Utente
Buongiorno, uomo di 38 anni in cura con paroxetina 20 mg per ansia.
la presente per presentare una variazione del mio intestino nell'ultimo anno e mezzo.

Aprile 2019 un attacco di diarrea con circa 8 scariche da notte a giorno della durata di 10 ore mi lascia uno strascico di feci molli o liquide per una settimana con una o 2 evacuazioni.
eco addome che riporta lieve splenomegalia 13 cm, (già rilevata anche nel 2008 e non nel 2014 per 2 ecografie addome precedenti) e diffuso meteorismo.


Agosto 2019 un altro episodio si scarica liquida al mattino

Dicembre 2019 un episodio si scarica liquida a mattino con feci molli per successivi 4 giorni.
da questo momento compare un meteorismo fortissimo, soprattutto al mattino, che mi accompagna per 2 mesi.
Poi tutto normale fino a Giugno 2020 dove dopo una scarica liquida al mattino ritorna il meteorismo e l evacuazione è giornaliera, al mattino, spesso morbida, mentre sono sempre stato un soggetto che evacuava 1 volta ogni 3 giorni.


Un altro episodio a Luglio e Agosto, una scarica al mattino al massimo una dopo pranzo per il primo giorno, poi una al mattino sempre poco formata per i successivi 3 o 4.


Mi reco da visita gastroenterologo a Settembre, dopo circa 2 mesi con evacuazioni normali ma con meteorismo, eruttazioni, flatulenza, a volte senso di vuoto epigastrico e ipersalivazione dopo cena, forti borborigmi.
mi prescrive vari esami non rilevando nulla da visita diretta e parlandomi di eccessiva motilità intestinale, che eseguo a inizio ottobre, dopo un nuovo episodio con 3 scariche liquide il lunedì seguito da, come prassi, una scarica liquida o morbida per i 4 giorni successivi con flautlenza dal cattivo odore.
poi la Domenica vado a fare una corsa e al ritorno, come successo a Novembre 2019, ho crampi e scarica liquida.
lunedì mattina vado a fare i seguenti esami, con feci morbide ma formate dopo la scarica post corsa della sera prima

calprotectina 91 ug/g negativo <40 positivo >60
poi 3 gg dopo eseguo
Tsh negativo
sangue nelle feci 3 campioni negativi
rast alimenti tutti negativi
esame colturale feci negativo
gliadina deamidata lgg negativo
helicobacter negativo

non vengono eseguiti i breath al lattosio e lattulosio al momento nella mia città.


Nell ultimo mese ho avuto emissione di feci normali o molli come al solito 1 volta al mattino e forti borborigmi e meteorismo, per il resto qualche dolore o crampo saltuario in vari quadranti a rotazione

quel valore di calprotectina mi ha parecchio sconfortato.
complice il periodo il gastroent non ritiene utile una colon ma sono preoccupato per un'eventuale neoplasia al colon o una malattia cronica intestinale.

negli episodi di diarrea che mi colpiscono circa una volta ogni mese, o 15 gg, la scarica liquida avviene al mattino, appena sveglio con urgenza o nei giorni seguenti, subito dopo colazione con meno urgenza.


vorrei il vostro parere su questo valore della calprotectina che a questo punto dovrebbe escludere un semplice colon irritabile giusto?

grazie

[#1]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Il valore della calprotectina è risibile.
Verosimilmente intestino irritabile.
Farei, comunque test al lattulosio nel sospetto di SIBO.
Cordialmente.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2] dopo  
Utente
grazie dottore, purtroppo visto il periodo nella mia regione questo test non è effettuabile nemmeno privatamente.

mi ha tranquillizzato per il valore della calprotectina che ritenevo di molto fuori scala, forse è stato poco saggio da parte mia eseguirlo subito dopo l'episodio acuto del pomeriggio precedente.

Devo attendere quindi che la situazione sanitaria migliori e mi consenta di fare l'esame citato

[#3]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Certamente.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia