Utente 458XXX
Gentili,
in effetti ho qualche difficolta' nell'esprimere il mio problema, in quanto penso che tutto sia collegato a situazioni che si sono protratte per lungo tempo(ad oggi sono circa sei/sette mesi), e che mi hanno annullato in tutte le mie attivita'.La realta' e ' che mi ritrovo ad essere una persona che ha delle difficolta' anche nelle cose piu' semplici.
Cerco di spiegarmi meglio:
sono sempre stato una persona brillante, piena di iniziative ed ottimista nei confronti della vita, ho avuto sempre una intensa attivita' sessuale, e quel che e' piu' importante ho sempre provato emozioni, sensazioni, gioie ma anche dolori in tutte le mie attivita'.
Da qualche tempo, faccio tanto fatica a relazionarmi con gli altri, non credo piu' a niente, non ho stimoli di nessun genere, anche in campo sessuale, dove a fatica riesco ad avere un'erezione, ho difficolta' di linguaggio, non curo piu' la mia persona, tengo ad isolarmi.
Capisco che forse non sono riuscito nel miglior modo a descrivere il mio stato attuale, in quanto non sono entrato nel dettaglio di cosa ha scatenato questo mio attuale momento, ma dentro di me c'e' anche una sorta di rassegnazione che mi porta ad accettare il mio stato d'animo, e contemporaneamente una parte di me che mi spinge a trovare una soluzione di tipo medica, come una psico terapia o visite neurologiche e/o andrologiche.
Come tutti credo nella vita, anch'io ho avuto dei momenti di alti e bassi, da cui comunque sono sempre uscito con le mie forze, con la mia volonta' nel voler andare avanti ed affrontando nel giusto modo ogn situazione.
Adesso provo una sorta di rassegnazione, e la mancanza di stimoli, voglia, ottimismo mi preoccupa un po'.
Se qualcuno tra di voi specialisti( psicologi, andrologi, neurologi) che puo' darmi qualche consiglio.....ve ne sarei grato.

[#1]  
Dr. Vito Fabio Paternò

28% attività
8% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
CATANIA (CT)
PALERMO (PA)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
MESSINA (ME)
CALTANISSETTA (CL)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
potrebbe soffrire di Depressione Maggiore, ma per saperlo con certezza occorre che si rivolga ad uno Psicologo e/o Psichiatra per cercare un aiuto concreto.

Cordialmente.
Dott. Vito Fabio Paternò

www.cesidea.it
Cordialmente
Dott. Vito Fabio Paternò

www.cesidea.it

[#2]  
Dr. Stefano Garbolino

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
0% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
TORRE PELLICE (TO)
CARAVINO (TO)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
in accordo con il collega, le consiglio una valutazione psichiatrica per una diagnosi precisa, sapendo altrsì che le possibilità di cura esistono e sono efficaci.
Cordialmente
Cordialmente
www.stefanogarbolino.com

[#3]  
Dr. Daniel Bulla

48% attività
0% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
CREMA (CR)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2003
Gentile Utente,
i sintomi da lei elencati potrebbero in effetti far propendere per un disturbo dell'umore; aggiungo anche il pessimismo che si "sente" quando più volte sottolinea la sua "inadeguatezza" a descriversi via mail.

Forse la mail non è proprio il mezzo ideale per parlare dei propri sentimenti e delle proprie paure. Ma a lei è servito come primo passo per chiedere aiuto.

Ora il secondo sarebbe andare di persona da due specialisti: uno psichiatra ed uno psicoterapeuta. Questa è la coppia "ideale" nel trattamento di patologie simili alla sua. Anche se, onestamente, inizierei partendo dal medico di base per tutti gli accertamenti medici del caso

Le faccio tanti auguri

Daniel Bulla

dbulla@libero.it
Cordialmente

Daniel Bulla

[#4] dopo  
Utente 458XXX

Ringrazio tutti gli specialisti che hanno risposto al mio "sfogo", volevo cmq aggiungere che c'e' una causa ben precisa che ha scatenato in me questo mio stato d'animo attuale, e cosi come dice il Gentile Dott.Bulla, la mail non e' forse il mezzo ideale per parlare.Prendero' in considerazione la possibilita' di andare dallo psicoterapeuta, anche se penso che tutto dipenda da me, ma in conseguenza a fatti accadutimi oggettivamente.
Al Dott. Bulla:
gli accertamenti medici a cui lei si riferisce sono di tipo neurologico, andrologico, psichico?
Un sentito e sincero grazie a tutti.

[#5]  
Dr. Giannantonio Cassisi

20% attività
0% attualità
12% socialità
FERMIGNANO (PU)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2007
Gentile signore,

innanzitutto mi preme sottolineare che, se è qui a chiedere pareri professionali, sta prevalendo in lei il desiderio di tornare a star bene, smettendo gli scuri abiti della rassegnazione e della sfiducia.

Ci si rivolge allo psicoterapeuta proprio quando si pensa che tutto dipenda da se stessi perchè, a mio avviso, questa consapevolezza è il primo passo verso la presa di coscienza di ciò che attualmente la blocca. Tanto più che, come riferito, attribuisce il suo stato attuale ad un evento ben preciso.

Tutto ciò lascia deporre a favore di un buon percorso terapeutico.

Segua le indicazioni che ha ottenuto e sia fiducioso.

In bocca al lupo.
G.Cassisi

[#6]  
Dr. Antonio Vita

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
16% attualità
20% socialità
RECANATI (MC)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Preg.mo signore,

Credo che lei debba intraprendere un percorso psicoterapeutico (a mio avviso di tipo analitico) che le permetta di capire le inconsce cause che l'hanno portato a questo abbassamento notevole della sua propensione per la vita, per le emozioni, e per i piaceri in genere.
E' un disagio generale che va affrontato in quella sede, con uno psicoterapeuta (m. o f.), paziente, valido, esperto.
Incominci a ottenere informazioni sul terapeuta da contattare, ed eventualmente ne provi più di uno, perché non sempre è facile incontrare il terapeuta adatto.
Ma si metta in moto in questo senso.

Cordiali saluti e molti auguri

Dr. A. Vita
Dott. Antonio Vita
62019 - Recanati (Mc)
antonio.vita@psicovita.it
sito web: www.psicovita.it

[#7]  
Dr.ssa Silvia Graziani

24% attività
0% attualità
12% socialità
FORLI' (FC)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2007
Caro utente,
tutti i sintomi che lei riporta fanno pensare, come giustamente hanno ipotizzato i colleghi, ad un disturbo dell'umore, che, per quanto riguarda il suo benessere, non importa da cosa sia scaturito. Sarà importante, in sede psicoterapica, per affrontare e risolvere la situazione, ma la depressione non è meno depressione perchè deriva da "fatto oggettivi".
Non pensi troppo alla forza di volontà che ha avuto in passato; sicuramente la sua forza d'animo sarà utile in futuro, ma non si abbatta se ora non la ritrova in se stesso, perchè è soprattutto la volontà ad essere attaccata dalla depressione; così come la sua sfera sessuale, che è più facile sia stata depredata dalla depressione che da un problema organico.
Pertanto, se la cosa la rasserena faccia gli esami andrologici, ma, soprattutto, si rivolga ad uno psicoterapeuta.
Carissimi auguri.
A sua disposizione.
Dr.ssa Silvia Graziani
gsilvia77@libero.it

[#8] dopo  
Utente 458XXX

Ringrazio ancora gli specialisti intervenuti,che con i loro commenti mi hanno sicuramente aiutato nel prendere ancor piu' coscienza del mio problema.
Sto gia' valutando la possibilita' di rivolgermi ad uno psicoterapeuta.
A proposito, ho gia' contattato uno specialista, ma in una citta' diversa dalla mia, se poteste indicarmi uno psicologo - psicoterapeuta che esercita a Messina?
Grazie di cuore a tutti.