Utente
Ho deciso di iniziarla, già con rivotril ieri sera, stamattina efexor, ma poi é iniziata una leggera nausea e un leggerissimo stato confusionale può succedere?

[#5]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Nei primi giorni succede normalmente, poi i disturbi se ne vanno. Per iniziare ad avvertire i benefici occorre pazienza, perché si vedono dopo 3 settimane a dosaggio pieno (75 mg).
Franca Scapellato

[#6] dopo  
Utente
Capito dottoressa, molto gentile!
Avrei due ultime domande per tranquillizzarmi a cui purtroppo non sono riuscito a fare al mio medico.
1) 10 gocce di rivotril prima di dormire, salendo di una goccia al giorno fino a 20, non è un dosaggio troppo eccessivo per la mia età e fisico? (abbastanza esile)
2) siccome in questo periodo sono solito a svegliarmi tardi (12-13), se mi alzassi e prendessi efexor dopo aver mangiato qualcosa e mi rimettessi a dormire, creerebbe un problema per il farmaco o per il mio fisico?
Grazie in anticipo e Cordiali Saluti
È stata gentilissima.

[#7]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Sul dosaggio del rivotril e le modalità di assunzione è opportuno che chieda al suo psichiatra, idem per efexor, che potrebbe anche assumere dopo pranzo, l'importante è assumerlo.
Franca Scapellato