Utente
Buonasera gentili dottori,
premetto che 5 anni fa ho avuto una forte emetofobia che la neuropsichiatra mi ha curato inizialmente con l'entact e, a seguito della comparsa di difficoltà di erezione e diminuzione della libido, con laroxyl.
Dopo un annetto la situazione si risolse, non si ripresenti e non dovetti prendere più farmaci.

A seguito di abuso di cannabinoidi (che ormai non uso da mesi) ho sviluppato una forte sindrome amotivazionale (dovuta, secondo la mia neuropsichiatra, a un'alterazione del sistema dopaminergico) associata a DAG.
La dottoressa mi ha detto che però i farmaci per aumentare la dopamina si danno ai malati di Parkinson e sono abbastanza pesanti, pertanto mi ha prescritto norcapto (nortriptilina) che ho iniziato ad assumere due mesi fa al dosaggio minimo per aumentare di 10 mg alla settimana, assumo 50 mg precisamente da un mese e 60 mg da due settimane.
Negli ultimi giorni ho avuto umore variabile con giorni di forte depressione e giorni di umore più elevato, eccitazione con insonnia, ansia e agitazione.
Oggi ho sentito la dottoressa (che è sempre stata molto preparata e già, come ho detto prima, aveva saputo risolvere completamente il mio problema precedente), e mi ha detto che il comportamento degli ultimi giorni deriva dall'antidepressivo ed è necessario stabilizzare l'umore con l'aggiunta di olanzapina a basso dosaggio, in particolare vorrebbe risentirmi fra 3 giorni per vedere come va e decidere se eventualmente aggiungere o meno il suddetto farmaco.
La psichiatra mi prescrisse questo farmaco già la prima volta associato all'entact poiché nella sintomatologia era presente il disturbo ossessivo compulsivo (in questi ultimi giorni ho avuto ossessioni ma non compulsioni) al dosaggio di 2.5 mg, ma me lo fece assumere soltanto per 2-3 mesi poiché il doc si era attenuato di molto.
Ora, causa anche il mio comportamento ossessivo, cercando sul sito dell'Aifa ho letto che l'olanzapina agisce diminuendo la dopamina e che ciò può portare a mancanza di motivazione, apatia ed anedonia, sintomi di cui già soffro a causa del mio problema.
Io mi fido ciecamente della dottoressa poiché è sempre stata molto preparata e mi ha saputo tirare fuori da una situazione disastrosa 5 anni fa, oltre a darmi molta sicurezza, però su questa ultima prescrizione vorrei prendere un secondo parere.
Pertanto, cosa ne pensate dell'aggiunta di olanzapina alla cura?
Non vi sono altri stabilizzanti dell'umore che non agiscono diminuendo la dopamina?
Vi ringrazio in anticipo e una buona serata

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Mi scusi, ma per è sicura di dover ragionare su dopamina e che il tutto si riduca a dire "riduce la dopamina" ? A patto che così fosse, e non lo è, è una sua semplificazione ricavata non so bene da qualche discorso / ma anche così fosse, per lei che senso avrebbe ragionare su cose del genere ?

La sua dottoressa ha già ragionato sul fatto, Lei si ragiona da solo facendo dei collegamenti secondo una sua linea di ragionamento, che si costruisce però in maniera non chiara, ed è prevedibile non essendo il linguaggio che conosce.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Visite e Consulti Skype : "Studio Psichiatrico Pacini"

[#2] dopo  
Utente
Gentile dott. Panini
Sicuramente la dottoressa ha parlato di dopamina bassa per semplificarmi un discorso molto più complesso che io con le conoscenze che ho non sono in grado di capire. Però capisce che se prima la psichiatra parla di ciò e poi discute sulla prescrizione di un farmaco che ha l'effetto opposto (avrà sicuramente molti altri effetti che io non conosco e non mi deve interessare conoscere) io rimango un po' perplesso. Poi considerando il fatto che la prima volta che lo assunsi, nonostante non avessi questi sintomi e al dosaggio minimo, mi diede una leggera apatia e pigrizia, mi sembra logico che mi preoccupi. Mai intendo sostituirmi alla psichiatra e mai mi rifiuterei di assumere un farmaco prescrittomi solo con la mia testa (diverso è ricevere un parere opposto da un altro specialista). Per questo la mia domanda era una sola e semplice: è d'accordo con la prescrizione della sua collega? In fondo uno degli scopi principali dei consulti è questo, come dimostrato dal fatto che fra i motivi "standard" fra cui ho dovuto scegliere al momento della pubblicazione del consulto vi era la dicitura "dubbi su terapia". Grazie e buona giornata

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Non ci trovo niente di strano nella prescizione in un caso di doc con caratteristiche particolari.
Dopamina alta o bassa non saprei neanche come argomentarlo rispetto al caso specifico. Appunto, mi pare un po' una semplificazione ma per me non chiara.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Visite e Consulti Skype : "Studio Psichiatrico Pacini"