Verginità in età adulta

Gentili dottori
Questa è la mia situazione
Zero baci zero rapporti 24 anni alle porte
Il consiglio più in voga di conoscenti e non solo?
Sesso a pagamento
Sesso a pagamento per sperimentare, per puro piacere fisico, per spezzare una catena che mi sono auto legato...
Io non riesco
Ma ho tanta voglia di sesso come ho tanta voglia di affetto non solo genitoriale...
Cosa mi dite?
Grazie in anticipo.Cordialità.
[#1]
Dr. Giuseppe Santonocito Psicologo, Psicoterapeuta 13,6k 298 182
A quanto pare lei è in ritardo non solo dal punto di vista lavorativo ("ergofobia" ancora mi mancava, bel neologismo), ma anche da quello relazionale.

Come ipotizza a buon titolo lei stesso nel consulto precedente, forse perché si trova a vivere in condizione agiata, forse perché i suoi genitori la viziano un po', si ritrova a 24 anni con la sensazione di avendo combinato poco.

Come ha detto qualcuno, spesso la depressione è solo il segnale di un corpo che ha bisogno di lavorare.

Perciò è probabile che debba decidere di dare una scossa alla sua vita, mettendosi in moto. Faccia questo e avrà fatto un primo, importante passo verso la guarigione.

Infatti, come cantava qualcun altro, chi non lavora non fa l'amore.

Dr. Giuseppe Santonocito - Psicologo Psicoterapeuta
Specialista in psicoterapia breve strategica
www.giuseppesantonocito.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
Gentile dottore
Non voglio fare quello che fa domande per sentirsi rispondere come meglio desidera, ma mi permetto di dire che sentirsi dare del "ritardatario" e di darsi una mossa, soprattutto da un professionista serio quale è lei sicuramente,è un po' scoraggiante e a mia opinione un po' superficiale.Senza rancore ancora cordialità. ..
[#3]
Dr. Giuseppe Santonocito Psicologo, Psicoterapeuta 13,6k 298 182
Lo so che non è gradevole, ma se ci pensa bene è una cosa della quale lei stesso si è già reso conto: che è in ritardo perché se l'è potuto permettere, piuttosto che un (ex) malato destinato da qui in avanti alla cronicità.

Essere in ritardo non è un disonore, ma come per qualunque altro problema, per risolverlo occorre prima riconoscerlo.

Forse finora è stato trattato con troppa accondiscendenza, perciò non le renderei un buon servizio se assecondassi il suo bisogno di essere accondisceso. Perché è QUELLO che deve combattere.

Fare il professionista non vuol dire per forza dare risposte convolute, a volte la risposta più utile è quella più diretta.

In ogni caso è evidente che i "consigli" online sono inutili per risolvere i problemi di una vita. Se ritiene di aver bisogno di un aiuto risolutivo, è di persona che deve cercarlo.

Se vuole possiamo orientarla in tal senso.
[#4]
dopo
Utente
Utente
Forse sono i limiti del consulto online, forse perché non ha avuto l'occasione di conoscere il mio vissuto nel dettaglio (viziato a volte si, ma resoconsapevole della realtà delle cose anche) hanno innescato in me questa reazione polemica...forse sarebbe più utile un confronto de visu,non con lei per un mero motivo di distanza...
[#5]
Dr. Giuseppe Santonocito Psicologo, Psicoterapeuta 13,6k 298 182
Infatti uno degli svantaggi del consulto online è proprio questo: che è più difficile far passare il messaggio utile alla persona, perché spesso è anche il meno gradevole. Di persona si può invece far molto per renderlo accettabile:

https://www.medicitalia.it/blog/psicologia/3551-psicologo-devo-proprio-andarci-di-persona-perche-non-potete-aiutarmi-online.html

Legga anche questo, per informarsi su alcuni dei più diffusi approcci psicoterapeutici:

https://www.medicitalia.it/minforma/psicoterapia/533-mini-guida-per-la-scelta-dell-orientamento-psicoterapeutico.html

In generale ogni approccio può avere una sua validità, ma se il problema è quello di impadronirsi delle abilità sociali - perché in fondo sembrano mancarle quelle - gli approcci più attivi, prescrittivi, focalizzati e direttivi potrebbero fare al caso suo.
[#6]
Dr.ssa Angela Pileci Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 19,6k 493 45
Gentile ragazzo,

a mio avviso sarebbe utile capire che cosa Le impedisce di approcciare una ragazza e costruire delle relazioni sentimentali.
Incontra lo stesso problema anche nelle relazioni amicali?
Teme di essere rifiutato o giudicato? Non ha mai imparato come si fa a corteggiare una ragazza? ecc...

