Interruzione di benzodiazepina

Gentilissimi dottori,

Sono uno studente universitario di 23 anni.
2, 5 anni fa mi è stato diagnosticato un disturbo di personalità multicluster, con sintomatologia depressiva e ansiosa.
Assumo bupropione (150 mg, per bassa motivazione), fluoxetina (20 mg, sintomatologia depressiva) e lurasidone (37 mg, rabbia ossessiva).


Dal 19 settembre 2021 ho interrotto l'uso di benzodiazepine (delorazepam), dopo circa 12 mesi di uso continuativo.
Ho iniziato con 1 mg, aumentato poi a marzo 2021 a 3 mg durante un ricovero in psichiatria per programmazione suicidaria, poi scalato a 2, a 1, fino all'interruzione.


Da qualche giorno dall'interruzione ho osservato i seguenti fenomeni:

Ansia disabilitante allo studio (un episodio di 5 ore)
Agitazione localizzata nel petto (episodi)
Spossatezza come da febbre (episodi)
Diarrea (2-3 volte al giorno)
Risvegli notturni (ogni giorno, 3-4 risvegli)
Diminuzione del sonno (da 14 ore a circa 10)

Ho notato che i sintomi ansioni aumentano ad esposizioni di eventi ansiogeni ma possono iniziare anche senza causa identificabile.
Esperienze sociali positive migliorano la sintomatologia ansiosa.


Pensate che siano sintomi da astinenza o sono dovuti dal disturbo di personalità?

Se sono sintomi da astinenza, quanto durano?

Se sono sintomi da astinenza, mi consigliate il flumazenil?


Cordialmente,
[#1]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 43.1k 979 248
"Se sono sintomi da astinenza, mi consigliate il flumazenil?"

Il flumazenil si usa nella condizione esattamente opposta, per inciso, l'intossicazione da benzodiazepine.

La diagnosi la rivedrei, è poco affidabile. I farmaci sono usati come se ciascuno controllasse dei sintomi, e non è così.
La cosa che non capisco è per quale motivo stia ragionando Lei sui farmaci da usare.
Ha ridotto il delorazepam gradualmente e l'ha smesso pochi giorni fa: questi sintomi non sembrano chiaramente legati ad astinenza. Se siano sintomi che aveva dovrebbe saperlo Lei per prima. Ovviamente non hanno a che fare con la personalità, non sta parlando di relazioni o comportamenti o pensieri sul mondo.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Libri: https://www.amazon.it/s?k=matteo+pacini