Utente
Buongiorno.
Sono una donna di 31 anni, soffro di un ormai piuttosto grave DOC diagnosticatomi dal mio psichiatra un anno fà.
Preciso che già dai 21 anni ho iniziato a soffrire di una problematica ossessiva ma non diagnosticata come doc dalla mia prima psicoterapeuta, ma come semplice immaturitá.
Successivamente dopo un 2, 3 anni di angoscia ho consultato uno psichiatra (non quello attuale) che mi ha parlato di un disturbo fobico ossessivo ma non di un vero e proprio doc, ma curato farmacologicamente con successo.
A luglio 2019 ho avuto una grave ricaduta nelle ossessioni sfociate poi in un vero e proprio doc.
Sono stata in cura nell'ultimo anno con anafranil fino a dosaggio massimo e risperidone, senza successo, anzi.
Ora da una settimana dopo aver sospeso anafranil gradualmente sono in cura con jatrosom (ora 20 mg), e dopo i primi 2 o 3 gg di quasi depressione, negli ultimi gg ho avuto un grosso miglioramennto dell'umore e meno ansia in seguito alle mie ossessioni comunque sempre molto presenti.

Il mio doc si basa sulla paura di far del male alle persone e sulla paura di tradire in qualche modo il mio fidanzato.
Posso ormai dire che le ossessioni di far del male sono del tutto sparite ma ho continue ossessioni sul tradimento, invalidanti.
Ho ossessioni di baciare qualcuno, dal cameriere al collega, dal prendergli la mano se mi passano un oggetto e cose simili Non importa se mi attraggono in qualche modo o meno.
Oppure ora se uso il cellulare ho paura di mandare per sbaglio o volutamente messaggi a qualche ragazzo.
Addirittura negli ultimi gg sono terribilmente ossessionata di saltare addosso o baciare mio padre (vivo ancora coi miei), e anche se sono chiusa in camera mia ho il terrore di potermi alzare e andare da lui.
Stimo molto il mio psichiatra attuale che mi pare piuttosto esperto e preparato.
Lui dice che non farò mai niente di sconveniente...Eppure io ho tanta paura, mi sembra stasera di esserci andata piuttosto vicina e che non sia successo per un caso.
La mia compulsione è il forte rimurginio sugli episodi che mi capitano e la richiesta di rassicurazione a mia madre o a mia zia.
Ma ora sono proprio impaurita che potevo realizzare quell'ossessione stasera mentre ero al bar di poter baciare il cameriere.
Ho avuto in un anno centinaia di episodi almeno, ma stasera mi sono tanto spaventata.
Il barista, che nemmeno mi attrae ci stava chiedendo l'ordine.
Io lo guardavo e pensavo che poi non è così brutto.
Mi dicevo che sarei potuta rimanere con la faccia verso dI lui e baciarlo e in effetti ho seguito il pensiero e sono rimasta lì è temo di non averlo baciato solo perché non ci arrivavo! Ma io giuro che non voglio queste cose, amo alla follia il mio ragazzo, non lo tradirei con nessuno mai, e non ho desidere strani verso mio padre! Sono proprio sempre più ossessionata dal seguire i miei pensieri per i quali mi metto costantemente alla prova e ho paura che arriverò prima o poi fare qualcosa e che stasera non sia successo per un un caso...

[#1]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
La paura che certi atti si possano compiere è un sintomo del disturbo che va trattato in modo più incisivo per ridurre anche questo tipo di fenomeni.


Dr. F. S. Ruggiero


http://www.francescoruggiero.it
https://www.instagram.com/psychiatrist72/

https://wa.me/3908251881139

[#2] dopo  
Utente
Avevo iniziato la psicoterapia cognitiva comportamentale, ma sospesa su consiglio della mia psicoterapeuta perché stavo troppo sul sintomo passando la seduta a chiedere rassicurazioni. Col nuovo farmaco stavo iniziando a stare molto meglio... ma quella cosa di ieri mi ha messa in crisi, ho paura addirittura che mi fossi allungata proprio per baciarlo... ma non ricordo bene e mi tormento e non so come rassicurarmi che non lo stessi facendo... ero molto abbattuta in quel momento e mi sono come lasciata andare a quell' ossessione senza combatterla e quindi ho paura che stessi facendo qualcosa...

[#3] dopo  
Utente
Quindi ho proprio l''ossessione di seguire l'ossessione ora! Ieri ero in un momento di forte abbattimento per il mio brutto peggioramento... mi ero come lasciata andare, era come se mi dicessi "si segui il tuo pensiero così hai la prova che puoi seguirlo"... e non ho reagito, non mi sono spostata volutamente con la faccia appunto per andare dietro al mio pensiero... io intuisco che c'è sotto anche la motivazione di farmi del male... di dimostrarmi che i miei pensieri si possono realizzare...
Ma nonostante questa mia dinamica, è comunque impossibile che farei qualcosa di brutto, tipo baciare qualcuno (cioè nemmeno in questi momenti di abbattimento e di mio non reagire)?
Inoltre, secondo voi è abbastanza normale che dopo un miglioramento le ossessioni si sono poi fatte più brutte, come se alla mia mente mancasse lo stare male?

Spero di migliorare di nuovo col nuovo farmaco. Il mio psichiatra vuole ragionare anche sulla stimolazione magnetica, tra pochi giorni disponibile nella mia zona... ma ho tanta paura...che se nella mia mente non scatta qualcosa i farmaci non funzioneranno e nemmeno la stimolazione... in fondo è un anno che lotto e sono andata sempre a peggiorare nonostante grossi dosaggi di farmaci. Spero di avere una speranza anche io non dico di guarire al 100%. Grazie.

[#4] dopo  
Utente
Approfitto del mio consulto per un'altra domanda un pochino diversa. Spero di avere una risposta.
Vorrei sapere se in alcuni casi il DOC possa creare ossessioni che non si limitino solo strettamente al pensiero, all'idea di contrasto e stop...
Mi spiego meglio: può capitare di essere talmente ossessionati dalla paura di fare qualcosa, al punto di dare piccoli input alla realizzazione di ossessioni (quindi pensieri non reali), senza però ovviamente arrivarci in fondo?
Faccio un esempio. Ormai so benissimo che non farò mai nulla in concreto. Però per esempio poco fà ero su facebook,(ultimamente ho avuto ossessioni anche nell'uso del cellulare o pc di poter scrivere ad altri uomini, ma alla fine credo di aver fatto quasi sempre se non sempre gesti a cui io ho dato un valore negativo quando in realtà non stavo facendo niente, in seguito alle mie ossessioni), cercavo il nome del mio fidanzato per guardare un attimo il suo profilo e mentre scrivevo il suo nome all'improvviso ho pensato che avrei potuto scrivere a qualcuno e forse al mio ex (per cui non ho nessun interesse ovviamente), e col mio dito mi sono volutamente spostata sulla tastiera come per scrivere un'altra parola che non era il nome del mio fidanzato o forse del mio ex. E ci sono rimasta molto male. Ora io sono certa che mai gli scriverò un messaggio perchè non è una cosa che voglio davvero!
Però volevo semplicemente sapere se le ossessioni possono dare luogo anche a questi gesti, piccoli input... che però alla fine non portano al risultato finale. Grazie.

[#5] dopo  
Utente
Spero che qualcuno possa darmi una risposta... lo so che essendo ossessiva ho tante domande e sono tutti sintomi, ma sono seriamente preoccupata per un episodio successo qualche mese fà. tutte le ossessioni che ho avuto nella mia vita sono sempre state legate all'istante da sensazione di disgusto, angoscia, colpa perchè sentivo il pensiero come non mio. Tuttavia in questo episodio, poco dopo aver fatto una battuta a questo ragazzo, ho avuto il pensiero di prenderlo per mano mentre facevamo una foto di gruppo. Non l'ho fatto ma ho avuto la sensazione come se lo avessi fatto ne provavo contentezza e felicità! non ho avuto quei pensieri di disgusto... soltanto dopo, a episodio finito, quando ho elaborato non durante il pensiero... e inoltre ho paura di non avergli dato la mano solo perchè mi imbarazzavo... io amo molto il mio ragazzo, e non ho nessun interesse per quel ragazzo e non capisco perchè mi è successa questa cosa... devo sempre inserirla tra tutte le mie ossessioni nonostante sia un po' diversa per questo aspetto? Grazie.