Bisessualità o omosessualità

Gent.mi,
ho una certa confusione e difficoltà a far chiarezza in me stesso in seguito a cosa ho fatto questa estate. Per tre anni ho avuto una relazione con una donna di 14 anni più grande di me, la relazione è iniziata per gioco ma si è via via evoluta fino al punto in cui lei ha lasciato il suo compagno (dal quale ha avuto un figlio). Quest'anno ad aprile abbiamo fatto finalmente una vacanza insieme (un week-end) e il rapporto sembrava idilliaco. A maggio lei ha saputo che una sua amica aveva una relazione con il suo ex compagno ed ha avuto una reazione di gelosia molto forte. Da quel momento lei ha iniziato a rifrequentare l'ex compagno, nascondendosi dietro al fatto che "è comunque il padre di suo figlio" e il rapporto con me si è incrinato. Quest'estate dovevamo passare le vacanze insieme ma lei ha accampato tutta una serie di scuse ed alla fine io sono andato al mare da solo e lei è andata dall'ex compagno che era al mare con il figlio. Chiarisco che a livello di intesa sessuale non c'era nessun problema. In genere tutte le volte che ci vedevamo (circa 3/4 volte a settimana, sull'ora di pranzo o la sera) avevamo diversi rapporti (2 o 3) e io dopo poco che ero stato con lei, quando ero da solo, mi masturbavo anche.
Nella settimana che sono stato da solo al mare non ho avuto nessun rapporto sessuale e nemmeno avevo lo stimolo a masturbarmi. Lei al contrario ha avuto rapporti con il compagno. Quando è rimasta sola al mare con il figlio mi ha richiamato e io, siccome ero vicino, sono andato a trovarla (dalla mattina alla sera) e abbiamo rifatto l'amore diverse volte dove capitava. Al desiderio normale sempre avuto si è aggiunto anche il desiderio di voler cancellare ciò che aveva fatto con il compagno e che mi sono fatto raccontare.
Mi davo dello stupido perché avrei dovuto lasciarla perdere, visto quanto mi aveva fatto soffrire, eppure non riuscivo a starle lontano.
Lei è tornata a casa, perché la sua vacanza è finita e io sono rimasto al mare. A questo punto è avvenuta una cosa strana, io mi sentivo tranquillo a saperla a casa (anche se c'era l'ex compagno) ma al contempo improvvisamente ho colto al volo un'occhiata sulla spiaggia mentre leggevo un libro. L'occhiata intercettata era di un uomo e nonostante che non abbia mai avuto nessun rapporto omosessuale e non abbia mai pensato di poterne avere ho fatto di tutto per riuscire ad averlo. Così è stato, dura tutt'ora, ho detto a lei ciò che ho fatto, lei nonostante la reticenza iniziale continua ad avere rapporti sessuali con con me e l'intensità non è cambiata . Credo sia chiara la mia confusione, non capisco cosa mi è successo, vorrei fare chiarezza (anche per non fare del male alle persone che mi stanno vicino) ma non ci riesco. Ho notato solo che dopo aver avuto un rapporto con lui mi sento soddisfatto e per un po' riesco a non pensare al sesso, non ho più la necessità di masturbarmi. Provo forti sentimenti per entrambi.
Grazie per l'attenzione
[#1]
Dr. Armando De Vincentiis Psicologo, Psicoterapeuta 7.2k 220 123
Gentile ragazzo, non è da escludere il fatto che possa esserci una bisessualità che in lei è rimasta latente fino a quando l'esperienza che ha subito con questa donna non l'abbia spinta a qualche reazione facendole uscire una sua tendenza repressa.
Ovvio che si tratta di una ipotesi da confrontare con uno specialista dal vivo.
saluti

Dr. Armando De Vincentiis
Psicologo-Psicoterapeuta
www.psicoterapiataranto.it
https://www.facebook.com/groups/316311005059257/?ref=bookmarks

[#2]
Utente
Utente
La ringrazio per la risposta. Saprebbe indicarmi qualcuno nella mia zona (Firenze/Prato) a cui posso rivolgermi?
[#3]
Dr. Armando De Vincentiis Psicologo, Psicoterapeuta 7.2k 220 123
può vedere l'elenco dei professionisti di questo sito.
saluti
[#4]
Dr. Giuseppe Santonocito Psicologo, Psicoterapeuta 16.2k 372 182
Gentile utente, sarebbe da approfondire se il suo cedere alla voglia di un rapporto omosessuale - per la prima volta, a quanto capisco - abbia qualcosa a che vedere con la relazione che stava vivendo.
In ogni caso, come le dice il collega, potrebbe trattarsi di una tendenza latente che ha iniziato a manifestarsi solo adesso.

Cordiali saluti

Dr. G. Santonocito, Psicologo | Specialista in Psicoterapia Breve Strategica
Consulti online e in presenza
www.giuseppesantonocito.com

[#5]
Dr.ssa Valeria Randone Psicologo, Sessuologo 17.4k 317 528
Gentile Signore,
le esperienze dolorose sul piano psichico e relazionale, possono slantetizzare nuclei di bisessualità, che però abitavano già in lei.
Consulti uno specialista per comprendere meglio le pieghe della sua psiche.
Auguri

Cordialmente.
Dr.ssa Valeria Randone,perfezionata in sessuologia clinica.
https://www.valeriarandone.it

[#6]
Utente
Utente
Vi ringrazio, sicuramente è necessario un consulto dal vivo perché la questione da me posta non è stata sufficientemente circostanziata e più la rileggo e più mi rendo conto di non aver espresso in modo completo certi aspetti. E' sicuramente vero che qualcosa in me albergava già e la crisi avuta ha permesso di far uscire allo scoperto questo mio lato. Non vivo questa situazione come qualcosa di negativo, mi sento anzi sollevato e finalmente completo. Non so però quale specialista scegliere, sono confuso e indeciso, vi chiedo un'indicazione. Sarà una domanda banale ma immagino che non tutti gli psicologi abbiano la stessa specializzazione.
Grazie
[#7]
Dr.ssa Angela Pileci Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 19.7k 506 41
Gentile Utente, Le incollo di seguito un interessante articolo che Le sarà utile per la scelta.


https://www.medicitalia.it/minforma/psicoterapia/533-mini-guida-per-la-scelta-dell-orientamento-psicoterapeutico.html

Saluti,

Dott.ssa Angela Pileci
Psicologa,Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
Perfezionata in Sessuologia Clinica

[#8]
Utente
Utente
grazie mille