Intanto può leggere anche questo articolo:
https://www.medicitalia.it/minforma/psicologia/1087-le-abilita-sociali.html

Per quanto riguarda il sesso a pagamento, dubito fortemente potrebbe risolvere il problema; sarebbe meglio, come già Le è stato consigliato, rivolgersi ad uno psicologo psicoterapeuta di persona per modificare la Sua tendenza a perseverare in un determinato atteggiamento nella vita. Con buona probabilità Lei mette in atto questi comportamenti in maniera inconsapevole senza riuscire a vedere vie d'uscita.

Cordiali saluti,

Dott.ssa Angela Pileci
Psicologa,Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
Perfezionata in Sessuologia Clinica

[#7]
Dr.ssa Valeria Randone Psicologo, Sessuologo 17,4k 316 668
Gentile Raggazzo,
Anche io, come i colleghi, la invito a leggersi dentro ed andare oltre il disagio palesato.
La prima volta, simbolica, importante e fortemente ansiogena, porta con sè svariati elementi a volte ingombranti.
Lei sembra deprivato di amore, affettività, dolcezza.....non credo che la sessualità mercenaria possa aiutarla nel recupero dell ' affettività e sensorialità....

Sarebbe utile che lei riuscisse a ' fare l' amore", senza scindere amore e sesso, psiche e soma...., l' amore è sempre un amplificatore emozionale e del desiderio.

Le allego qualche lettura sulla prima volta e sulla sessualità mercenaria, come cavallo di troia per la vita adulta...


Escort
https://www.medicitalia.it/blog/psicologia/2671-sono-vergine-ed-inesperto-vado-con-una-escort.html
Prima volta.
https://www.medicitalia.it/blog/psicologia/1336-verginita-parte-seconda-dalla-parte-dell-uomo.html
https://www.medicitalia.it/blog/psicologia/1313-verginita-la-fatidica-prima-volta.html

Cordialmente.
Dr.ssa Valeria Randone,perfezionata in sessuologia clinica.
https://www.valeriarandone.it

[#8]
dopo
Utente
Utente
Gentile dottoressa Randone....
Il dottore che ha risposto precedentemente ha detto di mettermi in moto sia dal punto di vista professionale che realazionale....nella prima situazjone mi sono messo in moto per un'attività di volontariato presso una casa di cura per anziani...nel secondo caso ho una cerchia ristrettissima di amici fraterni con cui sono nato insieme (vivo in un paese di poche anime) qualche amica anche di bella presenza con cui però ho instaurato un rapporto solido di amicizia (e anche questa una tendenza che mi ha sempre meeso in difficoltà dal punto di vista sentimentale) e una cerchia di conoscenti che mi danno sempre dato attestati di stima. Ora tenendo conto che arrivo da un momento molto buio ove la falce mi ha rasentato i capelli, mi sto muovendo nel giusto senso? Poi volevo chiedere; secondo me un ritardo che può essere imputabile a vari fattori secondo me è dannoso nella misura in cui ci fa soffrire...è una riflessione riduttiva?
[#9]
Dr. Carla Maria Brunialti Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 14,3k 446 103
Gentile ragazzo,
Vedo ora il Suo consulto e riprendo la tematiche che Lei ci ha posto, pensando che talvolta la soluzione ha tempi lunghi e che quindi vale la pena riprendere il discorso.
Vergine a 24 anni. Un dato clinico: oggi sono in aumento i maschi che ritardano il primo rapporto sessuale anche oltre i trent'anni, ne fanno fede anche i molti consulti ricevuti su qs blog nel tempo.
Talvolta è paura, talaltra una forma fobica nei confronti della sessualità penetrativa o dell'altro sesso in genere; talvolta è semplicemente perchè non si è incontrata la persona giusta, talatra perchè la masturbazione ha rappresentato un sostituto magari abusato o complicato dall'uso eccessivo o ossessivo di internet-pornografia.
Lei dirà: che mi serve questo elenco di possibili cause? risposta: a farLe da specchio per cercare di capire quella a Lei più attinente. La sessualità non è fatta solo di età (statistica), di comportamenti (previsti o prevedibili), bensì di sentimenti, di motivazioni, di resistenze.
Ho seguìto molte situazioni simili alla sua, ma mai ho potuto vedere una risoluzione definitiva attraverso il sesso a pagamento. Oggi attraverso la sua nuova occupazione in quella Residenza per anziani ha la possibilità di fare nuovi incontri (anche considerato che chi assiste è per la gran parte di genere femminile...). Non tema il ridicolo, le ragazze possono essere molto sensibili e attente.
Saluti cari.

Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfezionata in Sessuologa clinica, Psicologa europea.
www.linkedin.com/in/brunialtisessuologaclinica/

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio