Utente
.Ho una figlia di 19 anni che soffre da un po di tempo di paure tipo andare da sola in un supermercato oppure lavorare, a casa non fa nulla se dico di fare non fa sembra peggio si chiude nella sua stanza non comunica, ora tramite internet a conosciuta da un anno un ragazzo che viene spesso da noi a casa lui a problemi con la sua famiglia e cresciuto con sua nonna, e soffre della malattia Munchhausen dice bugie, sensa motivo si inventa tante storie, mia figlia non acceta che lui deve andare a casa e ci sono sempre discussioni a proposito, se lo trattiene nella sua stanza anche sensa il nostro consenso di ( mio marito e il mio)lo comanda come vuole lei delle volte ce stato un giorno che lui gridava perche non voleva piu stare chiuso con lei nella stanza ora io sono sfinita perche non si capisce piu come mi devo comportare con loro ho due malati in casa se vado a cercare aiuto in un consulto mi dicono che devo mettere delle regole , ma non ascolta e non li segue, e io mi arrabbio e sto male, non so piu cosa fare e una situazione difficile e diventa sempre peggio non voglio che mia figlia vada a finire su una strada..una volta se ne andata a dormire sulla scala perche mi diceva se mando il suo ragazzo a casa lei va con lui anche a dormire fuori lui abita in un altra citta ,non ha soldi non si cerca un lavoro ho forse non ne trova dice lui ma siccome sappiamo che dice sempre bugie non ce da fidarsi di niente sono stanca e non so piu cosa fare sembra una situazione sensa via di uscita..

Cordialissimi saluti.

[#1]  
Dr. Giuseppe Santonocito

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
SIGNA (FI)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2008
Gentile signora, certamente avete bisogno di una strategia, perché continuando a lasciare spazio a vostra figlia in questo modo, è probabile che continuerà a tenervi in ostaggio come sta facendo ora, e anche di più.
Se né lei né suo marito avete l'autorità per imporre a vostra figlia delle regole, dovete farvi aiutare da un terapeuta esperto nel trattamento di problemi familiari.
Rivolgetevi entrambi - con suo marito - a un terapeuta a indirizzo strategico o familiare-relazionale.

Cordiali saluti
Dr. Giuseppe Santonocito - Psicologo Psicoterapeuta
Specialista in psicoterapia breve strategica
www.giuseppesantonocito.it

[#2]  
Dr. Mariano Indelicato

24% attività
0% attualità
16% socialità
REGGIO DI CALABRIA (RC)
CATANIA (CT)
PALERMO (PA)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,
anche dai post precedentemente inviati si evince che le posizioni all'interno della famiglia non sono quelle che dovrebbero essere. Capisco che di fronte alle difficoltà dei figli, spesso le posizioni e le gerarchie familiari si stravolgono ma, a lungo andare, i problemi che si presentano sono quelli da lei descritti. Tra l'altro quando iniziano i problemi di carattere relazionale, come sta succedendo nel vostro caso, ci troviamo ad essere impotenti ad utilizzare qualsiasi tipo di strategia. Credo che debba accettare i suggerimenti del collega, poichè solo l'aiuto di uno psicoterapeuta può aiutarvi a trovare strategie adeguate.
Indelicato Dott. Mariano
idm@dottindelicato.it
www.dottindelicato.it
www.psicoterapiacoppia.it

[#3] dopo  
Utente
Grazie,x le risposte date ne tengo conto.Volevo aggiungere un altra cosa , io ho avuto sempre problemi con mia figlia fin da piccola al asilo a scuola c'era sempre qualcosa che non andasse o con i compagni oppure con le maestre che si lamentavano di lei perche andava alla scuole elemtari con i capelli non fatti, io tutte le mattine dovevo correre a presso a lei perche si facesse i capelli come e di giusto, ma lei non voleva si rifutava, vedo anche fin ora che a 19 anni quando le persone parlano con lei ma anche con noi non li guarda mentre parlano, mi chiedo perche si comporta da sempre in questo modo e con leta non e cambiato tanto, mi chiedo perche lo fa e perche e cosi difficile educarla, da lei non ricevo nessuna risposta se le dico che le persone si gurdano mentre parlano con noi le ho spiegato forse non mi so spiegare io oppure lei e troppo difficile.

cordiali saluti

[#4]  
Dr.ssa Valeria Randone

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
16% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2010
Gentile Signora,
da quello che leggo mi sembra che caos, dolore e confusione di ruoli, reggano sovrani.
A questo punto, diventa difficoltoso divenira autorevoli con sua figlia, ma diviene obbligtorio un aiuto esterno al nucleo familiare da un clinico esperto in dinmiche di coppia e familiari , trarrete sicuramente suggerimenti e strategie comportamentali consone alle difficlotà.
Inoltre lenendo l'ansia e l'angoscia che accompagna lei e suo marito, riuscirete di sucuro a non farvi manipolare ulteriormente da vostra figlia, riuscendo a fornirle l'aiuto che necessita.
Auguri.




www.valeriarandone.it
Cordialmente.
Dr.ssa Valeria Randone,perfezionata in sessuologia clinica.
https://www.valeriarandone.it

[#5]  
Dr. Giuseppe Santonocito

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
SIGNA (FI)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2008
Correre appresso alla figlia 19enne per sistemarle i capelli significa esserne completamente ostaggio.

È evidente che da soli non riuscite più a controllarla (e a controllarvi), un aiuto professionale esterno appare indispensabile.

Cordiali saluti
Dr. Giuseppe Santonocito - Psicologo Psicoterapeuta
Specialista in psicoterapia breve strategica
www.giuseppesantonocito.it

[#6] dopo  
Utente
Grazie,x la risposta intendevo con correre dietro quando era piccola ora non ci corro piu perche ormai dovrebbe capire lei stessa cosa deve fare per se', e se non lo capisce vuol dire che ce qualcosa che non va.. in lei.
questo si deve vedere poi con un aiuto professionale sperando che cambia la situazione.

cordiali saluti.

[#7]  
Dr.ssa Valeria Randone

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
16% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2010
Certo Signora, era chiaro nelle sue parole...parla di scuola elementare infatti...
Si, cara signora, da una consultazione si potrà comprendere ben altro, rispetto a quanto da lei fedelmente scritto.
Sempre auguri.
Cordialmente.
Dr.ssa Valeria Randone,perfezionata in sessuologia clinica.
https://www.valeriarandone.it

[#8] dopo  
Utente
La ringrazio,Dr.ssa x avermi dato anche lei le sue risposte.

cordiali saluti.