Non so se sono gay bisex o etero

Allora parto col dirvi che ho una serie di problemi.
Cardiologi uditivi ho avuto il linfoma e un ampitazione di gamba da sotto il ginocchio.
Ho 19 anni.
Io non so se sono gay non mi immagino con un uomo ma solo con una donna mi sono sempre immaginato di sposarmi e avere dei figli mentre con un uomo concepisco solo il matrimonio.
Ho avuto cotte in passato ma solo di ragazze e mai di ragazzi anche se non nascondo che mi attirano.
Con un uomo io vedo solo il sesso nient'altro ho difficoltà a trovare una donna ideale perché sono molto esigente mentre con un uomo non ho un prototipo.
Ho poca autostima in me stesso se non mi ha mai (cagato) una ragazza figuriamoci un ragazzo.
Mi masturbo principalmente con video gay però una volta dopo mi sento uno schifo e penso basta faccio schifo non si fa (questo è solo con i video gay).
Non ho mai baciato nessuno quindi secondo me non ha senso dichiararmi gay anche perché non lo saprei nemmeno io.
Forse sono bisessuale non lo so.
Non ho mai e tuttora avuto un un vero amico uomo solo amiche.
Non saprei relazionarmi con un un uomo cioe come faccio a capire se è gay o no non si può.
Poi in famiglia specialmente i miei nonni non concepirebbero una cosa del genere.
Ho sempre desiderato una famiglia con dei figli ma con un uomo non riesco proprio a concepire una cosa del genere.
Ho sognato e volte di fare l'amore con un uomo e dopo mi sono sentito proprio uno schifo.
Sono al primo anno di università e non ho legato con nessuno a causa del mio problema uditivo.
In discoteca non riesco ad andarci perché ho paura di stancarmi perchè poggio tutto il peso sulla gamba buona a causa di un problema al tendine.
Sto guardando serie tv gay ultimamente. Quando vedo un ragazzo o una coppia gay delle serie tv o altro nutro una sorta di gelosia cioe di voler essere quella persona quindi questo mi attrae molto.
Forse sono gay ma non riesco ad accettare e realizzare una cosa del genere

Grazie, scusate se ho fatto errori di vario genere.
[#1]
Dr.ssa Angela Pileci Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 19,6k 494 45
Gentile ragazzo,

l'identità (compresa quella sessuale) si costruisce pian piano e se Lei, per diverse ragioni, ancora oggi non ha potuto fare determinate esperienze, è chiaro che -uscendo dall'adolescenza- possa incontrare alcune difficoltà.

Però, non penserei immediatamente a definire uno stato preciso, quanto a permettersi di utilizzare il tempo che Le serve per "curare" in primis la Sua bassa autostima, che può essere centrale e alla base delle Sue problematiche.

Ma a mio avviso, serve uno psicologo psicoterapeuta di persona che possa darLe aiuto: è importante ricostruire non solo le vicende, ma anche i Suoi vissuti, le Sue paure, le aspettative, ecc...

Leggendo la Sua richiesta, mi pare di capire che ci siano dubbi, confusione, focus sulle aspettative altrui, su come le cose dovrebbero andare, ecc... ma per prima cosa è bene mettere ordine in tutto ciò e solo successivamente potrà avere le idee chiare per poter scegliere consapevolmente.

Questo potrà permetterLe di vedere la situazione con maggiore serenità, senza le ansie che prova adesso.

Cordiali saluti,

Dott.ssa Angela Pileci
Psicologa,Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
Perfezionata in Sessuologia Clinica

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test