Utente
Come da titolo, il mio strano problema è che non so se sia un problema psicofisico o patologico, sono giorni che ho problemi di digestione e molto stress, di digestione perchè non capisco se ho un'intolleranza verso degli alimenti visto che quando mangio certe cose ho nausea e un leggero gonfiore addominale con malessere, ma il dubbio è che non so se possa non c'entrare l'intolleranza perchè gli stessi alimenti che ho mangiato per giorni prima di due settimane fa non mi hanno dato sintomi, l'altro problema è che faccio molta fatica a rimettere su peso dopo averne persi quasi 10 kg in un'anno e mezzo dopo un brutto problema sempre di digestione con nausea, gonfiore addominale e bruciore alla bocca dello stomaco dall'anno scorso, ho fatto gia una gastroscopia e mi hanno trovato una gastrite con helicobacter ad agosto 2020 che per fortuna sono riuscito a eradicare con test negativo a novembre ma credo che la gastrite l'avessi da anni senza darmi seri problemi, purtroppo dopo un breve periodo di tranquillità nel mese di novembre sono tornati la nausea, il leggero gonfiore e questo malessere generale (non riesco a dedurre se sia per appunto problemi di intolleranza o mentale o qualcos'altro che no so) che non capisco perchè lo sento arrivare dal centro addome e colon (intendo il malessere), lo stomaco non da problemi ora, l'attività fisica è regolare anche a casa anche se faccio pochi esercizi ma il peso non sale e mangio regolare da 9 mesi, anche quando sono ritornato in palestra in estate e autunno (al momento purtroppo chiusa) sembrava che non riuscivo più a rimettere il peso perso, il medico mesi fa e ancora ad oggi è convinta che c'entri qualcosa l'ansia, ma secondo me invece conoscendomi mi sto stressando molto ma non riesco a capire quale motivo o causa c'è dietro a tutto questo, dal momento che hanno richiuso le palestre sono di nuovo peggiorato visto che purtroppo non lavoro, cosa può c'entrare tutto quello che ho con il fatto di non riuscire più a mettere peso e che non capisco se il mio problema sia un'intolleranza o un fattore mentale o altro che influisce su questi problemi digestivi e di malessere?
sto regolarmente facendo anche esercizi per lo stress ma sto concludendo poco o forse lo stress è più di quello che penso e purtroppo vado a leggere anche molto su internet quale potrebbe essere il mio problema, sempre sopratutto il problema digestivo e di nausea e di non riuscire più a salire di peso, a volte mi sembra di aver bisogno più di un professionista che di uno psichiatra, anche se non mi si dice di non andare su internet la cosa è sempre più forte di me per cercare una soluzione da cui non riesco ad uscirne e quando vado sulla bilancia e non vedo cambiare di una virgola il peso mi deprimo, potete darmi un motivo valido del perchè mi succede questo? forse mi sto facendo del male senza accorgermene e ci si mette quindi anche qualche problema patologico o c'è solo un problema patologico?
grazie

[#1]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Quello che dovrebbe fare (e probabilmente non farà) è consultare uno psichiatra, che è l'unico specialista che potrebbe aiutarla.
Franca Scapellato

[#2] dopo  
Utente
Sicuramente ha ragione anche lei, non so se andrò da uno psichiatra, ma se non avrò nessuna intolleranza seria lo psichiatra mi servirà e a questo punto secondo lei, dopo aver detto queste cose ad uno psichiatra di persona, come lo è lei, cosa potrebbe dedurre?
So che non si danno farmaci o terapie online e io di certo non ne voglio senza una visita, ma quale potrebbe essere il problema? forse un'eccesso di qualche reazione negativa che ha impatto sulla mente e nell'organismo?

[#3]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Le intolleranze come intende lei non esistono. La continua attenzione sul corpo porta a notare e amplificare qualunque sensazione: il cervello si mette in allarme, vengono prodotti neurotrasmettitori che hanno effetto sulle funzioni del corpo in un circolo vizioso. Si cerca la malattia, e più ci si affanna a cercarla, più si sta male. I disturbi li avverte davvero, non sono immaginari, ma l'origine è il cervello.
Se pensa che il cervello non possa provocare sintomi fisici, pensi ad esempio agli effetti neurovegetativi della paura: tachicardia, aumento pressorio, senso di svenimento fino alla sincope, nausea, diarrea, dolori addominali, tremore incontrollabile, sudorazione, ecc ecc. Se il malcapitato riesce a collegare i sintomi con l'evento scatenante (mi hanno rapinato cinque minuti fa) capisce di cosa si tratta, se no pensa di avere una grave malattia.
Franca Scapellato

[#4] dopo  
Utente
La cosa strana dottoressa è che proprio come avevo gia scritto questi sintomi non li avevo dopo i primi di novembre e per 1 settimana non ho avuto nulla e mangiavo le stesse cose di adesso, ma prima di quella settimana avevo gia i sintomi che ho adesso, spero di spiegarmi, sembra un problema che va e viene oppure viene ogni singolo giorno, se è proprio cosi come dice lei come posso riportare la mente e questi neurotrasmettitori ad un livello sano come prima con questa sempre cattiva abitudine che mi sono dato di vedere su internet? e la cosa è diventata davvero una forte abitudine, so che ci sono farmaci (e non intendo psicofarmaci) ma naturali e integratori per il benessere mentale e psicofisico, potrebbero in qualche modo aiutarmi come se dovessi fare una dieta per gastrite o no? il peso non sale con difficoltà, non sale proprio più, anzi a volte sembra che scende anche solo di un'etto.. forse non mi accorgo di non mangiare tanto come un'anno e mezzo fa e a questo posso rimediare, ma non metto più su almeno qualche etto nemmeno in un mese, per questo vedo che qualcosa non funziona ma non so che cosa devo aggiustare.
Riguardo le intolleranze, in famiglia conoscono persone che hanno intolleranze verso degli alimenti e stanno male e quando non mangiano quell'alimento stanno meglio, non so se è il mio caso ed è per questo che penso di avere qualche intolleranza e ho richiesto un'esame apposito al medico, io sono convinto che esistono dei malesseri per dei cibi, ma non ho ancora capito se è cosi anche per me...

[#5]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
O consulta uno psichiatra o continua con queste rimuginazioni.
Franca Scapellato

[#6] dopo  
Utente
Ma mi scusi, io non sono ossessionato ma deve capire che se mangio delle fette biscottate e non ho nulla ma come mangio del pane fresco mi sento un po strano fisicamente dopo averlo ingerito e tutti e due gli alimenti contengono quasi le stesse cose non le pare che io posso sospettare che è nel pane che c'è qualcosa che mi fa stare cosi? anche quando ho bevuto uno yogurt con lattosio poco dopo ho avuto nausea, vuol dire per me che o sono intollerante al lattosio o sono intollerante allo yogurt oppure non lo digerisco, ma mi sembra di capire che quando dico che ho un malessere mi si fa capire che non ho niente di grave, ma il malessere lo sento, lei mi vuole dire che è la mente a farmi sembrare che ho dei sintomi e invece non li ho?