Mi chiedo se stiamo superando bene il tradimento di mio marito

Buongiorno.

Sono una donna di 41 anni, con una storia d'amore molto felice di 22 anni, con un uomo mio coetaneo.

2 mesi fa, lui mi confessa fra le lacrime di non provare più le stesse cose di una volta, di non amarmi piú e di esseresi innamorato di una donna, pronto ad andare via di casa, scoperta dopo, come una collega molto insidiosa, più vecchia di 5 anni, piuttosto bruttina, il contrario di me, sposata con 3 figlie, che ha approfittato delle debolezze di mio marito che conoscevo di persona.

Ho scoperto hotel a ore, giri in Spa e altre cose banali.

Non vi sto a dire la tempesta di emozioni negative e positive, finite ad oggi al mio totale perdono, senza mai ripensarci, chiedendo a lui, di lasciarla perdere un attimo e stare noi 2 soli.

Lui non ha esistato a dirmi di si, e il giorno dopo l'ha scaricata senza mai voltarsi.

Abbiamo parlato, lui è stato sincero e onesto, descrivendomi cosa gli fosse successo.

Nonostante molti momenti di rabbia acuta, rivolti a lei, abbiamo fatto passi incredibili, tornando a stare bene insieme.
IN questi 2 mesi abbiamo dialogato cercando di crescere.
Lui mi ha confessato di sentirsi di nuovo vivo, con la voglia di fare cose insieme, ha prenotato le vacanze, mi ha fatto regali, attenzioni e descrivendo l'accaduto come se si fosse tolto un peso e rivalutando me come donna, lodandomi in tutta la mia reazione che lui, aveva dato per scontato fosse aggressiva e che lo avessi sbattuto fuori casa a calci, conoscendomi come gelosa, e che, sta notando in me dei cambiamenti, mi vede più rilassata, più matura e che gli piaccio molto così.

Abbiamo cercato di capire insieme i problemi, le mie colpe e le sue, cercando le cose belle, ripartendo da quelle.
Stanno riaffiorando spontanee ad entrambi, vecchie cose solo nostre che dicevamo e facevamo, quasi dimenticate.
Sono belle sensazioni, commoventi.

Stiamo facendo l'amore tutti i giorni, mi sento piú attratta da lui e lui da me.

Insomma, sembriamo 2 fidanzatini, mi dice parole belle, con il cuore ha un volto bello e felice.

Oggi lui mi diceva che, sente ancora un "blocco" e che vuole darmi il 100%.
Parlava dei suoi sentimenti.

È una persona chiusa, fa fatica ad esternare.
Ho provato a fargli descrivere questo blocco, ma non sa spiegarlo bene, e lui pensa che ci vuole solo un pó di tempo e vuole tornare a fare tutto quello che facevamo assieme, tutte le cose belle e le nostre passioni che, offuscato da lei, aveva accantonato e vedere come andiamo.

Mi ha detto che assolutamente, non ha piú alcun interesse per quella donna.
Anzi, lei ha avuto un comportamento nei miei confronti maleducato e lui ne é risentito.

Non vuole assolutamente che io mi paragoni a lei, perché dice che non ha nulla a che fare con me.

Mi chiedo come posso interpretare questo blocco e aiutarlo o se basterà il tempo, dato che va tutto bene ogni giorno e lui dice che vuole ricostruire l'amore, ma con il cemento.

Mi chiedo se ho sbagliato qualcosa io, se forse dovevo essere piú dura con lui.
[#1]
Dr. Dino Di Basilio Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 4
Qualche settimana fa mi è capitato di pubblicare sulla mia pagina di Facebook una frase di Armellini che diceva che il tradimento uccide solo le coppie già morte. A volte mi viene anche chiesto come terapeuta di coppia se un tradimento fa bene alla coppia: rispondo " dipende ". Un tradimento ha sempre dei costi e lascia sempre una ferita. L'esito di questa ferita dipende però da come la coppia affronta l'evento. Mi sembra che nel vostro caso questo sia stato fatto e siate riusciti a riaprire un dialogo e forse anche l'intimità. Ovvio che un evento che comunque ha coinvolto una persona per alcuni aspetti e l'altra per altri ha bisogno di essere elaborato.
Va dato quindi alla persona il tempo di elaborare il vissuto e tornare in un clima forse meno emotivo e meno coinvolgente per alcuni aspetti ma che assicura stabilità e sicurezza. Possono esserci momenti di crisi o blocchi come sono stati chiamati ma fanno parte di una naturale elaborazione di un evento comunque significativo.

Dr. Dino  Basilio

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie per la risposta.
Ieri ho provato a chiedergli di spiegarsi meglio su questo blocco.
Lui mi ha spiegato che, si è reso conto che mi ha sempre amata, anche quando era con quella donna, ma che si è sentito come "risvegliato da un incubo" in quel momento in cui mi ha confessato tutto.
Dice che ci eravamo persi, dati per scontati e sono d'accordo con lui.
Era anche deciso ad andare via, se io lo avessi sbattuto fuori, infatti aveva messo da parte dei soldi per un anno, ma pochi giorno dopo la confessione, me li ha messi sul tavolo dicendomi la verità, e che voleva restituirmeli per dimostrarmi ancor di piú, la sua intenzione a rimanere con me.
Mi ha detto che il suo blocco non è riferito all'amore per me o al sapere con certezza che vuole ancora invecchiare con me, ma che vuole urlarmelo a pieno quando avremo di nuovo ripreso a fare tutto quello che ci ha sempre reso felici e lui vuole darmi tutto se stesso e quello che mi ha tolto.
Credo che volgia solo dirmelo, quando sentirà che siamo riusciti a mettere su un muro di cemento e che nessuno entrerà mai piú.
Ogni giorno, parlando, si rende conto dell'abbaglio e della debolezza che ha avuto, e siamo arrivati a capire che lei, lo faceva sentire compreso su alcuni temi perché sembrava che anche lei vivesse una situazione simile e che aveva dato per scontato che io non avessi potuto capirlo, ma pentito di non averlo fatto e non aver dato fiducia alla mia maturità,che lui ha conosciuto in quel momento.
Lui, è molto più ottimista di me, mi ha detto che la vede sul lavoro, ma non gli da nessun tipo di sentimento.
Lui l'ha rimossa subito dalla sua vita, deciso e felice di quello che ha fatto verso di me.
Insomma, sembra che vada tutto per il verso giusto.
Rimangono solo dei momenti miei di rabbia dagli aspetti vendicativi nei confronti di lei, che immagino sia tornata piangendo dal marito, sicuramente scaricando tutto su mio marito e piagnucolando viziata com'é sempre stata e lo trovo ingiusto, ma sono sempre meno dolorosi e meno frequenti, anche perché mio marito mi capisce e mi aiuta a superarli.
Spero di non cadere piú in questi attimi, perché ci fanno stare male entrambi e frenano i progressi che facciamo.
Lui soffre a vedermi così per colpa sua,perché io sono tendenzialmente gioiosa, sorridente, solare altruista e buona, così mi descrivono tutti.
Vorrei arrivare a dimenticarla e ricordare solo, quanto ci ha fatto bene questo schok, per rinfornzare e creare questa coppia nuova e unita.
Spero di farcela davvero, perché forse allora potremo dirci un Ti amo pieno di verità e forza.

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test