Disagio di coppia

Buona sera vorrei parlare di una situazione delicata che sto vivendo. Ho già chiesto una volta informazioni per il tradimento del mio ragazzo mentre ero in attesa di nostra figlia. Ho 20 anni e dopo la nascita di mia figlia ho dovuto fare i conti con quello che mi stava succedendo, la cosa più bella che una donna può desiderare e l'essere traditi dal proprio compagno. Come ho già scritto nell'altro mio consulto io e il mio ragazzo sembravamo essere riappacificati ma io penso che stiamo avendo ancora problemi. Lui è fuori paese anche se penso che a breve ritornerà qui per mancanza di lavoro anche al nord. Litighiamo spesso ma la mia rabbia è che spesso abbiamo problemi nel parlare di sua mamma,una donna che faceva finta di essere mia amica ma che poi si è rivelata tutt'altro quando ha difeso quello che il figlio mi aveva fatto,una donna che è gelosa dei propri figli e che spesso mi mette contro a lui,lamentandosi di non vedere tutti i giorni la nipote e perchè vuole avere il pieno dominio sui figli sopratutto con il mio ragazzo che è il figlio piu piccolo e senza lavoro e crescere una nipote di 8 mesi che ha già una mamma,io. Quando discutiamo io sto male perchè lui difende spesso se non dire sempre sua madre,io sto male perchè non mi sento capita e apprezzata da lui,sto male perchè ogni volta poi mi chiedo se non è meglio lasciare tutto e farmi una vita per conto mio. Quando litighiamo lui usa sempre parole pesanti e forti che a me feriscono tanto,vedo tanta rabbia in lui non capisco il xke e anche per una cosa banale mi dice addio. Io poi mi arrabbio e non mi faccio sentire,il giorno dopo o 2 giorni dopo è lui che si fa sentire x la scusa della bambina e si arrabbia con me perchè non lo chiamo. Ammetto che il mio ragazzo è molto immaturo nei suoi atteggiamenti ma poi quando vedo che mi cerca arrabbiato nn so cosa pensare,se al positivo o al negativo e vado in confusione. Quando stiamo bene sono la sua principessa e quando litighiamo non riconosce i suoi sbagli e io sono il mostro. Dopo di più mi arrabbio perchè vedo tanta cattiveria in mia suocera che pare divertirsi e io sto male perchè ripenso quando litighiamo al suo tradimento. Lui verrà domani,nei miei pensieri ce sempre e io sono innamorata di lui ma nn mi fido pi di lui e di quello che prova. Nella nostra intimità lui è molto focoso quando facciamo l'amore e vedo che mi desidera ma io ho mille paure,anche nel nostro sesso. Ho tanta voglia di stare con lui ma ho paura che concedendomi totalmente corpo e mente lui mi possa pugnalare alle spalle come ha già fatto e starci male ancora.Infatti quando facciamo l'amore io sento che mi trattengo. Penso continuamente a lui xo a volte vorrei che mi desiderasse ancora di più e capire se mi ama ancora o no, ho tanta paura di sbagliare,cosa ne pensate?
[#1]
Dr.ssa Laura Rinella Psicologo, Psicoterapeuta 6,3k 119 7
Gentile Ragazza,
siete ancora molto giovani e vi siete trovati ad affrontare presto la responsabilità come genitori, il che complica un po' le cose.

Credo che dovreste trovare un modo per parlarvi differente, più sereno e costruttivo, ma ancora pesa quell'episodio della discoteca, sembra sia tuttora motivo di molti scontri.
Non riesce proprio a gettare tutto dietro le spalle? Cosa dovrebbe fare questo ragazzo secondo lei per meritare la sua fiducia?
Per quali altri motivi litigate?

Occorrerebbe che ricostruisse la fiducia in lui e nel rapporto, se volete stare insieme e dare serenità alla vostra bambina. Avete ancora tanto da fare, una vita davanti, una bimba da crescere, una sistemazione economica da costruire. Cercate di appianare i vostri contrasti e di trovare soluzioni, anche con la mamma di lui, piuttosto che alimentare la confusione che già c'è nella vostra vita. Provate a confrontarvi sui vostri bisogni, desideri sentimenti, aspettative, progetti. Chiaritevi, è necessario, ma con calma.

Se non ci riuscite da soli potete trovare aiuto specialistico al Consultorio Familiare ASL, non occorre prescrizione medica.

Cari auguri

Dr.ssa Laura Rinella
Psicologa Psicoterapeuta
www.psicologiabenessereonline.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno io ho tanta paura perchè non vedo tranquillità in lui, quando litighiamo o x la mamma o x gelosie così lui scatta subito e non sa nemmeno lui cosa dice, e non capisco se dipende da me o non sa nemmeno lui quello che fare Ci sono momenti in cui penso che non mi vuole perdere e altri in cui non si interessa molto di me. Stamattina sono contenta dentro di me perchè ieri sera è arrivato e ci siamo subito visti perchè io sto ancora con mia madre perchè lui non lavora. Ieri sera quando ci ha visti gli brillavano gli occhi e infatti dopo mi ha detto mi stavo sentendo male siete bellissime vi amo. Io ho paura xke non mi sento sicura di lui e xke qualche piccola bugia di cose futili le dice e mi fa pensare ancora mi nasconde anche altre cose.
[#3]
Dr.ssa Laura Rinella Psicologo, Psicoterapeuta 6,3k 119 7
Cara Ragazza,
cercherei come già le ho detto di mettere ordine nella confusione che sta sperimentando e di fare chiarezza in lei e con il suo compagno.

Con una bambina da crescere, ha bisogno di riconquistare una condizione di tranquillità e benessere emotivo, fiducia nel rapporto e stabilità. E' importante non solo per lei e la coppia, ma in particolare per la sua bimba. La serenità della mamma è quella dei propri figli.

Che ne pensa di rivolgersi al Consultorio Familiare per incontrare un nostro collega di persona, meglio con il suo compagno, come le ho suggerito in precedenza?
[#4]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio ma non mi trovo a mio agio e poi i consultori della mia città non sono adatti per la mia situazione, vivo in un piccolo paese dove i consultori famigliari diciamo che non esistono proprio, ma penso che il problema lo devo affrontare con lui e basta, penso che sia l'unica soluzione. In questi giorni usciamo e abbiamo ritrovato anche un pò di serenità anche se non posso negare di pensare a quello che ci è successo perchè mi fa ancora tanto male. Stiamo preparando il battesimo di nostra figlia e lui è molto dolce, ci siamo ritrovati nella nostra intimità e in quel momento mi sono sentita di nuovo tanto desiderata da lui, protetta e anche io, sono stata bene. ma allora perchè 5 minuti dopo avevo ancora le mie paure,pensare di lui con un'altra, di come ha potuto essere cosi superficiale. Non riesco a parlare con lui facilmente perchè avevamo deciso di non parlarne piu perchè lui non riesce ad ammetterlo con le parole ma con gli occhi e gesti si esprime in tutto e me ne accorgo. Una sua confessione forse mi sarebbe stata un po piu di aiuto oppure no,non lo so spero di superare presto questa situazione soprattutto per come dice Lei per la tranquillità mia e di mia figlia anche se non saprei che parole usare per farglielo capire. La ringrazio tanto.

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test