Aiutatemi a capire che problema abbia il mio fidanzato

Salve a tutti, sono fidanzata con lui da 7 mesi e più passano i giorni e più mi rendo conto che il mio ragazzo ha dei problemi ed ho seriamente bisogno di capire...Vi h chiedo gentilmente, soprattutto se esperti, di darmi un consiglio:
È il classico ragazzo che per come si comporta, viene preso un po' per sfigato... ma quelli che per gli altri sono stranezze, per me sono veri e propri sintomi di una sorta di malattia.

Non capisco...
Ride per battute stupide e alle battute con un po' di malizia, dove magari c'è un doppio senso o comunque c'è da capire ironia non ride.

Si comporta come una sorta di bambino, ha sempre sonno e dormirebbe in continuazione, è lentissimo a fare qualsiasi cosa, ci mette più di un ora anche solo per mangiare, a lavoro non riesce ad imparare facilmente, capisce le cose sempre dopo che gliele ripeti più volte, ha mille paranoie inutili, si ricorda quasi tutte le date storiche e tante altre cose...
La colpa più grande secondo me è dei genitori, che lo hanno tenuto sotto una campana di vetro per anni!
Non si ricorda le cose che gli dico a distanza di poco tempo e nemmeno quelle che dice lui infatti mi racconta sempre gli stessi episodi.

Allo stesso tempo però, riesce ad avere una vita normale, nel sesso va tutto bene e per tutto il resto anche, solo che è sempre lento in qualsiasi decisione.

Ho anche pensato che lui sia rimasto così a causa delle droghe di cui ha abusato in passato, ma lui dice di essere sempre stato così.


Non voglio lasciarlo perché lo amo, ma sta diventando insostenibile e magari sapendo cos ha, riuscirei a gestire meglio la cosa e lui potrebbe magari fare qualcosa.


Cosa potrebbe avere?
Come mi consigliate di procedere?
[#1]
Dr. Carla Maria Brunialti Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 17.8k 580 67
Gentile utente,

"Cosa potrebbe avere?
Come mi consigliate di procedere?"

Come saprà, online non si possono fare diagnosi
e tanto meno su quanto viene riferito da terze persone.

Se vuole aiutarlo
lo indirizzi ad una visita medica specialistica,
o presso lo Psichiatra o il Neurologo.

Non riesco ad essere più precisa
non potendo immaginare di cosa lui realmente possa soffrire;
sempre che "soffra" di qualcosa
perchè forse lui è semplicemente "così"..

Cari saluti.
Dott. Brunialti

Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta, Sessuologa clinica, Psicologa europea.
https://www.centrobrunialtipsy.it/