Utente
Buon giorno,sn 1ragazza di 23anni e da2anni vivo in uno stato di ansia e angoscia quasi perenne!I motivi sn tanti, principalmente sn insoddisfatta,molto insicura di me stessa ed anche gli altri mi vedono così!La cosa che mi spinge a scrivere qui è il fatto che pur avendo 23 anni,nn ho mai avuto un ragazzo(mai baciato, mai avuto rapporti sessuali).All'inizio la cosa nn mi preoccupava, la ritenevo normale,ma adesso anche x via dell'età ho dei dubbi!In realtà nn mi è mai piaciuto nessuno al punto di starci e tutti quelli che mi piacevano nn mi consideravano!Premetto che nn ho 1vita sociale piena,esco sempre con le solite persone,sono molto diffidente,nn è facile che io esca con persone che nn conosco alla perfezione!I miei rapporti con l'altro sesso sn sempre stati minimi,nn ho amici maschi,se nn i fidanzati delle mie amiche.Ho cercato di capire cosa ci fosse in me che nn va e sn risalita a 2fatti:1)all'età di 9anni ho subito un abuso da un cugino;2)x motivi di lavoro mio padre all'età di 14anni è dovuto partite all'estero,in 10anni l'avrò visto 8volte;diciamo che è come se nn avessi un padre.Sn cresciuta con mia madre e mia sorella,che mi hanno trattato sempre come una bambina!Ora nn so se questi fatti possano in quelche modo aver influito sul mio rapporto con l'altro sesso,anche perchè in riferimento a qst 2 avvenimenti nn provo nulla,li ritengo fatti del passato vecchi!Mi sn poi resa conto che nel quotidiano assumo comportamenti strani.Sia con i familiari che con amici nn riesco a dire di NO e soprattutto nn riesco a dire le cose in faccia,se mi viene fatto un torto,non riesco a dirlo alla diretta interessata,pur avendo io ragione.Credo che il problema riguardi il fatto che ho paura di restare da sola(cosa che in fondo sn);preferisco passare sopra alle cose,ma serbo poi rancore.Nn mi piace essere giudicata,ed è per questo che nn mi metto mai in mostra e se lo faccio divento rossa(problema che mi crea un forte disagio),infine dò molto peso al giudizio altrui,nn sopporto di fare antipatia ad una persona;è x questo che quando mi presento ad una persona faccio di tutto per sembrare “amorevole”“pronta ad aiutarla in qualsiasi modo”.Se faccio qualcosa o parlo con qualcuno con cui nn ho molta confidenza sto molto attenta a nn apparire sciocca o rozza e se dico o faccio qualcosa di diverso,sto poi tutto il giorno a chiedermi cosa l’altro avrà pensato di me!cerco di evitare il contatto fisico con tutti tranne con mia madre e mia sorella!probabilmente il fatto di aver avuto l’acne ed essere stata criticata per questo mi ha portato a nascondermi;cammino sempre con occhiali da sole,sciarpe che mi coprono,senza i quali mi sento nuda.Sn un pò pienotta,anche xquesto sn stata criticata ed ogni volta che sn fuori mi sento cm se fossi un pagliaccio!se sudo ho paura di far puzza, mastico sempre gomme per paura dell'alito.Forse x qst nn ho un ragazzo,mi sento sempre ridicola. Questa è la mia situazione, vorrei un parere su quello che mi accade. Grazie. Lisa

[#1]  
Dr. Armando De Vincentiis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MARTINA FRANCA (TA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Gentile ragazza forse sarebbe il caso di confrontarsi con uno psicologo. Da quello che dice evidenzia una serie di paure che, probabilmente, sono enfatizzate dal suo modo di interpretare le cose. Paura di arrossire, paura di essere giudicata ecc., possono avere un legame con una sua possibile mancanza di stima che non è stata in grado di costruire grazie ad una serie di esperienze famigliari poco gratificanti.
Uno psicologo-psicoterapeuta potrebbe fornirle un valido aiuto.
cordialmente
Dr. Armando De Vincentiis
Psicologo-Psicoterapeuta
www.psicoterapiataranto.it
https://www.facebook.com/groups/316311005059257/?ref=bookmarks

[#2]  
Dr. Giuseppe Santonocito

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)
SIGNA (FI)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
> Ora nn so se questi fatti possano in quelche modo aver
> influito sul mio rapporto con l'altro sesso,anche perchè
> in riferimento a qst 2 avvenimenti nn provo nulla,li
> ritengo fatti del passato vecchi!

Gentile Lisa, la considerazione è corretta. Anche se per ipotesi questi eventi avessero davvero qualcosa a che fare con il modo in cui si sente adesso, il saperlo non sarebbe d'aiuto per cambiarlo. Se voglio andare da Roma a Firenze, non ha alcuna importanza il modo in cui sono arrivato a Roma, mentre ne ha il sapere dove sono e dove voglio arrivare.

Se sente il bisogno di affrontare il suo disagio e sconfiggere il "nemico", un aiuto psicoterapeutico potrebbe essere molto indicato. Può intanto cominciare a raccogliere un po' d'informazioni su che cos'è e cosa aspettarsi da una psicoterapia, leggendo quest'articolo:
https://www.medicitalia.it/minforma/psicologia/

Esistono vari approcci psicoterapeutici ma tenga presente che il particolare terapeuta è molto più importante del particolare approccio utilizzato. Ad ogni modo qui troverà alcuni cenni su uno di essi, la psicoterapia breve strategica:
http://www.giuseppesantonocito.it/art_intervento.htm

Cordiali saluti
Dr. Giuseppe Santonocito - Psicologo Psicoterapeuta
Specialista in psicoterapia breve strategica
www.giuseppesantonocito.it