Madre da la colpa ai figli di averla abbandonata durante la separazione

Buongiorno a tutti, vi ringrazio in anticipo per eventuali risposte ottenute.

Vi descrivo la mia storia in breve.

Ho 30 anni, all’epoca dei fatti avevo 14 anni (forse meno).

Mio papà incomincio una relazione adultera e mia madre lo venne a scoprire.
Tentarono di recuperare il rapporto ma niente.
Decisero di separarsi in casa.
Scelta che non ho mai capito e condiviso (forse per il bene mio e di mio fratello, forse per altro), ma se a loro andava bene così, perché discutere.
La vita familiare prosegui normalmente per anni con alti e bassi vista la situazione, facendo finta di essere la tipica famiglia del Mulino Bianco e anche qui, io non ho mai condiviso.

Tutto scoppio l’anno scorso, quando le divergenze dei miei genitori si inasprirono e io, stufo, dissi che era ora se ognuno prendesse la propria strada perché era inutile proseguire in questa pantomima.
Arrivarono così alla decisione di separasi definitivamente.

Ecco da quel momento mia mamma ha incominciato a dire a me e a mio fratello che non l’abbiamo mai difesa, non abbiamo mai preso una posizione sulla situazione, nonostante mio padre abbia sbagliato e che l’abbiamo abbandonata.
Questa è una cosa che mi da estremamente fastidio, la scelta di stare separati in casa è stata loro, non mia.
E a distanza di anni vieni a riversare la colpa su di noi, dicendo che non abbiamo fatto nulla.

Io vorrei conoscere l’avvocato che gli ha detto queste cose...
la mia domanda finale è: ho sbagliato a non prendere mai una posizione (o meglio io una posizione la presi, dai 18 anni mi rifiutai di andare a qualsiasi pranzo/cena di festività importanti) ed è giusto che ora riversi la colpa su di noi??
[#1]
Dr. Magda Muscarà Fregonese Psicologo, Psicoterapeuta 3,7k 146 11
Gentile utente, situazione difficile quella che avete vissuto, forse scelta perchè pareva la più pratica e meno costosa apparentemente.. di fatto costosa e molto sul piano psichico, mi pare che Lei abbia tentato di far capire il disagio e l'infelicità che l'atmosfera provocava in voi figli.. avrebbero dovuto parlarvi , quando eravate abbastanza grandi da comprendere, molte, troppe cose.. Forse ora a trent'anni si può parlar chiaro e dire che si desidera avere rapporti più sereni , penso che voi questi genitori anche li amate in fondo al cuore , ma non possono incolpare voi ragazzi delle scelte che vi hanno somministrato. Parlar chiaro è difficile, mi rendo conto, ma alla fine è la scelta giusta e meno costosa altrimenti si rischiano rancori, e chiusure pesanti da superare. Coraggio, si può fare.. Restiamo in ascolto..

MAGDA MUSCARA FREGONESE
Psicologo, Psicoterapeuta psicodinamico per problemi familiari, adolescenza, depressione - magda_fregonese@libero.it

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test