Coppia: non rendersi conto di tradire dopo un lutto, è possibile?

Cari medici,
sono una ragazza di 28 anni e fidanzata da 10. Avrei messo la mano sul fuoco per provare la fedeltà del mio ragazzo. Viviamo insieme da 3 anni e ci amiamo molto.
La scorsa settimana, usando il suo cellulare, mi si è aperta una pagina con scritto "bentornato ragazzohot80". Inizialmente ho pensato che fosse pubblicità, ma poi ho chiuso tutto e ho ridato il telefono al mio ragazzo. La mia testa ha iniziato ad andare in confusione totale e ho iniziato ad indagare su quel nick. Ho scoperto: moltissimi siti in cui lui aveva inserito annunci per incontri trasgressivi, iscrizioni a molti forum dove ho persino trovato ben 15 foto pubbliche! Mi sono sentita tradita, non riuscivo più a capire nulla, pensavo non fosse lui anche se erano presenti tutti i suoi dati. Ho respirato a fondo ed ho deciso di non dirgli nulla! Ho iniziato di fargli domande, ma mi ha detto le solite cose: "se non ci fossi morire, non farei mai nulla che possa farti star male,.." Pretendevo che con calma me lo dicesse.
Poi gli ho detto tutto quello che ho scoperto. Lui cercava una via d'uscita al discorso, finchè mi ha confessato la "verità". Mi ha detto che non è colpa sua e che aveva un problema se lo ha fatto, nel senso che nella mente gli sembrava di entrare in una galleria dove non si rendeva conto di cosa faceva. Insomma è stato solo un periodo di qualche mese ma che ora è passato. Il giorno dopo, salta fuori che: è arrivato a fare molte videochat, a trovarsi con una ragazza, a creare una mail nuova,.. Tengo a precisare che ho faticato a sapere queste informazioni, aveva paura a dirmi tutto! A fatica, penso che 10 mesi di sbilanciamento da parte sua, potevano essere "perdonabili" dopo tutti questi anni passati insieme. Non è finita qui! Scavando ancora, ho trovato dei messaggi nel quale lui parlava con una ragazza delle sue fantasie e con scritto "beato tuo marito" (questo è uno dei tanti messaggi che ho trovato). Io gli ho sempre dato tutto e questo non l'ha mai negato nemmeno lui. Poi però, guardo la data del messaggio e scopro che tutto questo era iniziato ben 5 anni prima!!! Scopro sempre cose nuove che vanno a contraddire quello che lui chiama "verità". Dopo avergli fatto notare tutti questi messaggi, lui mi dice che assolutamente non se li ricorda e non pensava di aver fatto una cosa del genere!!!! Ora abbiamo preso una pausa per riflettere sulla situazione. Probabilmente, visto che non capisce ciò che ha fatto, ha qualche problema psicologico che va risolto prima possibile. Giusto 5 anni fa (da quando è iniziata la situazione) lui ha perso il padre ed ora si ritrova solo. Può essere che questo abbia influito sui suoi comportamenti o è solo una coincidenza? Lui non mi ha mai parlato di suo padre e quando cerco di parlarne, lui schiva il discorso; si tiene tutto dentro. In testa ha accantonato tutta la perdita e non ha ancora superato il lutto!
Vi prego ditemi come mi devo comportare e se veramente è possibile che lui non si rendeva conto di ciò che faceva.
[#1]
Dr. Carla Maria Brunialti Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 14,3k 446 103
Gentile utente,
ho letto con attenzione.
La cosa dura da 5 anni ed è difficile che per tutto qs tempo lui non si sia accorto di quanto stava facendo. Anche perchè, per come Lei descrive, le attività da lui condotte sono piuttosto articolate e elaborate (come dire progettate).
Che un lutto possa incidere anche profondamente sulla psiche è possibile, ma non sulla consapevolezza di quanto si sta facendo.

Tra voi tutto è sempre andato bene: affettività, sessualità, relazioni sociali? lei non ha mai avuto campanelli d'allarme?

Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfezionata in Sessuologa clinica, Psicologa europea.
www.linkedin.com/in/brunialtisessuologaclinica/

[#2]
Dr. Giuseppe Del Signore Psicologo, Psicoterapeuta 4,6k 51
>>Probabilmente, visto che non capisce ciò che ha fatto, ha qualche problema psicologico che va risolto prima possibile.<<
>>..lui mi dice che assolutamente non se li ricorda e non pensava di aver fatto una cosa del genere!!<<
forse è semplicemente difficile ammettere certe cose. Non credo sia utile per lei cercare di trovare una spiegazione nella "psicologia" o nella psicopatologia del suo partner, ma di affrontare la questione come una crisi di coppia.

Questi avvenimenti sono il segno di qualcosa che non va tra di voi, qualcosa che probabilmente non è stato mai affrontato.





Dott. Giuseppe Del Signore Psicologo, Psicoterapeuta
Specialista in Psicoterapia Psicodinamica
www.psicologoaviterbo.it

[#3]
dopo
Utente
Utente
Grazie molte ad entrambi per le risposte. Si è vero, non riesco nemmeno io a capire come abbia fatto a non accorgermene in tutti questi anni ma lui veramente si è creato una nuova identità nascondendomi tutto (e per fortuna ora l'ho scoperto). Tra noi è sempre andato tutto bene. Io gli ho sempre dato tutto l'amore che provavo per lui. Ultimamente infatti non riuscivo a capire perché non mi cercava, ma ho dato tutta la colpa allo stress lavorativo! Ho provato a pensare cosa non andava in noi ma sinceramente non trovo risposta, eravamo una normalissima coppia. Non riesco ancora a capire perché l'ha fatto! Io ho veramente dato tutto per lui ed ora dovrò lasciare il lavoro e iniziare una nuova vita nella città in cui sono crescita. Mi dispiace molto dover pensare a questo dato che fin la scorsa settimana non avevo dubbi su un futuro insieme a lui. Ora mi trovo spiazzata e non so cosa fare e come comportarmi con lui.
[#4]
dopo
Utente
Utente
Poi non capisco, perché mi avrebbe chiesto di andare a vivere insieme se lui aveva altro per la testa? Perché non mi avrebbe lasciato fin da subito? Scusatemi ma in quest'ultimo periodo mi sto facendo un sacco di domande a cui non trovo risposta. Poi, un'altra cosa che non riesco a capire: in tutti i messaggi che ho trovato lui continuava a dire di essere singolo; raramente trovavo che diceva di essere fidanzato, ma in questo caso scriveva che l'avrebbe tenuto nascosto.
Probabilmente è meglio interrompere la nostra storia subito. Penso che se l'ha fatto per tutto questo tempo, continuerebbe a farlo anche dopo un matrimonio o dei figli!! Scusatemi ancora veramente ma non so che fare, averlo scoperto mi fa sentire male, sono a pezzi. Era meglio se aveva il coraggio di ammetterlo.
[#5]
Dr. Carla Maria Brunialti Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 14,3k 446 103
Nelle sue due repliche mette a fuoco i molti segnali che rispetto alla crisi di coppia c'erano. Solo che Lei non li vedeva.
Certamente questa vicenda di inganno, prolungata nel tempo, ha minato profondamente la Sua fiducia nell'altro, in un percorso forse senza ritorno. E dunque sta ri-valutando la situazione da un altro punto di vista.

"Probabilmente è meglio interrompere la nostra storia subito. Penso che se l'ha fatto per tutto questo tempo, continuerebbe a farlo anche dopo un matrimonio o dei figli!! "

A botta calda è difficile avere la lucidità di prendere una decisione. Ci pensi un po' su, se ne ha la possibilità si confronti di persona con un collega. Capirà quale è la cosa giusta.
[#6]
Dr. Giuseppe Del Signore Psicologo, Psicoterapeuta 4,6k 51
>>perché mi avrebbe chiesto di andare a vivere insieme se lui aveva altro per la testa? Perché non mi avrebbe lasciato fin da subito?<<
sarebbe stato sicuramente coerente da parte del suo partner, ma spesso chi mette in atto questi comportamenti vorrebbe tenere il "piede in due staffe" e scinde quindi la sicurezza dell'attaccamento (la vostra relazione) con la dimensione del desiderio sessuale (ricerca di altre partner).








[#7]
dopo
Utente
Utente
Cari medici, grazie! Ieri ho fatto un'altra scoperta: questi anni di tradimento sono stati di fila e non a periodi come il mio ragazzo diceva. Nel senso che per 5 anni, ogni mese e quasi ogni giorno lui faceva queste cose. Una vera e propria dipendenza dal sesso virtuale. Lui continua a dirmi di non ricordarsi nulla e che non capisce. Inoltre tutte le mail che poteva farmi leggere, le ha eliminate definitivamente ieri! Ma non importa, abbiamo deciso che è meglio consultare uno specialista per uscire dal problema. Ma è possibile che una persona, dipendente dal sesso virtuale, possa amare follemente il partner? Non capisco. E' da ieri che continua a piangere e dire che non si ricorda nulla. Ha preso giorni dal lavoro e, dopo che abbiamo litigato, sembra stia per andare in depressione. Capisco che è dura, ma mi dispiace molto per lui perché posso capire che questo sia dovuto ad una patologia e non alla vera persona che lui è. Quindi ho deciso di dargli un'altra possibilità (nonostante tutto) perché lo voglio aiutare, voglio che lui esca dal problema! Secondo voi, servirà fare anche una tac? Io ancora non riesco a crederci! Lui comunque ora non è in grado e non ha la forza di andare al lavoro, è completamente giù di morale.
[#8]
Dr. Giuseppe Del Signore Psicologo, Psicoterapeuta 4,6k 51
>>Lui continua a dirmi di non ricordarsi nulla e che non capisce.<<
questo è alquanto incongruente come atteggiamento, perché chi non ricorda nulla è anche disorganizzato nel nascondere i fatti, mentre il suo partner sembrerebbe molto organizzato.

>>Una vera e propria dipendenza dal sesso virtuale.<<
come fa a sapere che il suo partner è ha una dipendenza dal sesso virtuale?

>>posso capire che questo sia dovuto ad una patologia e non alla vera persona che lui è.<<
come fa a sapere che si tratta di una patologia?
Ammesso che si tratti di dipendenza da pornografia o dal sesso virtuale, in questi casi non i perde la capacità di intendere e volere, perché il suo partner metteva in atto questi comportamenti in maniera lucida tanto che è riuscito a nascondere la cosa per anni.

>>Secondo voi, servirà fare anche una tac?<<
a cosa servirebbe?

Il suo bisogno di vedere l'altro come "patologico" ha probabilmente la funzione di dare una giustificazione per ciò che sta accadendo, ma è semplicemente un meccanismo di difesa. In realtà la questione andrebbe affrontata come crisi di coppia e non come patologia del singolo, perché altrimenti continuerete a mettere in atto le stesse dinamiche disfunzionali.





[#9]
dopo
Utente
Utente
Grazie dottore. Io penso che il mio partner abbia una dipendenza perché altrimenti non so in che altro modo poter spiegare il suo comportamento. Un tradimento lungo 5 anni in modo continuativo è molto molto grave, ma non capisco perché non ha fatto prima a lasciarmi e ha continuato a voler stare con me continuando tuttora a dire che mi ama! Continua a mentirmi anche su questo? Riguardo alla patologia, suppongo io che sia così! Altrimenti cos'altro potrebbe essere? Non riesco a capire che cosa ha fatto scatenare tutto questo e soprattutto cosa non andava in me per essere così tanto spinto da fare tutto ciò.
Vi ringrazio ancora per la vostra disponibilità
[#10]
Dr. Giuseppe Del Signore Psicologo, Psicoterapeuta 4,6k 51
>>Altrimenti cos'altro potrebbe essere?<<
tante altre cose, soprattutto se il suo compagno non provava disagio per questi suoi comportamenti e riusciva a fare una vita del tutto normale e nel pieno benessere. Dovrebbe comprendere che persone che hanno una dipendenza stanno male a diversi livelli e non solo quando vengono scoperte.

>>non capisco perché non ha fatto prima a lasciarmi e ha continuato a voler stare con me continuando tuttora a dire che mi ama!<<
perché la questione è più articolata. Se il suo partner frequenta determinati siti non significa che ha smesso di amarla o di volerle bene, l'amore non è un "tutto o nulla", ci sono molte altre sfumature che andrebbero indagate con il supporto di un Collega per un intervento di coppia.

Ogni relazione si co-costruisce e entrambi i membri della coppia contribuiscono appunto ad alimentare una certa visione delle cose. Lei probabilmente sta (o stava) alimentando il mito della "coppia perfetta", un ottimo sistema per evitare di vedere le cose che non vanno. Poi si arriva ad un certo punto in cui, come nel suo caso, succede qualcosa e si cade dalle nuvole.






[#11]
dopo
Utente
Utente
Gentile dottore, lui mi dice che stava malissimo ogni volta che riusciva a soddisfarsi dopo una videochat, che se ne pentiva dello schifo che faceva. Ma appena aveva un attimo, ritornava tutta la voglia di ricominciare con una nuova videochat, dove al termine si sentiva ancora male. Solo non capisco come ha fatto a nasconderlo per tutto questo tempo! Non è un semplice periodo. Non so se sono in grado di accettare tutto questo e perdonarlo. Ah, e poi ora continua a dirmi che se l'ha fatto, lo faceva perché aveva ed ha ancora un problema. Sente di non stare bene e vuole che lo aiuti a curarsi! Si rende conto che ha qualcosa che non va.

Probabilmente è vero, non riuscivo a vedere come stavano le cose, vede o tutto andare sempre bene. Ok, ora lo so!
[#12]
Dr. Giuseppe Del Signore Psicologo, Psicoterapeuta 4,6k 51
>>Sente di non stare bene e vuole che lo aiuti a curarsi!<<
dovrebbe consultare un Collega di persona per una valutazione, dopo la quale si può togliere il dubbio sulla dipendenza. Provare dei sensi di colpa dopo una video-chat o dopo la masturbazione non è così infrequente tra le persone che non hanno una dipendenza.

Il bisogno di ricercare il piacere altrove potrebbe essere una compensazione, perché magari se ne prova poco in altri aspetti della vita, non solo quella sessuale.







[#13]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio molto di tutto! Scaveremo più a fondo per capire il problema con l'aiuto di qualcuno. Le chiedo un'ultima cosa: quale figura sarebbe più indicata per seguire un caso come questo? Nel senso, "basta" l'aiuto di un psicologo?
[#14]
Dr. Giuseppe Del Signore Psicologo, Psicoterapeuta 4,6k 51
Basta consultare un Collega, meglio se specializzato in psicoterapia.









Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio