Perversioni

Sono gay.
Single da un anno.
Lasciato.
Ancora soffro nonostante lui abbia un altro xe fatico a accettare che non avrò mai le risposte che vorrei.
Mi capita però di trovare eccitanti serate che avvengono in locali gay
In cui si fa sesso (un po come nei locali scambisti etero) spesso con dei passamontagna, nell’anonimato.

Come mai questa Pratica mi eccita molto?! ?
Potrei trasgredire in altri modi, vedendo
In viso chi ho di fronte.
Ovviamente capita di immagiare loro due mentre fanno sesso durante queste mie
Serate
Per poi sentirmi Sporco e solo una volta che terminano.

Mi ripeto che merito di piu (
E ne sono
Convinto) ma poi il tempo passa e la voglia di trasgredire...torna.

Cosa non va in me?

Grazie
A.
[#1]
Dr. Carla Maria Brunialti Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 14,6k 453 103
Gentile utente,

le cosidette perversioni oggi sono denominate "parafilie",
e solo quando causano disagio rappresentano un disturbo;
in questo caso sono da definirsi "distubo parafilico".

Nel suo caso la "trasgressione" non danneggia nessuno,
però Le causa un disagio retrospettivo.

Due sono gli aspetti su cui è possibile "lavorare" psicologicamente:
una vita affettivo-sessuale più appagante,
una terapia nel caso che il disagio provato in Lei a causa di tale pratica diventi francamente disturbante
e dunque vada definito come "disturbo".

Saluti cordiali.
Dott. Brunialti

Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfezionata in Sessuologa clinica, Psicologa europea.
www.linkedin.com/in/brunialtisessuologaclinica/

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test