Utente 251XXX
Buon giorno
io e la mia fidanzata siamo coetanei (23 anni) stiamo insieme da 5 anni, con i normali alti e bassi della coppia ma non ci siamo mai lasciati o fatto inutili tira e molla. Lei verso di me è sempre stata molto gelosa a volte quasi morbosa (mi controllava pc telefono). Un mese fa mi ha detto "basta voglio fidarmi di te non voglio più essere così" da quel giorno io mi sono sentito un pò perso, essendo stato abituato ad essere il centro del suo mondo. Ed ho cercato di farla ingelosire e anche arrabbiare a volte. Da quel momento è cambiata e dopo un paio di settimane mi sono accorto che c'era qualcosa che non andava, così l'altra sera l'ho presa in disparte e le ho detto che dovevamo parlare per chiarire la situazione.
Ebbene lei mi ha detto che da un pò di tempo che sente che qualcosa è cambiato e che vuole una pausa. Io inizialmente le ho detto se è così preferisco che la finiamo subito non voglio stare in sospeso un paio di settimane ho già troppe incertezze al momento, a quel punto mi ha risposto che non vuole mandare all'aria 5 anni così che ci vuole pensare che ha bisogno di pensare, che mi ama ma vuole essere sicura di andare avanti, poi ha aggiunto tutte storie del tipo sei il ragazzo più in gamba con gli attributi spero che tu abbia sempre il meglio e che mi ama ancora e starebbe molto male se mi vedesse con un altra. Per lei è un periodo un pò difficile in quanto a lavoro si sono create situazioni di tensioni col suo capo e ormai lo vede solo come ostacolo per studiare per la preparazione al test di medicina al quale non riesce ad entrare ma riprova ogni anno. Per me è un periodo difficile devo dare gli ultimi due esami all'università e preparare la tesi e questa situazione mi fa star male e mi impedisce di concentrarmi su queste cose. E' solo due giorni che non ci sentiamo e io sto malissimo. Ho paura che aver mostrato il mio lato debole le abbia fatto venire dei dubbi una volta che lei si è iniziata a comportare come mi comportavo io. Non so come comportarmi ho tutto il giorno lei in testa e le vorrei scrivere la vorrei chiamare la vorrei vedere. Avevo pensato di mandarle un messaggio dove le dicevo che anche io ho bisogno di pensarci e non sono più tanto sicuro di noi per mostrare un pò di forza cosa che a lei piace e altre volte davanti a una mia presa di posizione si è tirata indietro (avevamo avuto un'altra crisi un paio di anni fa perchè mi ha detto che ero troppo affettuoso a volte appiccicoso). Spero in un vostro consiglio. Saluti.

[#1]  
Dr.ssa Angela Pileci

56% attività
20% attualità
20% socialità
SESTO SAN GIOVANNI (MI)
MONZA (MB)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Gentile ragazzo,

in tali circostanze, quando uno dei due è più forte (ovvero tu all'inizio perchè avevi più potere sulla tua ragazza gelosa e dipendente), è chiaro che -cambiando ruoli e scenario- ci si sente persi e spiazzati.

Ma da qui non siamo in grado di darti consigli su come comportarti, in quanto non conosciamo la coppia nè la storia di relazione. Soprattutto mi incuriosisce sapere che cosa ha determinato tale cambiamento nella tua ragazza che, quasi improvvisamente, non è più gelosa e si allontana, diventando più indipendente e matura.

Ne avete parlato?
Dott.ssa Angela Pileci
Psicologa,Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
Perfezionata in Sessuologia Clinica

[#2] dopo  
Utente 251XXX

Si ne abbiamo parlato ma non ha saputo rispondermi, le ho chiesto se ha incontrato qualcuno che le ha fatto venire dei dubbi (anche se neanche io lo pensavo possibile) e mi ha risposto che non è così, e che anche se ci lasciassimo non avrebbe voglia di vedersi con qualcun'altro. E possibile che lei non sappia il motivo di questo o me lo vuole solo nascondere?

[#3]  
Dr.ssa Angela Pileci

56% attività
20% attualità
20% socialità
SESTO SAN GIOVANNI (MI)
MONZA (MB)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Di sicuro sappiamo che è cambiato qualcosa nella tua ragazza e nella relazione, che non coincide necessariamente con l'incontro di un altro ragazzo.

Se la persona che prima aveva una difficoltà di autonomia (la tua ragazza), impara ad essere più autonoma e si rende indipendente da chi era per lei una sorta di "infermiere" (tu), è chiaro che colui che era prima forte ora si senta spiazzato e persino senza ruolo.

Che cambiamenti ci sono stati nella sua vita ultimamente?
Dott.ssa Angela Pileci
Psicologa,Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
Perfezionata in Sessuologia Clinica

[#4] dopo  
Utente 251XXX

Cambiamenti nessuno, come dicevo prima ha iniziato a odiare il suo capo e il suo lavoro sia per situazioni che si sono create a lavoro sia perchè ora vede il lavoro come un ostacolo per lo studio per il test per entrare a medicina (è 4 anni che prova e non riesce e tenta ogni anno perchè è quello che vuole fare nella vita) altrimenti nulla di nuovo.
Sarebbe meglio chiederle un ulteriore chiarimento anche se lei mi ha chiesto questa pausa o continuare a non sentirci?

[#5]  
Dr.ssa Sabrina Camplone

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
MOSCIANO SANT'ANGELO (TE)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2010
Gent.le ragazzo,
sembrerebbe che nella nostra dinamica di coppia di orienti in funzione di uno stereotipo, mi consenta oramai logoro e obsoleto, secondo il quale bisogna sempre mostrarsi forti agli occhi del partner, pena la perdita di potere all'interno del rapporto. Cosa ne pensa? Si ritrova in questa descrizione?
Dr.ssa SABRINA CAMPLONE
Psicologa-Psicoterapeuta Individuale e di Coppia a Pescara e Mosciano S.Angelo (TE)
www.psicoterapeuta-pescara.it

[#6] dopo  
Utente 251XXX

A me non interessa la perdita di potere su di lei, io vorrei solo non perderla e sto cercando di capire come sarebbe meglio comportarmi in questa situazione.

[#7]  
Dr.ssa Sabrina Camplone

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
MOSCIANO SANT'ANGELO (TE)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2010
Allora rispetti la sua scelta e le conceda il tempo di fare chiarezza dentro di sé, per portare avanti una relazione bisogna essere in due.
Dr.ssa SABRINA CAMPLONE
Psicologa-Psicoterapeuta Individuale e di Coppia a Pescara e Mosciano S.Angelo (TE)
www.psicoterapeuta-pescara.it

[#8]  
Dr.ssa Valeria Randone

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
16% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2010
Gentile Ragazzo,
la gelosia ossessiva ed il controllo ossessivo, non equivalgono alla salute del rapporto di coppia, così come il disinteresse, ma trovare la "giusta distanza" dal mondo dell'altro, senza occuoparlo, posciugarlo e monitorarlo, potrebbero rappresentare una nuova e più funzionale dinamica di coppia.
Aspetti che la sua ragazza comprena cosa desidera ed insieme, a pausa conclusa, cercate di far transitare il rapporto ad una dimensione adulta del legame d'amore, improntato a fiducia e rispetto reciproco.
Cordialmente.
Dr.ssa Valeria Randone,perfezionata in sessuologia clinica.
https://www.valeriarandone.it

[#9]  
Dr. Giuseppe Santonocito

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
SIGNA (FI)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
>>> avevamo avuto un'altra crisi un paio di anni fa perchè mi ha detto che ero troppo affettuoso a volte appiccicoso
>>>

Se il vostro era un rapporto un po' morboso da ambo i lati, come sembra di capire, è chiaro che se uno dei due inizia a cambiare, l'equilibrio si può spezzare. Accade anche nelle coppie senza morbosità.

La presa di posizione della ragazza: "Basta voglio fidarmi di te, non voglio più essere così" potrebbe in realtà significare: "Voglio essere più sicura di me stessa". Ed è possibile che il sentirsi più sicura abbia coinciso con una necessità di maggior autonomia.

È solo un'ipotesi.
Dr. Giuseppe Santonocito - Psicologo Psicoterapeuta
Specialista in psicoterapia breve strategica
www.giuseppesantonocito.it

[#10] dopo  
Utente 251XXX

Bè per l'autonomia non ce la siamo mai negata, non siamo una di quelle coppie che stanno insieme 7 giorni su 7, abitiamo a 40km di distanza e ci vediamo 3o4 volte la settimana, lei ha un suo gruppo di amici con i quali esce e io idem. Non è che se uno non c'è l'altro deve stare a casa. Aspetterò allora che riesca a chiarirsi le idee spero di riuscire ad aspettare senza chiamarla o vederla. Vi farò sapere, grazie per le vostre opinioni e altri buoni consigli sono ben accetti ovviamente.

[#11]  
Dr. Giuseppe Santonocito

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
SIGNA (FI)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Io però ho detto *maggior* autonomia. Può darsi che una certa autonomia ci sia sempre stata, ma che per la ragazza sia diventata improvvisamente troppo poca.

Questo è ciò che si può ipotizzare se dici che il tuo essere "affettuoso, a volte appiccicoso" aveva causato un'altra crisi due anni fa. Il motivo sembra lo stesso, solo presentato in modo diverso.

Se avete concordato questa pausa, la cosa migliore è probabilmente aspettare e vedere cosa succede. Se son rose fioriranno.

Va da sé che forse dovresti evitare di mostrarti ancora "appiccicoso" nel frattempo.
Dr. Giuseppe Santonocito - Psicologo Psicoterapeuta
Specialista in psicoterapia breve strategica
www.giuseppesantonocito.it