Supporto per l'impiego per adulti con disturbi psichici

Chiedo ancora un consulto esplicito.

Sono un adulto che continua ad affrontare enormi problemi personali, relazionali, ansiosi e ovviamente lavorativi.

Sono costantemente appeso con le unghie a un lavoro che prima o poi mi sfugge di mano, e la maggior parte di altri lavori che posso immaginare (in questo periodo di crisi) non so se sarei in grado di svolgerli.

Al di là della mia esperienza e della mia situazione ora io chiedo, ma non vi sono dei supporti al lavoro per adulti che soffrono di disturbi?

Se a me sfugge il lavoro, non ho altre garanzie economiche (non ho garanzie economiche al di là del mio contratto lavorativo, nemmeno da parte della famiglia)...Spero che si capisca la paura che sussiste in questa condizione di estrema necessità a non cadere e i problemi che affronto quotidianamente.
[#1]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 34k 828 50
[#2]
dopo
Utente
Utente
La domanda è questa ...
non esistono tutele per persone che non riescono a lavorare?

Lei è uno psichiatra. Tutti i suoi pazienti sono in grado di lavorare e mantenere una continuità lavorativa? Non si è mai scontrato con pazienti che hanno perso questa capacità? In caso questi che fine hanno fatto?
Ecco la domanda...
[#3]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 34k 828 50
Nel suo caso specifico come si pone la questione di non essere in grado di lavorare?

Ha una percentuale di patologia per cui è inibita l'attività lavorativa a causa della malattia?

Non può porre domande generiche su quanto abbia una statistica rispetto a certe cose, deve rapportare la richiesta a se stesso.

Che esistano persone che hanno benefici con ammortizzatori sociali è noto ma deve capire se è posto come elemento per la sua condizione.

https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139
https://swite.com/psychiatrist72

[#4]
dopo
Utente
Utente
Non so se riguarda la mia condizione.
Lo vorrei capire...!
So solo che lotto da 10 anni con disturbi d ansia, anche farmacologicicamente...
Non credo di reggere altri 25 anni in queste condizioni...lo escludo.
Penso a lavori meno stressanti (di testa), ma non sono comunque sicuro di esserne all' altezza...
Quindi nel mio caso specifico io non mi sento assolutamente di potere garantire una continuità lavorariva duratura (forse ci sono riuscito fino ora, ma a quale prezzo!!!)...
[#5]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 34k 828 50
L’ansia non è inclusa nelle patologie che hanno diritto ad una percentuale sulla questione lavorativa.

https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139
https://swite.com/psychiatrist72

[#6]
dopo
Utente
Utente
Capisco...
Anche se non condivido.
Un persona con seri disturbi d ansia, quante chance in meno ha di superare un colloquio, di lavorare rispetto una sana! Tante!...
[#7]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 34k 828 50
Lei sta lavorando quindi il problema non si pone.

Non stiamo a dissertare sulle norme.

Se ritiene di avere dei diritti specifici ne parla con il suo psichiatra che la indirizzerà verso gli enti specifici.

https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139
https://swite.com/psychiatrist72

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio