Olonzapina e laroxyl

Ciao, sono albero e ho 29 anni.

Da piccolo, avevo 3 anni circa, ho subito abusi da parte di un mio familiare.

Ho intrapreso un percorso psicoterapeutico un anno fa che sta andando abbastanza bene, tra alti e bassi.

Dal 21 febbraio però ho iniziato a prendere 5 mg di olonzapina e 8 gocce di laroxyl...
Soffro di insonnia, pensieri intrusivi invalidanti, ansia e dissociazione.

I pensieri intrusivi invalidanti stanno pian piano scomparendo con la psicoterapia.

Detto questo il problema è che da quando sto assumendo questi psicofarmaci non provo più nulla, non riesco a fare niente in quanto mi sento frastornato, non lucido.
Non riesco nemmeno a guidare la macchina.


Stavo meglio prima.

La mia attuale psicologa è contraria al fatto che io assuma questi farmaci perché dice che io devo sentirle le emozioni, anche se brutte...
Ho chiamato lo psichiatra perché vorrei sospendere, ma mi ha fissato l'appuntamento per il 18 marzo...
Sarà difficile lasciare questi farmaci?...
Grazie a chi risponderà.
[#1]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 43.7k 993 248
Può spiegare meglio la diagnosi ricevuta, e le eventuali terapie precedenti ? La psicoterapia è stata intrapresa a che età ? Il trattamento è stato fatto per la reazione a quell'evento, perché l'ha condizionata negli anni, o perché è venuto fuori dopo ., o non è correlata a quell'evento ?

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Libri: https://www.amazon.it/s?k=matteo+pacini

[#2]
Utente
Utente
Grazie per aver risposto così velocemente.
Ho iniziato il percorso psicoterapeutico l'anno scorso, avevo 28 'anni..quindi diciamo che ci vado da un'anno !

Quando frequentavo le scuole superiori (avevo 17-18 anni) le mie insegnato mi mandarono dalla psicologa che lavorava all'interno della scuola. A questa donna raccontai tutto degli abusi ricevuti e lei mi disse che se Non mi fossi curati anch'io sarei diventato un pedofilo.
Puoi capire benissimo che per un ragazzo di 17 anni sentir testuali parole è veramente brutto... Di fatto da lei non ci sono più ritornato.. e dai 17 ai 28 anni ho completamente accantonato gli abusi, ma mi hanno influenzato tanto.
Non ho mai avuto rapporti sessuali, ci ho provato ma non provo piacere, tendo a dissociarmi .. soffro di insonnia da sempre, sono timido, mi vedo e mi sento brutto,bassa autostima.
Cmq detto questo il problema è iniziato l'anno scorso.. a marzo.. avevo mia nipote di nemmeno 1 anno in braccio e dal nulla nelle mia testa riapparve la frase che mi disse la psicologa della scusa ' SE NON TI CURI DIVENTERAI UN PEDOFILO' .. Da lì il panico.. ho avuto paura di essere un pedofilo.
Non riuscivo più a guardare i bambini, dalla mia stanza avevo tolto tutte le foto di mia nipote, a volte mi mettevo a guardare le sue foto per vedere se avessi qualche reazione a livello fisico. Non potevo più vivere così e quindi ho chiesto aiuto ad un centro.
Ho iniziato la prima seduta dicendo sono un pedofilo. Aiutatemi.
dopo avergli raccontato tutta la mia storia la mia attuale psicologa mi ha detto che non mi devo assolutamente preoccupare in quanto nel vedere dei bambini non ho delle reazioni fisiche (erezioni) e che quindi è tutto e solo nella mia testa.
Ci abbiamo lavorato molto su questo e dopo un anno, finalmente,non mi vedo più come un pedofilo e riesco a prendere mia nipote in braccio tranquillamente.

Non so quali disturbi mi ha diagnosticato lo psichiatra, è di poche parole. Mi ha solo detto che questi farmaci sono utili per miei episodi di dissociazione e per i miei problemi gastrointestinali che la notte non mi lasciano dormire.
La psicologa mi ha detto che tutti i miei problemi sono di natura traumatica ( che derivano dal trauma) e no di natura psichiatrica,per questo è contraria.
[#3]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 43.7k 993 248
Purtroppo quel commento fu una semplificazione eccessiva del problema, non sempre accade questo. A parte il trauma, che quindi consistette in abusi sessuali, poi la cosa ebbe strascichi legali, ovvero sul piano della giustizia ha avuto almeno il riconoscimento del danno subito ?
In quella sede il trauma dovrebbe essere stato valutato in maniera chiara.

Episodi di dissociazione è un termine che può significare diverse cose: disturbo da stress pos-traumatico, episodi con deliri e allucinazioni ? A Lei dicono nulla questi termini ?

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Libri: https://www.amazon.it/s?k=matteo+pacini

[#4]
Utente
Utente
No... Non mi dicono nulla. Mai avuto allucinazioni..
Solo ogni tanto mi sento lontano dal mio corpo..
[#5]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 43.7k 993 248
Parta dalla diagnosi, se la faccia dire o la faccia definire, dopo di che si capisce in che senso si usa l'olanzapina.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Libri: https://www.amazon.it/s?k=matteo+pacini

Insonnia

L'insonnia è un disturbo del sonno che comporta difficoltà ad addormentarsi o rimanere addormentati: tipologie, cause, conseguenze, cure e rimedi naturali.

Leggi tutto